Il giorno dopo la quattordicesima giornata...Il segnale di Jorginho, la nuova lezione al campionato e l'occasione unica da non fallire

Copertina fonte : di Stefano Napolitano

Il giorno dopo la quattordicesima giornata. Tra gli anticipi del sabato,  la vittoria esterna dell'Inter a Cagliari. I nerazzurri,  trascinati da Handanovic e Icardi,  si regaleranno il primato per una notte.

Il giorno dopo la quattordicesima giornata. Alla domenica,  gli azzurri,  in quel di Udine,  rimetteranno le cose a posto con il minimo sforzo. Settima vittoria in trasferta su otto gite lontano dal San Paolo e primato riconquistato.  Tre punti d'oro che permettono agli uomini di Sarri di allungare sulle due formazioni capitoline e di mantenere inalterato il vantaggio sulla Juventus. 

Il giorno dopo la quattordicesima giornata. Quella del Napoli di ieri non sarà certo una gara da mandare agli archivi per la presentazione offerta,  ma mai come ieri, contava vincere. Reduce dalle fatiche di Champions non è mai semplice,  normale che manchi brillantezza, ma anche senza strafare e correre a mille, il Napoli ha imparato a vincere e questo lascia davvero ben sperare.  

Il giorno dopo la quattordicesima giornata. Con i tre punti conquistati ieri, gli azzurri sono la squadra che ne ha messi insieme di più nelle ultime 38 partite, un intero campionato. Questa stagione c'era da ripartire così come si era conclusa quella scorsa: missione compiuta. Ora non resta che continuare.
 
Il giorno dopo la quattordicesima giornata.  Ad Udine è bastato un rigore di Jorginho calciato anche male. Lento, centrale. Facile preda del portiere che in genere questi tiri finiscono per bloccarli. E invece respinta giusto sui piedi dell'italo brasiliano e palla in rete. Anche questo potrebbe essere un segnale.

Il giorno dopo la quattordicesima giornata.  Senza affanni e patemi, il Napoli ha controllato il vantaggio.  Attenti i due centrali. Prezioso Callejon nei suoi profondi recuperi.  Partita da terzino di una volta di Maggio.  Diligente nel tenere la posizione.  Ai friulani gli azzurri hanno concesso solo due tiri dalla distanza. In entrambe le occasioni attento Reina. 

Il giorno dopo la quattordicesima giornata. È già iniziata l'attesa per il big match di venerdì prossimo. Occorrerà un altro Napoli. La spinta del San Paolo potrebbe risultare decisiva. L'occasione è unica, vietato fallirla. 

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    66

    25
    21
    3
    1
  • JuventusCL

    65

    25
    21
    2
    2
  • RomaCL

    50

    25
    15
    5
    5
  • LazioCL

    49

    25
    15
    4
    6
  • InterEL

    48

    25
    13
    9
    3
  • SampdoriaEL

    41

    25
    12
    5
    8
  • Milan

    41

    25
    12
    5
    8
  • Atalanta

    38

    25
    10
    8
    7
  • Torino

    36

    25
    8
    12
    5
  • 10º

    Udinese

    33

    25
    10
    3
    12
  • 11º

    Fiorentina

    32

    25
    8
    8
    9
  • 12º

    Genoa

    30

    25
    8
    6
    11
  • 13º

    Bologna

    30

    25
    9
    3
    13
  • 14º

    Cagliari

    25

    25
    7
    4
    14
  • 15º

    Chievo

    25

    25
    6
    7
    12
  • 16º

    Sassuolo

    23

    25
    6
    5
    14
  • 17º

    Crotone

    21

    25
    5
    6
    14
  • 18º

    SpalR

    17

    25
    3
    8
    14
  • 19º

    VeronaR

    16

    25
    4
    4
    17
  • 20º

    BeneventoR

    10

    25
    3
    1
    21
Dapa Trasporti
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Primavera, Juventus-Napoli 2-3 (22' Senese, 50' Zerbin, 68' Palmieri, 73' Senese aut., 91' Kameraj): gli azzurri espugnano Torino, battuti i bianconeri. Impresa dei ragazzi di Beoni