Milan-Napoli, le pagelle: Malcuit sorprende, Mertens e Milik delusioni! Fabián rosso fantasia, Zielinski mira Donnarumma

Le Pagelle  
Milan-Napoli, le pagelle: Malcuit sorprende, Mertens e Milik delusioni! Fabián rosso fantasia, Zielinski mira Donnarumma

Pagelle Milan-Napoli 0-0, voti e giudizi del big match di San Siro

Pagelle Milan-Napoli 0-0, voti e giudizi del big match di San Siro

Ospina 6,5 - Torna tra i pali in Serie A dopo 41 giorni di assenza da Cagliari-Napoli, a gioco fermo fa una paratona su Romagnoli. Blocca con facilità un destro di Calhanoglu dalla distanza, così come un sinistro di Paquetà. Dopo esser rimasto a terra dopo un contrasto con Koulibaly, salva in tuffo su Musacchio.

Malcuit 6,5 - Ottima chiusura su Paquetà all’8’ in area di rigore, si ripete in più di una occasione. È tra i più positivi, soprattutto nelle diagonali difensive. Salvataggio incredibile su Kessié al 47’

Albiol 5,5 - Piccola disattenzione iniziale su Cutrone, a distanza dalla porta, poi lo stesso al 10’ lo brucia alle spalle. Nel finale si fa ammonire perché bruciato ancora una volta, però da Piatek.

Koulibaly 6 - Torna sul luogo del misfatto ad un mese di distanza, con diverso avversario. Romagnoli lo anticipa al momento del tiro al 26’, davanti a Donnarumma. Stoppa Piatek al 76’ con un gran salvataggio.

Mario Rui 5 - Suso lo impegna oltremodo, in attacco al 31’ la tira al secondo anello di San Siro. Al 41’ Paquetà si gira e tira in tranquillità, e lo doveva marcare lui. Al 70’ prova un cross (zero completati su tre tentativi), centra in pieno un avversario. (Dal 71’ Ghoulam SV - Dentro per tenere più basso il Milan, puntando sulla sua capacità di spinta)

Callejon 5,5 - Impegna sin da subito Donnarumma con un bel destro al volo, poi a giro non va troppo lontano dal palo. Traversa su cross dalla sinistra, non è preciso nel controllo davanti al portiere nel finale.

Fabián 5 - Confermato centrale di centrocampo, il giallo è meritato e si sacrifica per non far ripartire il Milan. Preciso nella gestione, ma non di più. Anzi, nel finale manda alle ortiche un contropiede interessantissimo poi l’arbitro immagina un tocco di braccio mai avvenuto e lo espelle.

Zielinski 5,5 - Dovrebbe superare il duo Kessié-Bakayoko per rendersi pericolosa, ma nei primi venti minuti non ce la fa. Spreca una buona occasione al 36’, Donnarumma si oppone al suo dardo scagliato al 67’. Palla ad un passo dal palo all’84’, all’87’ in mano a Donnarumma: occasione enorme come con l’Inter. Cinque tiri totali.

Insigne 5 - Torna sulla fascia dopo tempo immemore: primo guizzo al 15’ con un destro largo, poi basta (solo 31 passaggi completati). Al 50’ affonda in area di rigore, braccato da più di un difensore. (Dall’88’ Ounas SV)

Mertens 5 - Gira a vuoto per il primo tempo, così come tanti altri, completando solo sette passaggi in tutto (quattordici al 90’). Romagnoli lo mura al 54’, al 62’ il risultato della sua percussione in area è un pallone in mano a Donnarumma. (Dall’80’ Verdi SV - Musacchio mette in angolo un pallone che era sulla sua testa)

Milik 5 - Venti minuti iniziali, due passaggi completati: non riesce a trovare spazio e ritmo, fin quando non si abbassa nell’aiutare la manovra. Al 64’ l’unico tiro è centrale.

Ancelotti 5,5 - L’undici titolare è al limite della follia, in quanto a forza e potenziale offensivo, per tenere alta squadra e pressing (il che riesce, va detto). Il ’suo’ Gattuso lo attacca con facilità, trovando più di uno spazio in ripartenza - facilitato anche dal poco filtro fatto da Fabián e Zielinski - mentre dal punto di vista offensivo le premesse non vengono mantenute in pieno, anzi: Insigne e Mertens apportano poco, Milik non è coinvolto e la solidità rossonera ha la meglio.. Nella ripresa il rendimento migliora, ma non era difficile: gli azzurri arrivano più facilmente nell’area di rigore presidiata da Donnarumma, ma la vera chance arriva solo nel finale con un contropiede non sfruttato. Una partita bruttina, con tante occasioni da fuori area. Tanti attaccanti in campo, il migliore degli azzurri è un difensore: forse è mancato un pizzico di carattere, di cattiveria sotto porta. Doveri lo caccia per una parolina di troppo, ma la prestazione dell’arbitro è insufficiente.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    19

    7
    6
    1
    0
  • logo InterInterCL

    18

    7
    6
    0
    1
  • logo AtalantaAtalantaCL

    16

    7
    5
    1
    1
  • logo NapoliNapoliCL

    13

    7
    4
    1
    2
  • logo RomaRomaEL

    12

    7
    3
    3
    1
  • logo LazioLazioEL

    11

    7
    3
    2
    2
  • logo CagliariCagliari

    11

    7
    3
    2
    2
  • logo FiorentinaFiorentina

    11

    7
    3
    2
    2
  • logo TorinoTorino

    10

    7
    3
    1
    3
  • 10º

    logo VeronaVerona

    9

    7
    2
    3
    2
  • 11º

    logo BolognaBologna

    9

    7
    2
    3
    2
  • 12º

    logo ParmaParma

    9

    7
    3
    0
    4
  • 13º

    logo MilanMilan

    9

    7
    3
    0
    4
  • 14º

    logo UdineseUdinese

    7

    7
    2
    1
    4
  • 15º

    logo SassuoloSassuolo

    6

    6
    2
    0
    4
  • 16º

    logo BresciaBrescia

    6

    6
    2
    0
    4
  • 17º

    logo SpalSpal

    6

    7
    2
    0
    5
  • 18º

    logo LecceLecceR

    6

    7
    2
    0
    5
  • 19º

    logo GenoaGenoaR

    5

    7
    1
    2
    4
  • 20º

    logo SampdoriaSampdoriaR

    3

    7
    1
    0
    6
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

De Laurentiis: "Stadio di proprietà? Meglio andar via da Napoli! Koulibaly? Prima o poi dovrò venderlo, non sono disposto a far sacrifici per Mertens e Callejon" [VIDEO CN24]