"Juve-Napoli vietata ai nati in Campania", richiesta di provvedimento d'urgenza alla Procura FIGC per comportamento discriminatorio

Primo Piano  
Juve-Napoli vietata ai nati in Campania, richiesta di provvedimento d'urgenza alla Procura FIGC per comportamento discriminatorio

Juve-Napoli - È stato richiesto un provvedimento d'urgenza contro la Juventus per comportamento discriminatorio nella nota sul divieto ai "nati in Campania"

Notizie Calcio - È stata notificata con urgenza una richiesta di provvedimento da parte degli organi competenti nei confronti della Juventus per il comunicato iniziale in cui si proibiva l'accesso nella gara contro il Napoli "alle persone nate nella regione Campania". A tal proposito è intervenuto l'avvocato Erich Grimaldi che ha notificato a mezzo pec una richiesta d'urgenza alla Procura FIGC, al Ministero dell'Interno (sezione Sport) e alla lega Serie A. L'atto, ritenuto da molti clamorosamente discriminatorio, non può passare inosservato, si legge nella nota, con la semplice rimozione della parte in questione. Anche perché inneggia al razzismo e attribuisce una scusante per i cori di discriminazione territoriale che puntualmente vengono intonati all'interno dell'Allianz Stadium.

Juventus-Napoli negata ai nati in Campania: richiesta di provvedimento alla Procura FIGC

Il club bianconero, infatti, a mezzo del proprio sito, in modo assurdo - si legge nella nota - discriminatorio ed assolutamente anticostituzionale, rendeva noto che la vendita dei biglietti, per la partita Juventus/Napoli del 31.08.19, non era solo vietata, come al solito, ai residenti in Campania ma addirittura a coloro che erano NATI nella citata regione.

La Questura prima e l’Osservatorio, poi, ovviamente, si dissociavano da tale assurda scelta discriminatoria ed il Prefetto di Torino, successivamente, con una nota, invitava i vertici societari, a modificare quanto riportato sul sito ufficiale.
Il dietrofront della Juventus, sul divieto di vendita dei biglietti, ai nati in Campania, per tutti i settori dello stadio (settore ospiti escluso), però, non rimuove gli effetti dell’illegittimo ed assurdo comportamento del club, per aver adottato, inizialmente, una scelta, di contenuto discriminatorio territoriale che, comunque, prima dello svolgimento del match del 31.08.19, merita un adeguato provvedimento sanzionatorio, atteso che un simile atteggiamento della società juventina, non seguito da punizioni esemplari, certamente, stimolerà e giustificherà i cori razziali dei propri tifosi, durante la partita e nel corso del campionato, con conseguenti inevitabili scontri tra le tifoserie. 

L’art. 28 del predetto CGS stabilisce  che “Costituisce comportamento discriminatorio ogni condotta che, direttamente o indirettamente, comporta offesa, denigrazione o insulto per motivi di razza, colore, religione, lingua, sesso, nazionalitaÌ, origine anche etnica, condizione personale o sociale ovvero configura propaganda ideologica vietata dalla legge o comunque inneggiante a comportamenti discriminatori”.

Inoltre si prevedono le “Sanzioni a carico delle societaÌ” stabilendo che sono punibili con una o piuÌ delle seguenti sanzioni, commisurate alla natura e alla gravitaÌ dei fatti commessi:

