Kvaratskhelia: "Papà mi ha portato a Napoli! Sono felice di giocare nel club di Maradona, qui lo stadio è speciale e i tifosi sono diversi"

Le Interviste  
KvaratskheliaKvaratskhelia

Lunga intervista a Khvicha Kvaratskhelia

Ultime notizie. Nuova intervista a Khvicha Kvaratskhelia! L'attaccante del Napoli ha parlato di sè stesso alla rivista The Players' Tribune, in vista del suo esordio con la Nazionale georgiana agli Europei 2024.

Prima di tutto Kvara ha scherzato sulla lingua: "Ragazzi, abbiamo un piccolo problema. Perché vengo dalla Georgia. E ovviamente parlo georgiano. Ma giocavo a calcio in Russia. E ora gioco in Italia. E non solo in Italia, ma a Napoli (la migliore Italia). E ora sto cercando di parlare a persone di tutto il mondo. Sto cercando di praticare il mio inglese. Quindi lo farò in inglese. Il mio inglese? Non perfetto. Ma faccio del mio meglio. Bene?".

L'infanzia in Georgia

Kvara ha parlato molto della Georgia: "Se chiedi a un georgiano chi vincerà l'Europeo, ti risponderà: la Georgia! Il miglior cibo al mondo? Georgiano. La musica migliore? Quella georgiana. Noi georgiani siamo così".

Tutto pronto per Euro2024: "Essere qui è pazzesco. Sono giovane, ho solo 23 anni. Ma ci sono già stati tanti alti e bassi, nella vita, nel calcio. La mia vita è come le montagne russe. Quando ero giovane, d'estate quando non c'era la scuola, andavamo tutti i giorni a giocare a calcio per strada. Bambini ovunque. Facciamo piccoli tornei. Erano come quattro edifici. Al centro di questi edifici c’era il nostro “stadio”. Ma solo cemento duro. Più tardi, prendiamo il tappeto erboso. Ma all'inizio concreto. Le ginocchia sono tutte rosse quando scendiamo. Molte ginocchia insanguinate".

La sua infanzia in Georgia: "Da noi la gente ama lo sport. Ma il calcio viene prima di tutto. Ci sono tanti bambini che giocano in strada. A volte giocavamo di notte, quando i bambini dovrebbero dormire. Iniziavamo a gridare e a litigare finché i nostri genitori non si svegliavano e si arrabbiavano con noi. Io però non ho mai urlato troppo, sono sempre stato un tipo calmo, che non inizia mai a litigare. A volte la gente diceva che ero un tipo timido, ma non è così. Sono semplicemente rispettoso, ma se tocchi i miei amici, divento feroce. Questa è la mia mentalità. Mia madre odiava questo mio modo di fare, ma da dove vengo io non si abbandona mai un amico nei guai".

La Dinamo Tbilisi

La Dinamo Tbilisi: "Quando sono andato all'accademia della Dinamo Tbilisi, c'era più calcio, meno litigi. L'insegnamento che ti danno ti rende un giocatore migliore. Se vedi la nostra nazionale, la maggior parte dei giocatori proviene da questa accademia. Ma è stato difficile. Ero nella prima squadra e i giocatori più anziani dicevano: “Oh, ora abbiamo questo ragazzo?". Ero giovane e nessuno mi conosceva. "Chi è questo ragazzo?" dicevano, avevo forse 15 anni. Erano grandi giocatori. Quindi dicono: “Oh, ora abbiamo questo ragazzo. Forse perdiamo”. Li ho sentiti mentre lo dicevano, volevo mettermi a piangere. Dentro di me soffrivo e pensavo: fanculo, devo dimostrare loro chi sono. Il mio carattere si è indurito, mi ha motivato e mi ha fatto bene".

Kvaratskhelia in Russia

Poi il passaggio in Russia: "Arrivo a Mosca a 17-18 anni, ero molto giovane ed ero da solo, i miei genitori erano nervosi, mio padre era molto preoccupato. Per me è stato difficile, ero stressato per aver lasciato la mia famiglia. Ma quando ho iniziato ad allenarmi mi sono detto: perché sono venuto qui? Sulla maglietta c'è il nome della mia famiglia, quindi porterò la mia famiglia con me. Devo lavorare per loro. Non sono da solo. Non posso deluderli. Devo renderli orgogliosi. Quindi mi sono detto: impegnati! In squadra con me c'era un georgian, Saba Kvirkvelia, che mi ha aiutato molto. Mi portava a mangiare fuori, a volte mi difendeva. E dopo che ho iniziato a giocare, l'allenatore mi ha davvero amato. Lo rispetto tantissimo, perché lì sono cresciuto molto: fisicamente, mentalmente e anche come personalità".

