La mancanza di alternative ha un unico pregio

Primo Piano  
La mancanza di alternative ha un unico pregio

Garcia ormai abbandonato dalla piazza, ma il Napoli non ha alternative

La sensazione è che ormai la piazza abbia abbandonato Rudi Garcia.

Nessuno può negare i tanti errori commessi dall'allenatore francese da quando ha preso l'incarico, ma siamo arrivati al punto di non ritorno.
Quel punto in cui gli si vengono imputati errori anche quando non ne commette, o se ne addita uno ignorando quanto di bene abbia fatto.

Va dato atto a Garcia che se il Napoli era sotto per 2-0 alla fine del primo tempo contro il Milan non fosse colpa sua, e che gli azzurri hanno ripreso il match grazie ai cambi effettuati all'intervallo e al nuovo modulo presentato nella ripresa.

Alle luce di questo, andare ad evidenziare che abbia inserito Zanoli al posto di Politano e non Lindstrom o Zerbin, sa di pretestuoso e pecca di onestà intellettuale.

Non riuscire ad ammettere che Garcia sia capace di poter fare anche il suo mestiere pur di dargli contro sempre e comunque, è una strada che non porta a nulla, soprattutto alla luce del fatto che De Laurentiis non sembra più intenzionato ad esonerarlo.

E' evidente che la rottura sia difficilmente sanabile, ma visto lo scenario attuale e per il bene comune, forse sarebbe meglio nè dargli contro per partito preso nè remargli contro fino alla fine della stagione.

Non è in discussione la colpevolezza dell'imputato, ma si chiede che gli siano concesse delle attenuanti. Attenuanti evidenti che sarebbe quanto meno moralmente scorretto far finta che non le meriti.

Allenatori che avrebbero potuto fare un evidente salto in avanti hanno rifiutato l'eredità di Spalletti per non bruciarsi. Thiago Motta, per ammissione dello stesso De Laurentiis, ha declinato l'invito ad allenare una delle migliori rose d'Europa e restare a Bologna pur di non affrontare una sfida dove c'era praticamente tutto da perdere.

Garcia, presumibilmente non era nemmeno lontanamente il prescelto di De Laurentiis, ma paradossalmente era uno dei pochi, se non l'unico, che avrebbe accettato la sfida con entusiasmo pur di tornare ad allenare in Europa dopo i fallimenti delle ultime stagioni.

La domanda è? Veramente qualcuno, fatta eccezione per Garcia stesso (forse), pensava che sarebbe riuscito ad arrivare dove nessuno è arrivato nella storia di questo club dopo l'anno scorso?

Forse sarebbe meglio navigare a vista e portare la nave in porto sana e salva evitando ammutinamenti da parte della ciurma, e remare tutti dalla stessa parte per evitare il disastro della mancata qualificazione alla prossima Champions.

Rudi Garcia, allenatore del Napoli

Garcia va cambiato o sostenuto, non c'è altra strada!

Visto che la prima alternativa sembra definitivamente saltata, non resta da fare altro che supportarlo anche senza sopportarlo, magari cominciando a dargli atto di qualche merito anche se sporadico.

Lecito pensare che il Napoli non sia nelle mani giuste, ma sia chiaro, quelle mani ci restano. 

Il Napoli non può far altro che fidarsi di Garcia! L'unico modo per evitare che sia un disastro, è che non si dia per scontato che lo sarà.

La mancanza di alternative ha un unico pregio: ti libera dall'indecisione sulla strada da seguire per concentrarti sul modo più opportuno per seguirla.

RIPRODUZIONE RISERVATA

CalcioNapoli24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News
Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    82

    31
    26
    4
    1
  • logo MilanMilanCL

    68

    31
    21
    5
    5
  • logo JuventusJuventusCL

    62

    31
    18
    8
    5
  • logo BolognaBolognaCL

    58

    31
    16
    10
    5
  • logo RomaRomaEL

    55

    31
    16
    7
    8
  • logo AtalantaAtalantaECL

    50

    30
    15
    5
    10
  • logo NapoliNapoli

    48

    31
    13
    9
    9
  • logo LazioLazio

    46

    31
    14
    4
    13
  • logo TorinoTorino

    44

    31
    11
    11
    9
  • 10º

    logo FiorentinaFiorentina

    43

    30
    12
    7
    11
  • 11º

    logo MonzaMonza

    42

    31
    11
    9
    11
  • 12º

    logo GenoaGenoa

    38

    31
    9
    11
    11
  • 13º

    logo CagliariCagliari

    30

    31
    7
    9
    15
  • 14º

    logo LecceLecce

    29

    31
    6
    11
    14
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    28

    31
    4
    16
    11
  • 16º

    logo EmpoliEmpoli

    28

    31
    7
    7
    17
  • 17º

    logo VeronaVerona

    27

    31
    6
    9
    16
  • 18º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    26

    31
    6
    8
    17
  • 19º

    logo SassuoloSassuoloR

    25

    31
    6
    7
    18
  • 20º

    logo SalernitanaSalernitanaR

    15

    31
    2
    9
    20
Back To Top