  • a) ammonizione;
  • b) ammenda;
  • c) ammenda con diffida;
  • d) obbligo di disputare una o piuÌ gare con uno o piuÌ settori privi di spettatori;
  • e) obbligo di disputare una o piuÌ gare a porte chiuse;
  • f) squalifica del campo per una o piuÌ giornate di gara o a tempo determinato fino a due anni;
  • g) penalizzazione di uno o piuÌ punti in classifica; se la penalizzazione sul punteggio eÌ inefficace in termini di afflittivitaÌ nella stagione sportiva in corso eÌ fatta scontare, in tutto o in parte, nella stagione sportiva seguente;
  • h) retrocessione all'ultimo posto in classifica del campionato di competenza o di qualsiasi altra competizione agonistica obbligatoria; la retrocessione all’ultimo posto comporta comunque il passaggio alla categoria inferiore;
  • i) esclusione dal campionato di competenza o da qualsiasi altra competizione agonistica obbligatoria, con assegnazione da parte del Consiglio federale ad uno dei campionati di categoria inferiore;
  • l) non assegnazione o revoca dell'assegnazione del titolo di campione d'Italia o di vincente del campionato, del girone di competenza o di competizione ufficiale;
  • m) non ammissione o esclusione dalla partecipazione a determinate manifestazioni;
  • n) divieto di tesseramento di calciatori fino ad un massimo di due periodi di trasferimento.

2. Alle societaÌ puoÌ inoltre essere inflitta la sanzione sportiva della perdita della gara nei casi previsti dall'art. 10”.

La Fifa adotta il principio della “tolleranza zero” al razzismo e a qualsiasi forma di discriminazione (in collaborazione con la rete FARE). L’art. 25 del citato nuovo CGS (ex art. 12), al riguardo, prevede la responsabilità delle società sportive per la “prevenzione di fatti violenti” ed, al comma 3, stabilisce una responsabilità oggettiva “....per ogni manifestazione incitante alla violenza o che, direttamente o indirettamente, comporti offesa, denigrazione o insulto per motivi di origine territoriale".

Il comportamento discriminatorio dello Juventus Football Club, per quanto esposto, oltre ad essere gravissimo, è assolutamente unico nel suo genere e rappresenta un precedente pericoloso, nella storia dello sport e del calcio, che merita una sanzione esemplare.

Per tali motivi si invitano la Procura Federale, nonché gli Organi della Giustizia Sportiva, il CONI, la FIGC, la Lega Serie A, l’Osservatorio per le Manifestazioni Sportive, nonché la Presidenza del Consiglio dei Ministri, ufficio per lo Sport un provvedimento sanzionatorio, ad hoc, commisurato alla rilevanza dell’episodio e del coinvolgimento di tutti i cittadini, nati nel territorio campano, affinché vengano scoraggiati ulteriori comportamenti razziali e discriminatori. 

Si richiede, inoltre, l’immediato e necessario intervento della società sportiva SSC Napoli, per la tutela dei propri sostenitori, nati nella regione Campania.

sarri
Ultimissime Notizie
I più letti
  • #1

  • #2

  • #3

  • #4

  • #5

Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    63

    26
    20
    3
    3
  • logo LazioLazioCL

    62

    26
    19
    5
    2
  • logo InterInterCL

    54

    25
    16
    6
    3
  • logo AtalantaAtalantaCL

    48

    25
    14
    6
    5
  • logo RomaRomaEL

    45

    26
    13
    6
    7
  • logo NapoliNapoliEL

    39

    26
    11
    6
    9
  • logo MilanMilan

    36

    26
    10
    6
    10
  • logo VeronaVerona

    35

    25
    9
    8
    8
  • logo ParmaParma

    35

    25
    10
    5
    10
  • 10º

    logo BolognaBologna

    34

    26
    9
    7
    10
  • 11º

    logo CagliariCagliari

    32

    25
    8
    8
    9
  • 12º

    logo FiorentinaFiorentina

    30

    26
    7
    9
    10
  • 13º

    logo SassuoloSassuolo

    29

    24
    8
    5
    11
  • 14º

    logo UdineseUdinese

    28

    26
    7
    7
    12
  • 15º

    logo TorinoTorino

    27

    25
    8
    3
    14
  • 16º

    logo SampdoriaSampdoria

    26

    25
    7
    5
    13
  • 17º

    logo GenoaGenoa

    25

    26
    6
    7
    13
  • 18º

    logo LecceLecceR

    25

    26
    6
    7
    13
  • 19º

    logo SpalSpalR

    18

    26
    5
    3
    18
  • 20º

    logo BresciaBresciaR

    16

    25
    4
    4
    17
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top