Poi però arriva la solutidine: "Mi sentivo solo, vivevo nel centro sportivo, non avevo amici. Ero da solo con i ragazzi della sicurezza, mentre gli altri calciatori vivevano altrove. Mangiavo sempre da solo, era spaventoso... non scherzo. Il centro era immerso nella foresta, non si poteva uscire. Di notte non c'erano luci, quindi passavo il tempo a fare allenamento extra, al buio. A volte la sicurezza si spaventava quando mi sorprendevano ad allenarmi di notte, ma io non avevo niente da fare e pensavo solo al calcio. Mi dicevo: non posso tornare in Georgia, devo fare bene, devo lavorare duro, la mia famiglia e il mio Paese mi stanno guardando. Io amo il mio paese e farei di tutto per la Geoergia".

Il ritorno in Georgia

Scoppia la guerra in Ucraina e Kvaratskhelia torna in Georgia: "Nel 2022 inizia la guerra in Ucraina. La guerra è una grande vergogna. Per me, quando viviamo nello stesso mondo, nessuno dovrebbe uccidersi a vicenda. È semplice. Il mondo dovrebbe essere in pace. Quindi quando inizia la guerra, dico: “Non posso restare qui”. A causa del mio Paese e della nostra storia, dico al club che devo lasciare la Russia. Vado alla Dinamo Batumi, a casa mia. È stato molto eccitante giocare negli stadi che guardavo da bambino".

Kvaratskhelia parla del Napoli

Kvaratskhelia:

Il passaggio al Napoli: "Passare al Napoli è stato tutto merito di mio padre Badri. Il suo idolo era Maradona. Anche mio padre giocava a calcio e da bambino guardavo sempre i suoi video, per me era il migliore del mondo, avevo 6-7 anni e dicevo che lui era più forte di Messi e Ronaldo. Ricordo che mio padre tirava i calci di punizione fortissimo. Ero così colpito da lui che invitavo gli amici a casa per guardare i suoi video. Mio padre però mi parlava sempre di Maradona, quindi quando il mio agente mi ha detto che il Napoli mi voleva ero felicissimo. Anche per mio padre è stato incredibile: mi disse che non si poteva dire di no al Napoli, al club di Maradona! Quindi non ci ho pensato troppo, non c'è stato dibattito. Lui mi ha detto: "devi andare". Non riesco a descrivere le emozioni che ho provato. Gli ho detto: "Andiamo! Subito".

Il primo approccio a Napoli: "Quando sono arrivato la prima cosa che mi hanno chiesto i compagni di squadra è stata: devi cantare, questa è la nostra tradizione! Tutti i nuovi acquisti lo fanno. Kim è andato a cantare per primo ed ha cantato Gangnam Style, è stato bellissimo. Io venivo dopo di lui e quindi c'era una grande pressione, quindi ho scelto una canzone che cantavo quando giocavo in Russia al Rubin Kazan. È stato bello, nessuno conosceva la canzone. Poi ho cantato "la,la,la,la", il ritornello "Live is Life". Tutti mi dicevano: "Sei furbo, vuoi fare colpo sui tifosi del Napoli", ma io non capivo. Alla fine Mario Rui mi ha svelato che quella canzone a Napoli fu resa famosa da Maradona durante i suoi riscaldamenti allo stadio, ma io giuro che non lo sapevo. Ai tifosi però è piaciuto molto, ma sono stato fortunato".

Il rapporto con la città di Napoli: "I primi giorni a Napoli vedo Maradona ovunque. Maradona, Maradona, Maradona. Maradona è il Dio lì. L'ho detto a mio padre. Mi ha detto: "Fammi venire subito a Napoli". All'inizio andavo in taxi all'allenamento perché non avevo la macchina. E dopo, quando ho visto come guidano, ho detto: “Non posso guidare qui, è impossibile”. Ma quando sono arrivato in albergo... il panorama... oh mio Dio. Era la cosa migliore che avessi mai visto, davvero. Poi esco a passeggiare per la città, e anche i settantenni mi conoscono già. Prima ancora di giocare. La gente mi ferma: "Sei Kvaratskhelia!", Dico: "Sì, lo sono!". Sono un ragazzo giovane. Proveniente dalla Dinamo Batumi. E ho un nome difficile. Ma le nonne, i nonni, tutti mi conoscevano già".

Napoletani e georgiani sono simili: "L’ho detto tante volte agli amici: georgiani e napoletani siamo quasi la stessa cosa. Il modo in cui amano così tanto il calcio. Viviamo la vita un po’ come... pazzi! Non so come dirlo, ma è come... La passione, l'energia... Viviamo così anche in Georgia. Ai miei amici da casa dico sempre: “A Napoli devi mangiare pizza e pasta”.

