La storia tra Callejon ed il Napoli non può avere questo finale, è indegno

Editoriale  
La storia tra Callejon ed il Napoli non può avere questo finale, è indegno

Il contratto di Callejon con il Napoli scade il 30 giugno, e ad oggi non è stato ancora trovato un accordo per prolungarlo quantomeno fino a fine stagione

  • 338 presenze, quinto calciatore di ogni tempo
  • 80 gol, undicesimo marcatore di sempre.
  • 26205 minuti totalizzati
  • 77 assist messi a segno

Basteranno questi pochi dati, tra vent’anni, per capire l’importanza di José Callejon nella storia del Napoli. Non di quella attuale, di quella di tutti i tempi. Perchè un calciatore come lo spagnolo, più di Edinson Cavani, di Marek Hamsik, di Dries Mertens e di Gonzalo Higuain, è qualcosa che capita poche volte nella vita. Pensateci, dal giorno in cui è arrivato non è mai stato in discussione: qualsiasi diretto concorrente nel ruolo è stato sempre sconfitto, sempre relegato all’immagine di comprimario e di seconda scelta.

Rafa Benitez e José Callejon nel 2013, l'estate in cui arrivò

Sempre fondamentale, per qualsiasi allenatore

Benitez, Sarri, Ancelotti, Gattuso: ogni allenatore seduto in panchina con Callejon ha sempre avuto una maglia da titolare per lui. Dal 16 febbraio 2014, Sassuolo-Napoli, al 4 febbraio 2017, Bologna-Napoli 1-7: titolare o dalla panchina, Callejon c’è stato sempre. Per tre anni, ma possiamo dire anche sette stagioni totali, lo spagnolo di Motril è stato reputato meritevole di almeno un minuto in campo.

L'espulsione del 2017 con il Bologna mise fine ad una serie di oltre 100 presenze consecutive per Callejon

La desolazione di un contratto non ancora prolungato

Pensare che tra cinque giorni, in attesa di un accordo ancora da ufficializzare per prolungare la sua avventura in azzurro fino al termine della stagione, il suo contratto possa scadere, francamente, è desolante. Lo è perchè magari le vicende legate al coronavirus hanno fatto passare in secondo piano la situazione, perchè al tempo stesso il suo epigono Dries Mertens ha prolungato per altre due stagioni - ed arrivarono entrambi nel 2013.

Il trio formato da Callejon-Mertens-Insigne è ormai parte integrante della storia del Napoli

Callejon fa parte della cultura calcistica della città

La storia tra José Callejon ed il Napoli non può avere un finale così, sarebbe indegno per tutto ciò che ha rappresentato. Certo, le questioni economiche hanno una loro importanza, ma qui si parla di un accordo bimestrale prima ancora che di un rinnovo per le prossime stagioni. Parliamo di un calciatore che ha formato un asse, quello con Insigne, proprietario di una giocata divenuta ormai parte integrante della cultura sportiva della città - alla pari della Ma-Gi-Ca del primo scudetto.

Un'espressione dubbiosa di Callejon, un simbolo di questa ultima stagione

De Laurentiis e Quilon trovino un accordo

Pensare che tra cinque giorni - in attesa di un accordo che, peraltro, il calciatore non rifiuterebbe, anzi la disponibilità a rimanere l'ha data da quasi una settimana - possa finire tutto è inaccettabile. Lo sanno i tifosi, lo sa Gattuso (che al tempo stesso deve pensare anche al futuro, che si chiami Politano o altro), ma soprattutto lo sanno De Laurentiis e l’agente di Callejon. I rapporti in passato non saranno stati perfetti (il viaggio infruttuoso - eufemismo - di Quilon a Dimaro ai tempi di Reina, ad esempio), ma qui c’è in gioco un pezzo di cuore di Napoli.

Le lacrime di José Callejon al termine della finale di Coppa Italia vinta contro la Juventus

Hamsik aveva la cresta, Cavani era il Matador, Higuain era il Pipita, Dries è e rimarrà Ciro. José Callejon è semplicemente José, il calciatore più concreto degli ultimi sette anni. Lo dicono i numeri adesso, lo diranno in futuro. Serve uno sforzo in cinque giorni, sarebbe disonorevole non trovare un accordo.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    83

    38
    26
    5
    7
  • logo InterInterCL

    82

    38
    24
    10
    4
  • logo AtalantaAtalantaCL

    78

    38
    23
    9
    6
  • logo LazioLazioCL

    78

    38
    24
    6
    8
  • logo RomaRomaEL

    70

    38
    21
    7
    10
  • logo MilanMilanEL

    66

    38
    19
    9
    10
  • logo NapoliNapoli

    62

    38
    18
    8
    12
  • logo SassuoloSassuolo

    51

    38
    14
    9
    15
  • logo FiorentinaFiorentina

    49

    38
    12
    13
    13
  • 10º

    logo ParmaParma

    49

    38
    14
    7
    17
  • 11º

    logo VeronaVerona

    49

    38
    12
    13
    13
  • 12º

    logo BolognaBologna

    47

    38
    12
    11
    15
  • 13º

    logo CagliariCagliari

    45

    38
    11
    12
    15
  • 14º

    logo UdineseUdinese

    45

    38
    12
    9
    17
  • 15º

    logo SampdoriaSampdoria

    42

    38
    12
    6
    20
  • 16º

    logo TorinoTorino

    40

    38
    11
    7
    20
  • 17º

    logo GenoaGenoa

    39

    38
    10
    9
    19
  • 18º

    logo LecceLecceR

    35

    38
    9
    8
    21
  • 19º

    logo BresciaBresciaR

    25

    38
    6
    7
    25
  • 20º

    logo SpalSpalR

    20

    38
    5
    5
    28
Sprintsped
Dapa Trasporti
Its shipping
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top