Zambardino distrugge Insigne: "Non sei una bandiera! Presuntuoso, sempre flop nei momenti decisivi"

Rassegna Stampa  
Zambardino distrugge Insigne: Non sei una bandiera! Presuntuoso, sempre flop nei momenti decisivi

Zambardino attacca Insigne sul Corriere del Mezzogiorno. Parole durissime e contro l’ormai ex capitano Napoli

Insigne dice addio al Napoli. Sulle colonne del Corriere del Mezzogiorno, ecco il commento di Vittorio Zambardino in riferimento all'addio del capitano azzurro:

"Lacrime? Tu parti, ma non vai in guerra, Lorenzo caro, hai fatto una scelta razionale e professionale, due aggettivi legittimi ma che non commuovono. Però sì, il saluto ti è dovuto.

Insigne addio Napoli

Tranquillo, nessuno pensava «de morì prima» del tuo addio, come hanno detto a un altro capitano, Francesco Totti. Quella sì fu una festa vera, perché quello aveva rifiutato il Real Madrid per la squadra che l’aveva messo al mondo del calcio. Lui sì, era una bandiera, tu non sei una bandiera. Ma sei uno di noi, in un certo senso «sei» noi.

Noi ti avremmo voluto come bandiera e leader, e non ci siamo mai rassegnati alla tua realtà «media», nemmeno quando avendo ricevuto il potere, come sempre succede a chi lo riceve troppo e troppo presto, non ne sei stato all’altezza.

E poi sei vittima anche tu, come tutto il Napoli e Napoli, che pensa che di talento divino ce ne sia stato uno soltanto. Dopo Diego, il diluvio, non è possibile apprezzare ed elevare altri campioni. Di conseguenza non ci rendiamo conto di quando davanti a noi passano giocatori più umani di Lui, ma comunque grandi atleti. Qualche nome: Cavani, Higuain (sì, Higuain, e facciamola finita con le guerre di religione), Mertens, Jorginho, Albiol, Fabian Ruiz. Napoli ha bisogno di macinare malumore, pessimismo, Napoli ha bisogno di degradare ciò che ha: non sei sfuggito a questo destino, di fischi ne hai ricevuti troppi, questo è vero. Per responsabilità della città ma anche perché tu sei napoletano come noi: presuntuoso, pigro, furbo.

Per non essere sleale, chi scrive questo pezzo deve confessare: ero pazzo di te, ero pronto a litigare con chi sosteneva che tu fossi uno da centro classifica (litigherei ancora su questo, guarda un po’). Come in qualsiasi amore l’illusione vinceva sulla realtà - «sì, è immaturo, conosce un solo tiro e un solo ruolo, ma si farà, studierà, crescerà, guarda che gol ha fatto col Borussia».

Passati gli anni, tu sei rimasto con un solo tiro, con un ruolo e mezzo, con l’idea di essere «fatto e finito» e il rifiuto di imparare e migliorarti. Ti hanno dato la maglia numero 10 della nazionale, ma ci rendiamo conto dell’occasione? Potevi renderci orgogliosi tutti, portare il nome di Napoli in cielo, ma ad ogni appuntamento sei venuto a mancare.

Dovevi crescere e non sei cresciuto e col tempo la tua presunzione è diventata insopportabile, non eri sincero nemmeno quando dicevi «ho sbagliato». Proprio come questa città, che a ventunesimo secolo inoltrato aspetta ancora una mano dallo stato. A te è stata data ogni opportunità, ma tu non hai studiato, non hai lavorato, non ti sei sacrificato. Perfino fisicamente, nel modo di muoverti in campo, certe volte hai incarnato la presunzione di chi «appare» senza essere, eppure non sono mancati grandi maestri sulla strada del tuo Napoli. Tu hai infranto i nostri sogni più e più volte, oltre il limite del perdonabile e rimani per noi il capitano dell’ammutinamento (quella è stata la tua fine) e degli obiettivi mancati. Per cui, fatti i conti, meglio così: addio, con immutato affetto.

p.s. Oggi ci sarà questa festa, nel nostro stile, «scurdammece o’ passato», musica e bandiere. Ma è un po’ presto per dimenticare tutte le illusioni perdute, quindi non ti dispiacerà se, come si dice su twitter, #iorestoacasa. Meglio così, perché poi siamo napoletani anche noi. Ci dovesse mai scappare una lacrima traditora".

CalcioNapoli24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News
Ultimissime Notizie
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo MilanMilanCL

    86

    38
    26
    8
    4
  • logo InterInterCL

    84

    38
    25
    9
    4
  • logo NapoliNapoliCL

    79

    38
    24
    7
    7
  • logo JuventusJuventusCL

    70

    38
    20
    10
    8
  • logo LazioLazioEL

    64

    38
    18
    10
    10
  • logo RomaRomaECL

    63

    38
    18
    9
    11
  • logo FiorentinaFiorentina

    62

    38
    19
    5
    14
  • logo AtalantaAtalanta

    59

    38
    16
    11
    11
  • logo VeronaVerona

    53

    38
    14
    11
    13
  • 10º

    logo TorinoTorino

    50

    38
    13
    11
    14
  • 11º

    logo SassuoloSassuolo

    50

    38
    13
    11
    14
  • 12º

    logo UdineseUdinese

    47

    38
    11
    14
    13
  • 13º

    logo BolognaBologna

    46

    38
    12
    10
    16
  • 14º

    logo EmpoliEmpoli

    41

    38
    10
    11
    17
  • 15º

    logo SampdoriaSampdoria

    36

    38
    10
    6
    22
  • 16º

    logo SpeziaSpezia

    36

    38
    10
    6
    22
  • 17º

    logo SalernitanaSalernitana

    31

    38
    7
    10
    21
  • 18º

    logo CagliariCagliariR

    30

    38
    6
    12
    20
  • 19º

    logo GenoaGenoaR

    28

    38
    4
    16
    18
  • 20º

    logo VeneziaVeneziaR

    27

    38
    6
    9
    23
Back To Top