Una nave che imbarca acqua da ogni lato non si salva in due giorni cambiando il capitano

Primo Piano  
Una nave che imbarca acqua da ogni lato non si salva in due giorni cambiando il capitano

Napoli-Parma, prima di Gattuso sulla panchina azzurra e prima sconfitta: l'analisi dell'anticipo delle 18.00 della 16a giornata di Serie A

Prima partita per Gennaro Gattuso sulla panchina del Napoli e primo inspiegabile tonfo. Inizio shock per gli azzurri che dopo soli quattro minuti sono già sotto: clamoroso buco di Koulibaly che spalanca le porte a Kulusevski. Bravo lo svedese a freddare Meret, che poi è chiamato a compiere un prodigio su Gervinho, con l'aiuto del palo, per evitare il raddoppio dei crociati. Dopo dieci minuti da incubo, però, arriva la reazione degli uomini di Gattuso che collezionano occasioni da gol su occasioni da gol. Non possono bastare due giorni però a risolvere determinate problematiche: questa squadra non ha equilibrio ed in avanti spreca una quantità di chance da brividi. Dopo un inizio di secondo tempo sulla stessa falsa riga della chiusura della prima frazione di gioco, vale a dire con il Napoli in costante proiezione offensiva, arriva il tanto agognato e meritato pari: grande incornata di Arek Milik su assist di Mertens, subentrato ad Allan, e Sepe battuto.

Ironia della sorte, però, il pareggio, dopo mesi passati ad invocare il 4-3-3, arriva con un 4-4-2 a trazione anteriore, con Zielinski e Fabian teoricamente unici centrocampisti. E' pura teoria, però, perché il polacco e lo spagnolo in mezzo al campo lasciano delle praterie nelle quali Gervinho e Kulusevski banchettano per tutta la gara e non offrono mai copertura. Ed infatti sono proprio loro due, l'ivoriano e lo svedese, a confezionare al 93' la clamorosa beffa con un contropiede letale che rigetta l'ambiente napoletano tutto in una depressione spaventosa.

Napoli Parma Gattuso

Gestione nuova, problemi vecchi. Chiedere miracoli a Gattuso in soli due giorni a mezzo sarebbe stato una follia ed impossibile, mentre era più ragionevole e lecito aspettarsi l'inserimento di Elmas al posto di un attaccante dopo l'1-1 ed alcuni contropiedi sciupati dagli uomini di D'Aversa che rappresentavano dei preoccupanti campanelli d'allarme. Il Napoli, nel complesso, ha alzato il suo baricentro, ha pressato più alto del solito e gli interni di centrocampo sono tornati ad inserirsi regolarmente (soprattutto Zielinski). Al di là di queste note positive da cui ripartire, restano i crucci: manca un calciatore in grado di fare da vertice basso e di dettare i tempi della manovra, Fabian Ruiz non è né carne né pesce in questo periodo, l’attacco sbaglia troppo e le distanze tra i reparti sono voragini.

E’ nella psiche dei calciatori che albergano i principali problemi di questa squadra, che si è trovata a gestire, dopo Salisburgo, una situazione da lei creata ma troppo più grande di lei, per di più con la questione rinnovi sempre aperta. E non si può pensare di salvare una nave che imbarca acqua da tutte le parti solo cambiando il capitano. Men che meno in due giorni. Serve pazienza per trovare un rimedio ed una cura ad ognuna delle malattie che affliggono questo spogliatoio.

RIPRODUZIONE RISERVATA (c)

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    48

    19
    15
    3
    1
  • logo InterInterCL

    46

    19
    14
    4
    1
  • logo LazioLazioCL

    42

    18
    13
    3
    2
  • logo AtalantaAtalantaCL

    35

    19
    10
    5
    4
  • logo RomaRomaEL

    35

    19
    10
    5
    4
  • logo CagliariCagliariEL

    29

    19
    8
    5
    6
  • logo ParmaParma

    28

    19
    8
    4
    7
  • logo TorinoTorino

    27

    19
    8
    3
    8
  • logo VeronaVerona

    25

    18
    7
    4
    7
  • 10º

    logo MilanMilan

    25

    19
    7
    4
    8
  • 11º

    logo NapoliNapoli

    24

    19
    6
    6
    7
  • 12º

    logo UdineseUdinese

    24

    19
    7
    3
    9
  • 13º

    logo BolognaBologna

    23

    19
    6
    5
    8
  • 14º

    logo FiorentinaFiorentina

    21

    19
    5
    6
    8
  • 15º

    logo SassuoloSassuolo

    19

    19
    5
    4
    10
  • 16º

    logo SampdoriaSampdoria

    19

    19
    5
    4
    10
  • 17º

    logo LecceLecce

    15

    19
    3
    6
    10
  • 18º

    logo GenoaGenoaR

    14

    19
    3
    5
    11
  • 19º

    logo BresciaBresciaR

    14

    19
    4
    2
    13
  • 20º

    logo SpalSpalR

    12

    19
    3
    3
    13
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Cavani-Atletico Madrid, Tuttosport: prosegue la telenovela, Leonardo potrebbe fargli un regalo