Dalla Slovenia a Napoli in auto: niente controlli e zero sintomi, founder di CN24 opta per l'auto isolamento

Primo Piano fonte : Salvio Passante - Corriere del mezzogiorno
Dalla Slovenia a Napoli in auto: niente controlli e zero sintomi, founder di CN24 opta per l'auto isolamento

Emergenza coronavirus, confine Slovenia-Italia senza controlli, l'incredibile testimonianza del founder di CalcioNapoli24 Salvio Passante. Da Ptuj a Volla senza soste intermedie

Dalla Slovenia a Napoli in auto: niente controlli e zero sintomi, il founder di CalcioNapoli24, Salvio Passante, opta per l'auto isolamento volontario. Una scelta responsabile per familiari, amici e conoscenti e un esempio da seguire per l'intera comunità del comune di Volla e non solo. Restare a casa non deve passare solo come uno slogan di moda, ma come un dovere etico verso tutte le persone che circondano e che potrebbero incosapevolmente pagarne le conseguenze in caso di virus. Ecco la testimonianza pubblicata oggi sul Corriere del Mezzogiorno.

Coronavirus, confine Italia-Slovenia senza controlli

Confine Italia Slovenia

Graffi sul cuscino, saltelli. E’ l’alba di nuovo giorno. Sono le 06.52. Mi giro dall’altra parte del letto sperando di sbattere sul ciuccio della piccola Diana, ma sono solo. Accanto a me non c’è la principessa di casa che sogna, tantomeno mia moglie. Volgo lo sguardo alla culla. E’ talmente perfetta da essere finta. Cuscino, velo e coperte sono state congelate dal tempo. E’ dal 4 marzo che attendono calore, ma la piccola Arianna ancora non si è avvolta per la prima volta nel suo nuovo castello. Accanto a me c’è la mia sveglia a quattro zampe. Il mio migliore amico, il piccolo Mars. E’ il nostro terzo giorno di isolamento. Volontario. Croccantini e pipì, la routine quotidiana. Una brezza leggera lo accarezza, ma niente libertà. Ce l’ha rubata un nemico invisibile, che va combattuto con responsabilità in assenza di antidoto: il Covid-19. Non so se l’ho incrociato sulla strada che mi ha portato in Slovenia, a 80 km da Zagabria, ad un soffio da Austria e Ungheria. L’unica certezza che fortifica la mia decisione è che devo tenerlo lontano, nel dubbio e con ogni mezzo, dalla mia famiglia. Potrei essere un untore, di quelli asintomatici, che non hanno febbre e tosse ma godono di apparente buona salute e che possono trasmettere il male. Non posso rischiare un abbraccio fatale o bacio intriso di morte. Sento una responsabilità enorme sulle spalle. C’è una cosa che però mi tormenta da sabato alle 21, dal momento esatto in cui ho varcato il confine. E’ la paura che l’avversario ci abbia beffato sul tempo e invaso, non solo il territorio, ma anche l’animo protettivo italiano. Nessun controllo ad attendermi, zero. Nemmeno una volante della stradale per 170 km fino a Padova. Provo a contattare l’ambasciatore partenopeo Carlo Campanile, ma il telefono è perennemente occupato. Al ministero degli esteri è tutto in tilt sicuramente per altre centinaia di urgenze. Dall’altra parte della carreggiata sull’autostrada di Gorizia invece c’è una lunga coda di auto e tir che attende la minuziosa verifica prima di entrare in territorio sloveno: temperatura agli autisti, documenti di bordo, autocertificazione con giustificato motivo previo il semaforo rosso delle autorità locali. Nella mia Italia solo desolazione, buio e porte spalancate a qualsiasi minaccia. Nella mia mente l’incubo peggiore: un esercito invasore o carovane di contagiati a campo libero in casa mia. Com’è possibile? Allucinante, che angoscia! Non c’è trattato di Schengen che tenga in caso di sicurezza nazionale. Autogrill vuoti e luci spente, sembra il set di Silent Hill. Mai avrei immaginato una scena simile prima di partire per il Petovio, quello spicchio di terra della mia nuova nuova squadra, l’NK Drava Ptuj. Quando Gennaro Chietti mi aveva parlato della sua ex squadra sull’orlo del fallimento in seconda divisione un brivido aveva pervaso la mia pelle, era quello che sognavo da sempre. Una squadra tutta mia, che potesse valorizzare in Europa il mio team di CalcioNapoli24. All’arrivo ho incrociato sguardi sorridenti e tanta superficialità, il pericolo stava per bussare alle loro vite ed erano totalmente impreparati con ospedali non attrezzati a contenere un potenziale numero di infetti: «Fermate il settore giovanile subito e allertare la federazione». Sembravo un alieno precipitato là per sbaglio quasi a generare un inutile panico. In 72 ore il dramma totale. I contagiati che aumentano ad un ritmo infernale. Scuole, chiese, bar, ristoranti, treni, aerei e campionato immediatamente fermati fino al 31 marzo per scacciare la minaccia. Ah, se mi avessero ascoltato! Ma fa niente, avevo un debito morale con quella gente sin da metà febbraio scorso, quando per acclamazione l’assemblea mi aveva nominato nuovo presidente, il più giovane di sempre in quel lembo di mondo. Non potevo disattendere la promessa. Li ho salvati a tempi record, ma a caro prezzo: la prigionia in solitudine per 14 giorni e la lontananza dagli affetti più cari. Tutto più avanti avrà un sapore diverso. Ce la faremo.

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    63

    26
    20
    3
    3
  • logo LazioLazioCL

    62

    26
    19
    5
    2
  • logo InterInterCL

    54

    25
    16
    6
    3
  • logo AtalantaAtalantaCL

    48

    25
    14
    6
    5
  • logo RomaRomaEL

    45

    26
    13
    6
    7
  • logo NapoliNapoliEL

    39

    26
    11
    6
    9
  • logo MilanMilan

    36

    26
    10
    6
    10
  • logo VeronaVerona

    35

    25
    9
    8
    8
  • logo ParmaParma

    35

    25
    10
    5
    10
  • 10º

    logo BolognaBologna

    34

    26
    9
    7
    10
  • 11º

    logo SassuoloSassuolo

    32

    25
    9
    5
    11
  • 12º

    logo CagliariCagliari

    32

    25
    8
    8
    9
  • 13º

    logo FiorentinaFiorentina

    30

    26
    7
    9
    10
  • 14º

    logo UdineseUdinese

    28

    26
    7
    7
    12
  • 15º

    logo TorinoTorino

    27

    25
    8
    3
    14
  • 16º

    logo SampdoriaSampdoria

    26

    25
    7
    5
    13
  • 17º

    logo GenoaGenoa

    25

    26
    6
    7
    13
  • 18º

    logo LecceLecceR

    25

    26
    6
    7
    13
  • 19º

    logo SpalSpalR

    18

    26
    5
    3
    18
  • 20º

    logo BresciaBresciaR

    16

    26
    4
    4
    18
Dapa Trasporti
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top