Lo stadio Maradona: "L'altra cosa che dico sempre? "Devi vedere una partita allo Stadio Maradona". Non dimenticherò mai la mia prima vista allo stadio Maradona. Quando sono entrato, anche solo nello spogliatoio, è stato bellissimo. Io normalmente prima della partita non scendo in campo. Alcuni giocatori vanno in campo, sentono l'erba e queste cose, oppure ascoltano la musica con la gente. Io non lo faccio mai. Ma allo stadio Maradona, la prima volta ho pensato: forse dovrei uscire. Devo vedere. Quindi esco ed è stato bellissimo . E anche nel riscaldamento lo stadio era già pieno. Certe emozioni non puoi descriverle. Suonano quella canzone, "La, la, la", quando inizia il riscaldamento. Poi cantano l'altra canzone di Maradona che segue... è "Olé, olé, olé", e poi i fan cantano "Diego, Diego". Quindi ora ogni volta che mi riscaldo, canto anche io: "Diego, Diego". Mio padre lo adora".

La tifoseria napoletana: "I tifosi sono qualcosa di diverso. La stagione in cui abbiamo vinto lo scudetto, dopo la trasferta della Juventus, torniamo all'aeroporto di Napoli, e stiamo cercando di tornare a casa con l'autobus, ma i tifosi hanno preparato i fuochi d'artificio, i fumogeni tricolore, non si vedeva nulla. Perfino nell'autobus non si riusciva a respirare, era tutto azzurro. Ma la gente era così felice, una città intera in festa, tutti, proprio tutti... e anche io! Sono molto, molto felice di giocare per il club di Maradona".

Euro2024

Kvaratskhelia torna a parlare dell'Europeo: "Quando ero bambino in Georgia, la mia vita era un po’ difficile, non voglio entrare nel dettaglio. Ma non è stato sempre facile, capite? E ora sono felice perché so che sto facendo sorridere il mio Paese giocando per il Napoli. Tutta la gente ci guarda. Ci seguono. A volte, quando tornavo in Georgia, quando vedevo i bambini giocare con il mio nome sulla maglietta, non ci credevo. Pensavo che questo Kvaratskhelia sulla maglietta fosse qualcun altro. Non l'avevo mai sognato, perché era così assurdo per me. Ma ora quando li vedo, mi danno ispirazione. E ora agli Europei, per la prima volta in assoluto. Possiamo rendere felice tutta la Georgia. Per i georgiani, questo è come un sogno".

La qualificazione agli Europei: "Penso sia stato uno dei giorni più belli della mia vita. A fine partita mia moglie mi guardò e disse: sei ubriaco? Risposi: no, sono solo felicissimo! TUtti eravamo felicissimi. C'erano così tante persone ovunque che urlavano e ballavano. Non potevamo nemmeno tornare in albergo con l'autobus. Anche la polizia non potette fare nulla. Non ci siamo fatti neanche la doccia, siamo andati direttamente a festeggiare".

Vincere l'Europeo: "Sì, certo, abbiamo una possibilità. Perché no? Affrontiamo Turchia, Repubblica Ceca e Portogallo. Sarà difficile? Ovviamente. Sarà dura? SÌ. Chiederò la maglia a Cristiano dopo la partita? Forse. Probabilmente. Ok sì. Perché no? Lui è il mio idolo. Glielo dirò. Ma questo non significa che non possiamo vincere. Perché il calcio è il calcio. Nessuno sa. Nessuno pensava che ci saremmo qualificati. Adesso non ci credono più. Dicono che la Georgia non ha alcuna possibilità. Tutti, lo dicono. Ma sai cosa dico? Dico... non hanno chiesto a nessun georgiano".

CalcioNapoli24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News
Ultimissime Notizie
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo MilanMilanCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo JuventusJuventusCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo AtalantaAtalantaCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo BolognaBolognaEL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo RomaRomaECL

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo LazioLazio

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo FiorentinaFiorentina

    0

    0
    0
    0
    0
  • logo TorinoTorino

    0

    0
    0
    0
    0
  • 10º

    logo NapoliNapoli

    0

    0
    0
    0
    0
  • 11º

    logo GenoaGenoa

    0

    0
    0
    0
    0
  • 12º

    logo MonzaMonza

    0

    0
    0
    0
    0
  • 13º

    logo VeronaVerona

    0

    0
    0
    0
    0
  • 14º

    logo LecceLecce

    0

    0
    0
    0
    0
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    0

    0
    0
    0
    0
  • 16º

    logo CagliariCagliari

    0

    0
    0
    0
    0
  • 17º

    logo EmpoliEmpoli

    0

    0
    0
    0
    0
  • 18º

    logo ComoComoR

    0

    0
    0
    0
    0
  • 19º

    logo VeneziaVeneziaR

    0

    0
    0
    0
    0
  • 20º

    logo ParmaParmaR

    0

    0
    0
    0
    0
Back To Top