Corbo: "Le due mosse di Calzona che hanno beffato Xavi in Napoli-Barcellona"

Rassegna Stampa  
Corbo: Le due mosse di Calzona che hanno beffato Xavi in Napoli-Barcellona

"La Champions accoglie bene il terzo allenatore del Napoli. Calzona resiste alle scene peggiori", apre così Antonio Corbo nel consueto editoriale per Repubblica Napoli:

"Le prime dei due tempi. Dopo mezz’ora sei tiri, tre in porta. Inizio da incubo. L’aveva fatto anche sapere il Barcellona. Fuoco d’artificio subito da tutte le sue batterie. Lo scorbutico Xavi attua la sua irrituale strategia, annunciando ancora prima di giocare il suo piano. Spaventare il collega debuttante, è la sua anomala comunicazione attraverso i giornalisti della tv spagnola. Il disegno: mandare in confusione la squadra campione d’Italia, quasi non fosse già scossa da una crisi che forse ieri sera comincia a chiudersi. Mantiene la calma finché può proprio lui, il bersaglio scelto dal cinico Xavi.

Francesco Calzona, confortato dagli interventi del suo portiere, sa anche rispondere. Un cambio di posizioni riequilibra il rapporto di forze dopo affannoso avvio. Calzona inverte i centrocampisti. Un balbettante Cajuste si riprende sulla destra, Anguissa altrettanto a sinistraDisorientati i rispettivi dirimpettai De Jong e Gundogan, il più dinamico e insidioso fino al cambio. Il Barcellona lentamente cede campo, permettendo al Napoli una lunga fase di possesso palla. La pressione risolleva ritmi e umori, Lobotka compete sicuro nel confronto di regie con il celebrato Christensen. Prende tono e spazio anche la difesa, sale con Olivera che controlla Yamal e Rrahmani si misura con tutta la sua buona volontà con Lewandowski, che troverà comunque il gol nella ripresa... Dà tutto se stesso Di Lorenzo, entrando nel campo come ai tempi di Spalletti. La squadra d’altro canto ripropone la costruzione dal basso, non si lavora anni con gli amici toscani, con Sarri ed il filosofo di Certaldo, senza replicarne i temi più significativi.

Xavi è molto deluso dopo il primo, più scuro ed accigliato del solito deve aver scaricato tutta la sua ira. Glielo si legge nel volto gitano quando riappare con una squadra ricaricata. Calzona comincia a studiare, osservando le criticità della squadra. La più evidente: il Napoli ha perso di nuovo il possesso palla, accusa una distanza fatale nei contatti con Kvara finito ostaggio di Koundé, come Osimhen maltrattato da Araujo. Chiamato d’urgenza dalla Slovacchia, il terzo allenatore mostra i vantaggi di chi avverte la fiducia del non certo placido presidente. Quella sicurezza di passare subito ai cambie senza complimenti. Delle due punte, Calzona elimina chi l’ha deluso di più. Kvaratskhelia, se la prenda pure il fantasista ma qui c’è da praticare una terapia d’urto. Esce anche Cajuste. Giusto così.

Ingresso ad invito per Traorè e Lindstrom. I cambi rianimano il Napoli, ne accelerano i ritmi, gli danno forza e autostima. Rivelando una condizione sufficiente per sperare nella serata e nella stagione. Anche Osimhen accompagna la squadra nella vibrante reazione, il bomber non ha perso memoria e tempismo in Africa, il gol è il suo mestiere e se ne ricorda in tempo. Anche senza di lui, uscito dopo il pari, tutto il Napoli ha confermato con Lindstrom e il combattivo Simeone le luci che sembrano essersi spente. Ci voleva il terzo per ridare un tecnico senza complessi ad una panchina due volte violata".

CalcioNapoli24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News
Ultimissime Notizie
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    83

    32
    26
    5
    1
  • logo MilanMilanCL

    69

    32
    21
    6
    5
  • logo JuventusJuventusCL

    63

    32
    18
    9
    5
  • logo BolognaBolognaCL

    59

    32
    16
    11
    5
  • logo RomaRomaEL

    55

    31
    16
    7
    8
  • logo AtalantaAtalantaECL

    51

    31
    15
    6
    10
  • logo LazioLazio

    49

    32
    15
    4
    13
  • logo NapoliNapoli

    49

    32
    13
    10
    9
  • logo TorinoTorino

    45

    32
    11
    12
    9
  • 10º

    logo FiorentinaFiorentina

    44

    31
    12
    8
    11
  • 11º

    logo MonzaMonza

    43

    32
    11
    10
    11
  • 12º

    logo GenoaGenoa

    39

    32
    9
    12
    11
  • 13º

    logo LecceLecce

    32

    32
    7
    11
    14
  • 14º

    logo CagliariCagliari

    31

    32
    7
    10
    15
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    28

    31
    4
    16
    11
  • 16º

    logo EmpoliEmpoli

    28

    32
    7
    7
    18
  • 17º

    logo VeronaVerona

    28

    32
    6
    10
    16
  • 18º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    27

    32
    6
    9
    17
  • 19º

    logo SassuoloSassuoloR

    26

    32
    6
    8
    18
  • 20º

    logo SalernitanaSalernitanaR

    15

    32
    2
    9
    21
Back To Top