Il giorno dopo Feyenoord - Napoli: la speranza di Pietro, il boccone amaro e l'uscita alla Gedeone Carmignani che costa una qualificazione

Copertina fonte : di Stefano Napolitano
Il giorno dopo Feyenoord - Napoli: la speranza di Pietro, il boccone amaro e l'uscita alla Gedeone Carmignani che costa una qualificazione

Il giorno dopo Feyenoord - Napoli. Secondo boccone amaro  in pochi giorni per tutti i tifosi e per l'ambiente tutto. Se quello contro la Juventus, seppur indigesto, potrà essere assorbito - il campionato è ancora lungo- quello di ieri sera è definitivo e sancisce l'eliminazione dalla Champions.

Il giorno dopo Feynoord - Napoli. Qualificazione già  ampiamente compromessa per le ben tre sconfitte nelle precedenti cinque partite. E ieri sera le speranze erano ridotte a un lumicino già ben prima del fischio di inizio.

Il giorno dopo Feyenoord - Napoli. Con Insigne fermo  ai box è toccato a Pietro il polacco sistemarsi sull'out sinistro e proprio lui dopo neanche due giri di lancette l'ha sbloccata. Un goal che di fatto non servirà a nulla se non per gli almanacchi.

Il giorno dopo Feyenoord - Napoli. Le notizie provenienti  dall'Ucraina hanno poi demoralizzato squadra e tecnico. L'attenzione è calata ed è così maturata la quarta sconfitta in sei partite. Tre su tre fuori casa. Numeri alla mano l'eliminazione ci sta tutta. Resta il rimpianto per la partita in Ucraina. Sconfitta  ingenerosamente imputata al solo Reina autore di un'uscita a vuoto alla " Gedeone Carmignani ". In pochi ricordano il goal del pari che si divoro' Milik. Andrebbe intervistato il tifoso in curva che fu colpito dal pallone calciato dell'attaccante polacco.  Si perde e si vince sempre e comunque in undici. 

Il giorno dopo Feyenoord - Napoli. Resta il rammarico  per un'eliminazione in un girone, almeno sulla carta, certamente non proibitivo. La partenza sprint in campionato ha certamente assorbito energie fisiche e mentali. La gestione non proprio corretta della rosa e qualche episodio sfavorevole hanno fatto il resto.

Il giorno dopo Feyenoord - Napoli. Azzurri "retrocessi"  in Europa League e forse, per quel che si è visto, è attualmente la reale dimensione di questo organico. Nessun dramma. Sono stati giorni tristi. Ma non reagire sarebbe ancora peggio. Urge ripartire subito. Già da domenica. Magari apportando qualche modifica  non solo di formazione ma anche di approccio alla gara.

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    75

    28
    24
    3
    1
  • logo NapoliNapoliCL

    60

    28
    18
    6
    4
  • logo InterInterCL

    53

    28
    16
    5
    7
  • logo MilanMilanCL

    51

    28
    14
    9
    5
  • logo RomaRomaEL

    47

    28
    13
    8
    7
  • logo AtalantaAtalantaEL

    45

    28
    13
    6
    9
  • logo LazioLazio

    45

    27
    13
    6
    8
  • logo TorinoTorino

    44

    28
    11
    11
    6
  • logo SampdoriaSampdoria

    42

    28
    12
    6
    10
  • 10º

    logo FiorentinaFiorentina

    37

    28
    8
    13
    7
  • 11º

    logo GenoaGenoa

    33

    28
    8
    9
    11
  • 12º

    logo ParmaParma

    33

    28
    9
    6
    13
  • 13º

    logo SassuoloSassuolo

    32

    28
    7
    11
    10
  • 14º

    logo CagliariCagliari

    30

    28
    7
    9
    12
  • 15º

    logo SpalSpal

    26

    28
    6
    8
    14
  • 16º

    logo UdineseUdinese

    25

    27
    6
    7
    14
  • 17º

    logo EmpoliEmpoli

    25

    28
    6
    7
    15
  • 18º

    logo BolognaBolognaR

    24

    28
    5
    9
    14
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    17

    28
    3
    8
    17
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    11

    28
    1
    11
    16
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Mertens: "Cina? A Napoli sto bene, non ho ancora disdetto l'affitto. Io capitano? Mi fa piacere, ma Insigne o Callejon meglio..."