Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore

Primo Piano  
<i>Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore</i>

Rigori Insigne, un'analisi sulla situazione attuale in casa Napoli

Undici metri. Undici metri fatali come non mai in questa stagione. In un Napoli che viaggia apparentemente con il pilota automatico e senza conoscere ostacoli c'è una sola nota stonata, vale a dire i tiri dagli undici metri di quella che era stata l'unica certezza nel mare in tempesta dell'anno scorso, vale a dire Lorenzo Insigne. Ed ovviamente, essendo il capitano sempre maggiormente esposto ai venti della critica, ancor di più con il contratto in scadenza nel giugno del 2022, ad ogni errore dal dischetto si alza forte il grido dei detrattori (pochi) che coprono quelli che invece pendono dalle labbra (o per meglio dire dai piedi) del 24. 

Mettere in discussione il rigorista Lorenzo Insigne è azzardato ma è tutto sommato comprensibile sull'onda emotiva dei recenti passi falsi. Mettere in discussione il calciatore Lorenzo Insigne è un corto circuito logico senza precedenti. Anche tra mille difficoltà e dopo ogni errore ha sempre avuto il coraggio, petto in fuori e testa alta, di non nascondersi, al netto ovviamente di qualche prova grigia di tanto in tanto assolutamente fisiologica quando si disputano 407 partite con la stessa maglia addosso. 

"Nino, non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore". Nel 1982 esce "Titanic", un album straordinario (forse il più riuscito di sempre) del "Principe" Francesco De Gregori che contiene al suo interno una canzone, "La leva calcistica della classe '68", che rappresenta una autentica perla senza tempo, ed i cui versi tornano ancora tremendamente attuali a proposito di Insigne: "Un giocatore lo vedi dal coraggio, dall'altruismo e dalla fantasia". Non nell'intero panorama calcistico mondiale, ma c'è qualcuno in questo Napoli più coraggioso di Lorenzo (e Koulibaly)? Qualcuno più altruista della principale fonte di assist per i compagni in azzurro? Qualcuno con più fantasia del fantasista per eccellenza? 

Al di là dei pareri personali, Insigne è da anni ormai uno dei migliori (se non il migliore) della rosa del Napoli. Non riconoscergli i meriti e considerarlo solo uno dei tanti, significa pensare che gli azzurri siano una squadra dalle potenzialità limitate e che queste prime otto gare siano solo fieno in cascina per portare a casa una salvezza tranquilla.

RIPRODUZIONE RISERVATA (c)

CalcioNapoli24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News
Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    49

    20
    15
    4
    1
  • logo MilanMilanCL

    48

    21
    15
    3
    3
  • logo NapoliNapoliCL

    43

    21
    13
    4
    4
  • logo AtalantaAtalantaCL

    41

    20
    12
    5
    3
  • logo JuventusJuventusEL

    38

    21
    11
    5
    5
  • logo FiorentinaFiorentinaECL

    32

    20
    10
    2
    8
  • logo RomaRoma

    32

    21
    10
    2
    9
  • logo LazioLazio

    32

    21
    9
    5
    7
  • logo TorinoTorino

    28

    20
    8
    4
    8
  • 10º

    logo SassuoloSassuolo

    28

    21
    7
    7
    7
  • 11º

    logo EmpoliEmpoli

    28

    21
    8
    4
    9
  • 12º

    logo BolognaBologna

    27

    20
    8
    3
    9
  • 13º

    logo VeronaVerona

    27

    21
    7
    6
    8
  • 14º

    logo UdineseUdinese

    20

    19
    4
    8
    7
  • 15º

    logo SampdoriaSampdoria

    20

    21
    5
    5
    11
  • 16º

    logo SpeziaSpezia

    19

    21
    5
    4
    12
  • 17º

    logo VeneziaVenezia

    17

    20
    4
    5
    11
  • 18º

    logo CagliariCagliariR

    16

    21
    3
    7
    11
  • 19º

    logo GenoaGenoaR

    12

    21
    1
    9
    11
  • 20º

    logo SalernitanaSalernitanaR

    11

    19
    3
    2
    14
Back To Top