OMS, Guerra: "Il Covid-19 è mutato: ora è più aggressivo! Ma sotto i 10 anni contagia pochissimo"

Rassegna Stampa  
Ranieri Guerra, OMS e CTSRanieri Guerra, OMS e CTS

Aggiornamenti sul Covid-19 con Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell'OMS e membro del Comitato Tecnico Scientifico

Ultimissime notizie coronavirus. Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell'Oms e membro del Cts, ha rilasciato un'intervista al quotidiano La Repubblica. Ecco alcuni dei passaggi principali della sua intervista, riportati da CalcioNapoli24.

Innanzitutto, sui vaccini in lavorazione per contrastare la pandemia di coronavirus, ha dichiarato: "Quando saranno registrati dalle agenzie regolatorie li chiameremo così e avremo accesso anche ai dati di sperimentazione. Fino a quel momento sono solo candidati vaccini".

I morti hanno quasi raggiunto i numeri della primavera. Non è vero allora che le cure sono migliorate? «I morti di oggi sono il riflesso dei contagi di dieci giorni fa. Ci vorrà tempo prima che il loro numero cali. Poi potremo iniziare a parlare di riapertura. Ma con cautela, dopo l’esperienza del passato. Se avremo una terza ondata o vari piccoli marosi dipenderà da noi. Sui decessi siamo quasi al livello della primavera, ma a fronte di contagi molto più numerosi. Quindi sì, la letalità è nettamente diminuita. Sappiamo trattare meglio i malati anche se non abbiamo una cura decisiva». 

Per il Natale possiamo sperare in una curva dei contagi in calo? «Il messaggio resta chiaro, Natale con i tuoi, e capodanno pure. Non possiamo sacrificare ancora una volta i risultati ottenuti con sangue, sudore e lacrime». 

C’entra la mutazione D614G che ha reso il virus più contagioso? «È stata probabilmente la causa della violenza della seconda ondata. Il coronavirus mutato si trasmette a una rapidità che ci lascia attoniti. La mutazione a febbraio si stava affacciando in Italia. Ora è diventata prevalente proprio perché offre al virus un vantaggio competitivo, con la sua velocità di propagazione». 

Alla terza ondata arriveremo finalmente più preparati? «Tra la prima e la seconda ondata abbiamo migliorato gli ospedali e la raccolta dei dati. Manca da rafforzare l’aspetto della medicina territoriale».

Promuove anche la gestione delle scuole? «Non mi pare che siano state travolte. Ci stiamo rendendo conto che i ragazzi sopra ai 10 anni si contagiano e contagiano in modo simile agli adulti, ma al di sotto di quell’età la trasmissione è ridotta. Fino alle elementari bisogna sforzarsi di tenere aperte le aule. Per i più grandi non basta mettere in sicurezza le scuole. Bisogna farlo anche per quel che avviene prima dell’ingresso e dopo l’uscita». 

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo MilanMilanCL

    43

    18
    13
    4
    1
  • logo InterInterCL

    40

    18
    12
    4
    2
  • logo NapoliNapoliCL

    34

    17
    11
    1
    5
  • logo RomaRomaCL

    34

    18
    10
    4
    4
  • logo JuventusJuventusEL

    33

    17
    9
    6
    2
  • logo AtalantaAtalantaEL

    33

    18
    9
    6
    3
  • logo LazioLazio

    31

    18
    9
    4
    5
  • logo SassuoloSassuolo

    30

    18
    8
    6
    4
  • logo VeronaVerona

    27

    18
    7
    6
    5
  • 10º

    logo SampdoriaSampdoria

    23

    18
    7
    2
    9
  • 11º

    logo BeneventoBenevento

    21

    18
    6
    3
    9
  • 12º

    logo BolognaBologna

    20

    18
    5
    5
    8
  • 13º

    logo SpeziaSpezia

    18

    18
    4
    6
    8
  • 14º

    logo FiorentinaFiorentina

    18

    18
    4
    6
    8
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    17

    18
    4
    5
    9
  • 16º

    logo GenoaGenoa

    15

    18
    3
    6
    9
  • 17º

    logo CagliariCagliari

    14

    18
    3
    5
    10
  • 18º

    logo TorinoTorinoR

    13

    18
    2
    7
    9
  • 19º

    logo ParmaParmaR

    13

    18
    2
    7
    9
  • 20º

    logo CrotoneCrotoneR

    12

    18
    3
    3
    12
Back To Top