Il poker di Ancelotti ed un termine da abolire

Zoom  
Carlo Ancelotti, allenatore del NapoliCarlo Ancelotti, allenatore del Napoli

La forza delle idee, la duttilità tattica, l’arguzia, la novità. Si è detto tanto di Carlo Ancelotti e della vittoria di ieri ottenuta dal Napoli contro la Fiorentina. Partiamo dalla base: Ancelotti in carriera qualcosina l’ha fatto, e non solo esclusivamente grazie alla qualità immensa dei calciatori avuti a disposizione. Fa ciò che ritiene più idoneo, almeno nella sua mente.

ANCELOTTI E LA DUTTILITÀ

Basta col Sarrismo, basta con i meccanismi automatici. Basta, ormai il suo interprete (il termine ‘comandante’ è orrido) è da un’altra parte ed il suo modo di comportarsi lo sappiamo. Adesso c’è Ancelotti e c’è un altro modo di pensare il calcio che abbraccia diverse visioni. Tatticamente il Napoli è molto più camaleontico di quello dell’ultimo triennio: la stagione in fin dei conti è iniziata da poco meno di un mese, eppure nel giro di quattro partite abbiamo già avuto modo di vedere tanti schemi:

  1. 4-3-3, perché Ancelotti è pragmatico nel non voler buttar via ciò che di buono ha costruito Sarri;
  2. 4-2-3-1, quando c’è bisogno di aumentare il volume offensivo, avanzare il baricentro e spostare il peso della squadra 15-20 metri più avanti;
  3. 4-2-4, visto per alcuni stralci di match. Idea sicuramente interessante, ma sulla quale lavorare per trovare i giusti equilibri (soprattutto sul duo di centrocampo, chiamato a compiti fisici più gravosi);
  4. 4-4-2, inaugurato per una ventina di minuti ieri. Insigne al fianco dell’altra punta, Zielinski spostato sulla fascia, Callejon arretrato ed in grado di essere utile anche in fase difensiva

GIOCARE BENE O GIOCARE PER VINCERE?

Se Sarri era il volto di una squadra automatica che se ne fregava poco o niente di cambiare, Ancelotti ha già cambiato faccia più volte. Perché in fondo conta vincere, a sentir parlare i tifosi, ed il giocare bene aiuta, sì, ma non è la priorità (a differenza di ciò che si diceva fino a qualche mese fa: come si cambia con il tempo). Però c’è un appunto da fare. Per favore, non si parli di Ancelottismo: è un termine altrettanto orrido, e meriterebbe di essere messo subito in un cassetto a marcire.

di Claudio Russo - Twitter @claudioruss

RIPRODUZIONE RISERVATA

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    53

    19
    17
    2
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    44

    19
    14
    2
    3
  • logo InterInterCL

    39

    19
    12
    3
    4
  • logo LazioLazioCL

    32

    19
    9
    5
    5
  • logo MilanMilanEL

    31

    19
    8
    7
    4
  • logo RomaRomaEL

    30

    19
    8
    6
    5
  • logo SampdoriaSampdoria

    29

    19
    8
    5
    6
  • logo AtalantaAtalanta

    28

    19
    8
    4
    7
  • logo TorinoTorino

    27

    19
    6
    9
    4
  • 10º

    logo FiorentinaFiorentina

    26

    19
    6
    8
    5
  • 11º

    logo SassuoloSassuolo

    25

    19
    6
    7
    6
  • 12º

    logo ParmaParma

    25

    19
    7
    4
    8
  • 13º

    logo CagliariCagliari

    20

    19
    4
    8
    7
  • 14º

    logo GenoaGenoa

    20

    19
    5
    5
    9
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    18

    19
    4
    6
    9
  • 16º

    logo SpalSpal

    17

    19
    4
    5
    10
  • 17º

    logo EmpoliEmpoli

    16

    19
    4
    4
    11
  • 18º

    logo BolognaBolognaR

    13

    19
    2
    7
    10
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    10

    19
    1
    7
    11
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    8

    19
    1
    8
    10
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
Back To Top