Giovanissimi Nazionali, Napoli - Arzanese 4-0. Vittoria importante per gli azzurrini, Napolitano show!

Calcio giovanile  


NAPOLI – Splende il sole sul Centro Sportio Kennedy così come ritornano a brillare gli azzurrini di Ciro Muro.  Nel primo tempo subito pericoloso il Napoli con Bifulco e Napolitano, Pardo salva sulla linea. Inizia a giocare molto alto il Napoli e i difensori restano nei pressi della mediana per poi retrocedere tempestivamente quando l’attacco arzanese prova a passare, per bene due volte Ammendola è costretto ad uscire fuori dall’area per allontanare il pallone colpendo di testa. Continua ad attaccare il Napoli con Napolitano, servito sia da Esposito che da Calvanese. Fraseggio continuo anche tra Bifulco e Selva. Al’ 19’ Selva imbecca Bifulco che stoppa la palla da fuori area e batte a rete. E’ 1-0 per il Napoli. Due giri di lancette e il doppio vantaggio azzurro si sviluppa sull’asse Calvanese-Napolitano che si libera del difensore ospite e mira la porta. E’ 2-0. La difesa dell’Arzanese inizia a pasticciare e Giordano commette regala agli avversari un rigore per fallo di mano. Sul dischetto si presenta Esposito. Il tiro è leggermente decentrato ma Pardo lo intercetta e  respinge.

Ci pensano poi i difensori in maglia rossa a liberarsi della palla e termina la possibile azione del gol.  Al’30 Selva dalla bandierina prova lo schema ‘corto’ con Bifulco ma non riescono a crossare i area. Nulla di fatto per gli azzurri. Al 32’ la difesa del Napoli non riesce ad indietreggiare in tempo e si fa trovare scoperta, ma la formazione ospite non riesce ad approfittarne. Nella ripresa i primi dieci minuti trascorrono tra un cambio e l’altro e il ritmo di gioco è molto calato. Entrano De Iorio, Iovane, Polverino, De Simone, Setola e Rossi. Al 20’ De Iorio fornisce l’assist a Napolitano che batte l’estremo difensore e sigla il 3-0. Ci prova anche da solo De Iorio scendendo sulla fascia e provando la conclusione, Pardo respinge. Al 28 brivido in casa azzurra. Punizione da circa 15 metri alla destra di Polverino,  il tiro a giro è perfetto ma colpisce la parte bassa della traversa schizzando via. Polverino resta impietrito. Ritorna a pressare alto il Napoli e il tapin decisivo arriva al 28. Napolitano servito da De Iorio calcia verso la porta, imprendibile per il portiere. E' 4-1. Giochi chiusi per l’Arzanese. Il Napoli vince meritatamente e si riporta in vetta alla classifica con un punto di vantaggio dalla Juve Stabia.
MARCATORI: Bifulco 19’, Napolitano 20’, 22’st, 28’st
NAPOLI: Abbenante, Fontanella, Clavanese, De Simone, Esposito, Granata, Bifulco, Esposito G., Napolitano, Selva, Manna. A disp. Polverino, De Simone G, De iorio, Rossi, Iovane, Setola, Palumbo. All. Ciro Muro
ARZANESE:  Pardo, Liguoro, Capone, Portanova, Giordano, Napolitano, Marrone, Postiglione, Arnese, Reccia, Acampora. A disp. Boccia, Pinto, Saviano, Scognamiglio. All. Cacace

Altre Notizie

I più letti

Classifica

  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    56

    24
    17
    5
    2
  • JuventusCL

    54

    24
    17
    3
    4
  • FiorentinaCL

    46

    24
    14
    4
    6
  • InterEL

    45

    24
    13
    6
    5
  • RomaEL

    44

    24
    12
    8
    4
  • Milan

    40

    24
    11
    7
    6
  • Sassuolo

    34

    24
    8
    10
    6
  • Empoli

    34

    24
    9
    7
    8
  • Lazio

    33

    24
    9
    6
    9
  • 10º

    Chievo

    30

    24
    8
    6
    10
  • 11º

    Bologna

    30

    24
    9
    3
    12
  • 12º

    Torino

    28

    24
    7
    7
    10
  • 13º

    Atalanta

    28

    24
    7
    7
    10
  • 14º

    Udinese

    27

    24
    7
    6
    11
  • 15º

    Palermo

    26

    24
    7
    5
    12
  • 16º

    Genoa

    25

    24
    6
    7
    11
  • 17º

    Sampdoria

    24

    24
    6
    6
    12
  • 18º

    CarpiR

    19

    24
    4
    7
    13
  • 19º

    FrosinoneR

    19

    24
    5
    4
    15
  • 20º

    H.VeronaR

    15

    24
    1
    12
    11
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Higuain sfoga il suo nervosismo con tre compagni, CorSport: "Il Pipita soffre, doveva essere il Messia e ha steccato"