Non è solo questione di veleno, il problema caratteriale del Napoli è cronico

Editoriale  
Dries Mertens, attaccante belga del NapoliDries Mertens, attaccante belga del Napoli

Qual è il problema del Napoli? Le spiegazioni di Gattuso possono limitarsi unicamente alla questione caratteriale?

Seguire le proprie idee è ammirevole, dimostra coerenza ma non sempre può essere la cosa giusta da fare. Ieri sera Gennaro Gattuso ha perseguito la sua idea di 4-2-3-1, e ne è uscito male contro il Milan e una delle cause della sconfitta non potrà essere - anche in futuro - la mancanza del veleno all'interno dei calciatori.

Gennaro Gattuso, allenatore del Napoli

Vista l’assenza di Osimhen, provare il terzetto Lozano-Politano-Insigne alle spalle di Mertens era l’unica alternativa all’inserire Petagna al centro dell’attacco. Non è andata bene, considerando negative le prove di almeno tre calciatori offensivi su quattro: si è salvato Politano, tuttavia più a suo agio quando si è ritrovato un po' più esterno e con la possibilità di rientrare sul piede mancino. Il resto no: Insigne non ha dato continuità all’ottimo periodo passato in nazionale ed è risultato impalpabile, Lozano ha confermato di non essere molto avvezzo alla fase difensiva e ai rientri in copertura, Mertens - escluso il gol ed un tiro deviato da Donnarumma - ha agito sì da punta centrale, ma spesso e volentieri l’abbiamo trovato troppo lontano dalla porta e sostanzialmente poco pericoloso in uno schema che somigliava più ad un 4-2-4 che ad un 4-2-3-1. È una fantasia immaginare Zielinski oppure Elmas dietro la punta? Oppure nel 4-2-3-1 la presenza di Mertens è ritenuta imprescindibile?

Zlatan Ibrahimovic dopo il gol in Napoli-Milan 1-3

Seguire le proprie idee e vederle venir meno anche per l’atteggiamento dei calciatori in campo: Gattuso ieri si è lamentato in modo veemente (“Vogliamo fare troppo i professori e poi facciamo sempre gli stessi errori. Non sempre vedo il veleno o il coltello fra i denti. Alcuni atteggiamenti non mi sono piaciuti. A volte non siamo una squadra”), ma il problema caratteriale del Napoli è cronico e va avanti da anni. Aggiungiamo una postilla: tatticamente contromisure al pressing alto del Milan su Koulibaly e Fabian, lasciando il primo possesso a Manolas, non se ne sono viste.

Dries Mertens subito dopo il gol segnato in Napoli-Milan

Il 19 aprile 2014 gli azzurri pareggiavano con l’Udinese e Benitez nel post-partita dichiarava “Il carattere e la mentalità non si comprano al mercato”. A distanza di tempo non è che si siano risolti in toto. Di quella squadra ci sono ancora Insigne, Mertens e Ghoulam: cambiano gli altri uomini, non i problemi. Cosa fare per risolverli? Oppure: si possono realmente risolvere?

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo MilanMilanCL

    43

    19
    13
    4
    2
  • logo InterInterCL

    41

    19
    12
    5
    2
  • logo RomaRomaCL

    37

    19
    11
    4
    4
  • logo JuventusJuventusCL

    36

    18
    10
    6
    2
  • logo AtalantaAtalantaEL

    36

    19
    10
    6
    3
  • logo NapoliNapoliEL

    34

    18
    11
    1
    6
  • logo LazioLazio

    34

    19
    10
    4
    5
  • logo VeronaVerona

    30

    19
    8
    6
    5
  • logo SassuoloSassuolo

    30

    19
    8
    6
    5
  • 10º

    logo SampdoriaSampdoria

    23

    18
    7
    2
    9
  • 11º

    logo BeneventoBenevento

    22

    19
    6
    4
    9
  • 12º

    logo FiorentinaFiorentina

    21

    19
    5
    6
    8
  • 13º

    logo BolognaBologna

    20

    19
    5
    5
    9
  • 14º

    logo UdineseUdinese

    18

    19
    4
    6
    9
  • 15º

    logo SpeziaSpezia

    18

    19
    4
    6
    9
  • 16º

    logo GenoaGenoa

    18

    19
    4
    6
    9
  • 17º

    logo TorinoTorino

    14

    19
    2
    8
    9
  • 18º

    logo CagliariCagliariR

    14

    19
    3
    5
    11
  • 19º

    logo ParmaParmaR

    13

    18
    2
    7
    9
  • 20º

    logo CrotoneCrotoneR

    12

    19
    3
    3
    13
Back To Top