Pelillo... nell'uovo - Svolta in due mosse e suggerimenti per il futuro...

Rubriche fonte : Marcello Pelillo per CalcioNapoli24
Pelillo... nell'uovo - Svolta in due mosse e suggerimenti per il futuro...

Napoli, svolta in due mosse

L'ha vinta dalla panchina, con i cambi, con la scossa, suggerendo una via più semplice per il gol. La svolta di una gara che si era messa malissimo nel primo tempo, è arrivata dagli spogliatoi. Un Napoli dai due volti, lento nell'impostazione e senza idee con il ritmo basso a fare da corredo ai primi 45' azzurri. Ranieri l'ha preparata bene, sull'onda dei suoi recenti colleghi che si sono avvicendati contro il Napoli. Buon pressing alto e compattezza in fase di non possesso. In questa situazione la chiave in negativo del Napoli sembrava ancora una volta Mertens al centro dell'attacco. Il belga non riesce più a sostenere quel ruolo. Da tempo non ha più l'esplosività di gambe e questo gli sottrae quello scatto decisivo ad anticipare i difensori avversari. Senza la rapidità, il folletto non è più tale e non riesce a sgusciare beffandosi, come faceva un tempo, della fisicità degli avversari.

Senza un riferimento in attacco, gli azzurri hanno ancora una volta perso il filo del gioco e le idee. Fortunatamente Gattuso l'ha letta e nella ripresa ha cambiato in fretta le carte. Dentro il classico centravanti e cambio di gioco. Petagna e Lozano hanno dato un volto diverso alla manovra. La punta centrale e l'esterno in grado di tentare il fondo e andare al cross. Gattuso l'ha ribaltata proprio così, con due palle messe al centro dal fondo. Una soluzione che con i piccoletti non veniva quasi mai cercata. Una opzione tattica alla quale non si può fare a meno quando l'attacco non gira.

È cambiata la tattica, è stato determinante Lozano nel modo in cui si è lanciato nel match, ma è arrivata anche la strigliata. È stato un Napoli più veloce nella manovra, più in partita, grazie anche all'uscita dal campo di Fabian. Lo spagnolo non gira nel ruolo di centrale, così come Mertens non riesce più ad interpretare il ruolo di centravanti. La gara con la Samp ha lasciato questi suggerimenti, confermando cose già intraviste. Il belga, del resto, piazzato intorno a Petagna ha inciso di più, con l'assist del pareggio all'attivo, e non solo.

La gara ha confermato anche le incertezze di Meret e Di Lorenzo, due ragazzi che con Ancelotti erano diventati dei punti fermi. Sul portiere esiste un equivoco nato in estate e non risolto. Gattuso non lo vede adatto al palleggio che chiede a partire dalla difesa. Il mister gli preferisce Ospina ma il club ha puntato su Meret per il futuro, considerando anche le grandi cose mostrate nella gestione Ancelotti. Sarebbe stato ideale mandarlo via in prestito, mentre l'alternanza attuale non giova soprattutto a Meret che è giovane ed era il titolare prima che arrivasse Gattuso. La finestra di gennaio suggerisce di intervenire perché il ragazzo non è sereno.

Di Lorenzo, invece, ha l'attenuante di giocare sempre, causa l'assenza di Hysaj. Va detto che accadeva anche nella gestione Ancelotti, senza mostrare sbavature... Vedremo...

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo MilanMilanCL

    43

    18
    13
    4
    1
  • logo InterInterCL

    40

    18
    12
    4
    2
  • logo RomaRomaCL

    37

    19
    11
    4
    4
  • logo NapoliNapoliCL

    34

    17
    11
    1
    5
  • logo JuventusJuventusEL

    33

    17
    9
    6
    2
  • logo AtalantaAtalantaEL

    33

    18
    9
    6
    3
  • logo LazioLazio

    31

    18
    9
    4
    5
  • logo SassuoloSassuolo

    30

    18
    8
    6
    4
  • logo VeronaVerona

    27

    18
    7
    6
    5
  • 10º

    logo SampdoriaSampdoria

    23

    18
    7
    2
    9
  • 11º

    logo BeneventoBenevento

    22

    19
    6
    4
    9
  • 12º

    logo BolognaBologna

    20

    18
    5
    5
    8
  • 13º

    logo FiorentinaFiorentina

    18

    18
    4
    6
    8
  • 14º

    logo SpeziaSpezia

    18

    19
    4
    6
    9
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    17

    18
    4
    5
    9
  • 16º

    logo GenoaGenoa

    15

    18
    3
    6
    9
  • 17º

    logo CagliariCagliari

    14

    18
    3
    5
    10
  • 18º

    logo TorinoTorinoR

    14

    19
    2
    8
    9
  • 19º

    logo ParmaParmaR

    13

    18
    2
    7
    9
  • 20º

    logo CrotoneCrotoneR

    12

    18
    3
    3
    12
Back To Top