Sosa: "Napoli la mia seconda casa, mi aspetto un bel finale di stagione per gli azzurri. Giocare a porte chiuse? Ricordo quella gara contro il Piacenza..."

Rassegna Stampa  
Roberto SosaRoberto Sosa

Napoli calcio - Ex Napoli, il Pampa Sosa si racconta ai microfoni d Repubblica

Napoli calcioRoberto "El Pampa" Sosa ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Repubblica

«Qui siamo in pieno lockdown, purtroppo. Si avvicina l’inverno e la pandemia non ne vuole sapere di darci una tregua: temo che rimarremo chiusi in casa per tutto il mese di giugno. Sono contento però di sapere che a Napoli la situazione sta migliorando: è la mia seconda casa e una parte del mio cuore è lì, con voi. Veramente sta per ripartire pure il calcio?».
 

Le è successo però anche di segnare un gol speciale: quello dell’ultima vittoria ottenuta dal Napoli al San Paolo a porte chiuse...

«Lo ricordo bene, nel 2007 contro il Piacenza. Entrai dalla panchina e decisi la gara, era destino. Successe una cosa incredibile, nell’intervallo. La distinta consegnata all’arbitro era sbagliata e per poco non perdemmo la partita a tavolino. Reja chiese infatti a Bucchi di scaldarsi ed entrare in campo, ma ci accorgemmo in extremis che nella lista dei cinque giocatori in panchina il suo nome non c’era, confuso per un disguido con quello di Amodio. Sarebbe stata una sostituzione fatale».
 

Invece?

«Invece Reja disse a Bucchi di rivestirsi e si rivolse a me con poche parole: Pampa, allora entri tu. Per questo dico che era destino. Grava nel finale si inventò un gran bel cross e io la infilai di testa».
 

Ricorda anche come fu esultare nel silenzio?

«Sì, ci arrangiammo con una coreografia e strillavamo con tutto il fiato che c’era rimasto in corpo. Ma fu lo stesso un’esultanza monca, fu stranissimo non sentire il solito urlo del San Paolo».
 

Prevede anche un bel finale di stagione per il Napoli?

«Me lo auguro, innanzitutto. Ma anche le caratteristiche della squadra azzurra mi fanno sperare in un bel finale. I brevilinei fanno più in fretta ad andare in forma e il Napoli ne ha parecchi. La Coppa Italia è un obiettivo alla nostra portata, il gruppo con Gattuso è cresciuto. È un tecnico in gamba».
 

Anche lei ha intrapreso la carriera di allenatore...

«Nel campionato boliviano: dopo la pandemia ritornerò lì. Intanto vi guardo in tv. Forza Napoli».

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    72

    29
    23
    3
    3
  • logo LazioLazioCL

    68

    29
    21
    5
    3
  • logo InterInterCL

    64

    29
    19
    7
    3
  • logo AtalantaAtalantaCL

    60

    29
    18
    6
    5
  • logo RomaRomaEL

    48

    29
    14
    6
    9
  • logo NapoliNapoliEL

    45

    29
    13
    6
    10
  • logo MilanMilan

    43

    29
    12
    7
    10
  • logo VeronaVerona

    42

    29
    11
    9
    9
  • logo CagliariCagliari

    39

    29
    10
    9
    10
  • 10º

    logo ParmaParma

    39

    29
    11
    6
    12
  • 11º

    logo BolognaBologna

    38

    29
    10
    8
    11
  • 12º

    logo SassuoloSassuolo

    37

    29
    10
    7
    12
  • 13º

    logo FiorentinaFiorentina

    31

    29
    7
    10
    12
  • 14º

    logo TorinoTorino

    31

    29
    9
    4
    16
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    31

    29
    8
    7
    14
  • 16º

    logo SampdoriaSampdoria

    29

    29
    8
    5
    16
  • 17º

    logo GenoaGenoa

    26

    30
    6
    9
    15
  • 18º

    logo LecceLecceR

    25

    29
    6
    7
    16
  • 19º

    logo SpalSpalR

    19

    29
    5
    4
    20
  • 20º

    logo BresciaBresciaR

    18

    29
    4
    6
    19
Dapa Trasporti
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top