Calciomercato Serie A, il nuovo decreto crescita complica il mercato: tre nodi da sciogliere

Serie A  
Calciomercato Serie A, il nuovo decreto crescita complica il mercato: tre nodi da sciogliere

Come funziona il nuovo decreto crescita e come cambia il calciomercato della Serie A: ci sono tre nodi da sciogliere

Ultime notizie Serie ADa Theo Hernandez e Leao, a Kvaratskhelia, Maignan e Osimhen: in fase di rinnovo o di ritocco dei contratti, la Serie A difficilmente riuscirà a trattenere quanto meno il centravanti del Napoli e forse il portiere del Milan (tentati da Chelsea, PSG e Bayern), due tra i più forti campioni arrivati dall’estero negli ultimi anni anche grazie agli sgravi fiscali.

Come racconta Repubblica, il nodo adesso per il campionato italiano è il famoso decreto crescita del 2019 del governo Conte 1, nato per favorire il rientro dei cervelli e allargato agli sportivi i benefici fiscali (la detassazione Irpef del 50%) per i cosiddetti “impatriati”, permettendo alle società italiane ingaggi concorrenziali con le più ricche squadre d’Europa:

"Limitato nel dicembre scorso dal governo Meloni ai soli cervelli in senso stretto (in possesso di “requisiti di elevata qualificazione o specializzazione”), da giorni il decreto crescita nuova versione è oggetto di incontri e verifiche interpretative tra i fiscalisti dei club e i consulenti della stessa Lega di Serie A.

Premesso che la normativa riguarda chi abbia trascorso all’estero gli ultimi tre anni, le prime valutazioni sono assai meno catastrofiche di quelle che, quattro mesi fa, indussero molti dirigenti a prefigurare la fine della competitività del calcio italiano sul mercato. Innanzitutto ogni tesserato arrivato in Italia prima del 31 dicembre 2023 conserverebbe il diritto ai 5 anni maturati di imposta agevolata, più successivi 3 anni, in caso di ulteriore permanenza sul territorio italiano: il rinnovo del contratto, in pratica, non verrebbe appesantito da un cambio di tassazione.

Quanto ai nuovi arrivi del 2024 dall’estero, i nodi interpretativi sono sostanzialmente tre. Il primo è culturale: se prima del dicembre 2023 la detassazione era applicabile anche a tutti gli impatriati dello sport professionistico, ora occorre un titolo di studio: secondo i tributaristi, almeno una laurea triennale. Un paletto apparentemente insuperabile per gli sportivi di Serie A è la soglia dei 600 mila euro di reddito. e qui entra in scena il secondo nodo, quello familiare: sarebbe previsto “un abbattimento dell’imponibile fiscale fino al 60%, qualora il lavoratore si trasferisca in Italia con un figlio minore o in caso di nascita di un figlio, ovvero di adozione di un minore di età”. Il terzo e ultimo nodo è immobiliare, con agevolazioni “per ulteriori 3 periodi d’imposta” a chi abbia acquistato “un immobile in Italia, adibito ad abitazione principale, entro il 31 dicembre 2023 e comunque nei 12 mesi precedenti il trasferimento nel 2024 anche della residenza anagrafica”".

Insomma, diversi paletti che complicheranno non poco le trattative estive di Serie A: riusciranno i club a restare competitivi e superare lo scoglio del nuovo decreto crescita?

De Laurentiis
CalcioNapoli24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News
Ultimissime Notizie
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    93

    37
    29
    6
    2
  • logo MilanMilanCL

    74

    37
    22
    8
    7
  • logo BolognaBolognaCL

    67

    36
    18
    13
    5
  • logo JuventusJuventusCL

    67

    36
    18
    13
    5
  • logo AtalantaAtalantaEL

    66

    36
    20
    6
    10
  • logo RomaRomaECL

    63

    37
    18
    9
    10
  • logo LazioLazio

    60

    37
    18
    6
    13
  • logo FiorentinaFiorentina

    54

    36
    15
    9
    12
  • logo TorinoTorino

    53

    37
    13
    14
    10
  • 10º

    logo NapoliNapoli

    52

    37
    13
    13
    11
  • 11º

    logo GenoaGenoa

    46

    37
    11
    13
    13
  • 12º

    logo MonzaMonza

    45

    37
    11
    12
    14
  • 13º

    logo LecceLecce

    37

    37
    8
    13
    16
  • 14º

    logo CagliariCagliari

    36

    37
    8
    12
    17
  • 15º

    logo FrosinoneFrosinone

    35

    37
    8
    11
    18
  • 16º

    logo VeronaVerona

    34

    36
    8
    10
    18
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    34

    37
    5
    19
    13
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    33

    37
    8
    9
    20
  • 19º

    logo SassuoloSassuoloR

    29

    37
    7
    8
    22
  • 20º

    logo SalernitanaSalernitanaR

    16

    36
    2
    10
    24
Back To Top