Se sta bene a me, è un buon Napoli per tutti

Editoriale  
Se sta bene a me, è un buon Napoli per tutti

Il Napoli perde ancora contro l'Atalanta e De Laurentiis preferisce il silenzio stampa

Napoli - Prima sonda altri allenatori, fa trapelare notizie sui giornali salvo poi fare marcia indietro. Si fa fatica a comprendere se ad assumere questo atteggiamento sia il vero Aurelio De Laurentiis oppure, come si è letto qualche settimana fa, si tratta di un'imitazione geniale del collega Pierluigi Pardo il quale ha preso le redini in mano della situazione in Via XXIV Maggio a Roma. Altre spiegazioni davvero non ci sono. Il Napoli continua a perdere, le rivali per la zona Champions continuano a fare punti ma si preferisce stare in silenzio. In altri tempi, De Laurentiis avrebbe già mandato a casa l'allenatore mentre oggi sembra vincolato a tenerselo rischiando di far saltare in aria qualcosa come 150 milioni. Ed allora perché non esonera Gattuso? Evidentemente al presidente, per ora, sta bene così. Forse chi ha in mente per la prossima stagione è attualmente sotto contratto e, in un periodo economico difficile, prendere un'altra guida tecnica per poco più di tre mesi potrebbe essere un lusso avendo spinto i conti al limite massimo. 

SSC Napoli in silenzio stampa

Qualche buontempone asserisce che la strategia masochistica presidenziale sia studiata a tavolino per azzerare tutte le cariche tecniche per poi vendere chi a Napoli ha ormai esaurito stimoli. Per questo motivo, sempre per gli amanti della dietrologia spicciola, De Laurentiis non avrebbe interesse a qualificarsi per Champions ed Europa League. Con tutto il rispetto per i sostenitori di questa tesi, rispondiamo con una battuta dei famosi Trettré: "A me, me par na strunzat". Il Napoli senza Coppe significherebbe ridimensionamento totale con effetti catastrofici, più di quelli che stiamo vivendo, su rosa e monte ingaggi.

Non vogliamo pensare che a De Laurentiis piaccia questo andazzo. Forse sta aspettando il recupero degli infortunati per togliere l'ultimo alibi a Gattuso che più di questo non può fare. Chiunque al suo posto farebbe fatica con 14 giocatori a disposizione. Mentre però si studia e si aspetta, il malato muore. Evidentemente al patron sta bene così: è felice di allontanarsi dall'obiettivo Champions e non gli importa se rischia un fallimento tecnico ed anche economico. Volendo modificare il vecchio spot delle camicie Dino Erre con protagonista Maurizio Costanzo, verrebbe da dire: "Se sta bene a me, è un buon Napoli per tutti".

De Laurentiis Napoli

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    59

    25
    18
    5
    2
  • logo MilanMilanCL

    56

    26
    17
    5
    4
  • logo JuventusJuventusCL

    52

    25
    15
    7
    3
  • logo RomaRomaCL

    50

    26
    15
    5
    6
  • logo AtalantaAtalantaEL

    49

    25
    14
    7
    4
  • logo NapoliNapoliEL

    47

    25
    15
    2
    8
  • logo LazioLazio

    43

    25
    13
    4
    8
  • logo VeronaVerona

    38

    26
    10
    8
    8
  • logo SassuoloSassuolo

    36

    25
    9
    9
    7
  • 10º

    logo UdineseUdinese

    32

    26
    8
    8
    10
  • 11º

    logo SampdoriaSampdoria

    32

    26
    9
    5
    12
  • 12º

    logo BolognaBologna

    28

    26
    7
    7
    12
  • 13º

    logo GenoaGenoa

    27

    26
    6
    9
    11
  • 14º

    logo FiorentinaFiorentina

    26

    26
    6
    8
    12
  • 15º

    logo SpeziaSpezia

    26

    26
    6
    8
    12
  • 16º

    logo BeneventoBenevento

    26

    26
    6
    8
    12
  • 17º

    logo CagliariCagliari

    22

    26
    5
    7
    14
  • 18º

    logo TorinoTorinoR

    20

    24
    3
    11
    10
  • 19º

    logo ParmaParmaR

    16

    26
    2
    10
    14
  • 20º

    logo CrotoneCrotoneR

    15

    26
    4
    3
    19
Back To Top