Grinta e passione, così si giustificano i milioni spesi per Lozano

Editoriale  
Hirving LozanoHirving Lozano

"Vogliamo James Rodriguez e Mauro Icardi" e magari anche Lionel Messi, perché no?! E, invece, Aurelio De Laurentiis ha deciso di mettere mano al suo personalissimo portafoglio e decidere, coadiuvato da Carlo Ancelotti, chi comprare. E forse male non ha fatto.

Certo, 30 minuti non bastano per giudicare l'operato di Hirving Lozano in maglia azzurra. Ciò che è indiscutibile, però, è il carattere mostrato sul terreno di gioco dell'Allianz Stadium. Specialista di goal agli esordi, il calciatore messicano, ha messo le cose in chiaro: i 42 milioni di euro recapitati al PSV Eindhoven sono sicuramente ben spesi. Eppure, già giocare con la SSC Napoli non è affare per tutti, figuriamoci giocarci con la consapevolezza di essere l'acquisto più oneroso degli ultimi quindici anni. Roba non da tutti. Così come non da tutti segnare alla prima apparizione con un nuovo club proprio contro la Juventus.

Quella con i bianconeri, si sa, è una gara a parte. Complice una rivalità più che accesa e, negli ultimi anni, una corsa scudetto sempre più infiammata, l'ultimo match tra la compagine azzurra e quella bianconera è stato più acceso che mai. 

Protagonista assoluto della gara, quantomeno degli ultimi trenta minuti, sicuramente il neo acquisto proveniente dal Sud America. Era da tanto che a Napoli un sudamericano non conquistava i cuori dei tifosi: Hirving non l'ha ancora fatto per ovvie ragioni, ma ha tutte le carte in regola per poter conquistare la tifoseria.

Il primo mattone l'ha già messo nella sua unica apparizione: un goal importante che ha riaperto la gara e che ha fatto sognare fino al 90' l'intera tifoseria. Analizzando i suoi pochi minuti in campo, più che le caratteristiche tecniche, ovviamente indiscusse, quelle che più sono balzate agli occhi degli addetti ai lavori e degli appassionati, sono sicuramente quelle mentali. Concentrazione, voglia di fare ed applicazione metodica: questo quello che più ha risaltato nella gara di Torino. 

Diverse le discriminanti che avrebbero potuto far inciampare Lozano: entrare a gara in corso e ribaltare la prestazione dell'intera squadra non è da tutti, subentrare contro la Juventus, acerrimo rivale del club d'appartenenza e segnare addirittura un gol, lo stesso. Ma In quanti ci sarebbero riusciti? Non ci è dato saperlo, ma ciò che è certo è che chi l'ha preceduto non c'è riuscito.

Grinta e passione: così si giustificano i 42 milioni di euro spesi per portarlo in Italia.

di Simone Guadagno

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    9

    3
    3
    0
    0
  • logo BolognaBolognaCL

    7

    3
    2
    1
    0
  • logo JuventusJuventusCL

    7

    3
    2
    1
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo TorinoTorinoEL

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo AtalantaAtalantaEL

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo MilanMilan

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo RomaRoma

    5

    3
    1
    2
    0
  • logo LazioLazio

    4

    3
    1
    1
    1
  • 10º

    logo VeronaVerona

    4

    3
    1
    1
    1
  • 11º

    logo GenoaGenoa

    4

    3
    1
    1
    1
  • 12º

    logo SassuoloSassuolo

    3

    3
    1
    0
    2
  • 13º

    logo CagliariCagliari

    3

    3
    1
    0
    2
  • 14º

    logo BresciaBrescia

    3

    3
    1
    0
    2
  • 15º

    logo ParmaParma

    3

    3
    1
    0
    2
  • 16º

    logo SpalSpal

    3

    3
    1
    0
    2
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    3

    3
    1
    0
    2
  • 18º

    logo LecceLecceR

    3

    3
    1
    0
    2
  • 19º

    logo FiorentinaFiorentinaR

    1

    3
    0
    1
    2
  • 20º

    logo SampdoriaSampdoriaR

    0

    3
    0
    0
    3
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Llorente folgorato dai tifosi: "Segnare al San Paolo è incredibile. Non immaginavo un inizio così. Abbiamo dimostrato di stare con le grandi"