Pagelle Napoli-Cagliari: Insigne si riabilita, Mertens svetta! Younes fumoso, Zielinski con personalità

Le Pagelle  
Pagelle Napoli-Cagliari: Insigne <i>si riabilita</i>, Mertens <i>svetta</i>! Younes <i>fumoso</i>, Zielinski <i>con personalità</i>

Pagelle Napoli-Cagliari 2-1 di CalcioNapoli24.it. I voti agli azzurri vittoriosi nel posticipo domenicale contro la squadra sarda di Maran

Pagelle Napoli-Cagliari 2-1di CalcioNapoli24.it, i voti alle prestazioni degli azzurri

Meret 6 - Inoperoso nel primo tempo, poi Pavoletti lo buca con un gran diagonale sul quale altri hanno maggiori responsabilità. Respinge la bordata da fuori di Padoin.

Hysaj 6 - Verdi ogni tanto gli lascia lo spazio per crossare, si alterna con Ghoulam e si sovrappone senza dare molta ampiezza. Lykogiannis lo supera solo nel finale.

Albiol 6 - Escludendo i pochi minuti di Frosinone, torna in campo 98 giorni dopo l’ultima contro il Milan. Cerri lo travolge in area, non rischia tantissimo. Sul gol va a chiudere su Barella nonostante ci sia già Zielinski, logico che Pavoletti rimanga da solo. Resta in campo tutti e 90’, pur non avendoli nelle gambe.

Koulibaly 6,5 - Ritrova il compagno di sempre, Albiol, al suo fianco: offensivamente, però, manca di un soffio il gol al 16’ in spaccata. Pavoletti e Cerri fisicamente lo mettono alla prova, lui risponde presente.

Ghoulam 6,5 - Seconda da titolare consecutiva,  la quinta nelle ultime sei: spinta alternata con Hysaj. Al 66’ Mertens mette in rete in offside, lui gli è affianco ma non era in fuorigioco: un gol suo sarebbe stato regolare. Il gol del Cagliari parte dal suo lato, da un pallone che non riceve. Mette sulla testa di Mertens un pallone che, 99 volte su 100, sarebbe finito in rete: l’unica chance in cui non entra è stasera, perchè c’è Cragno. Assist preciso per il pari di Mertens.

Verdi 6 - Torna in campo dal 1’ dopo l’1-4 di Roma, stavolta sulla fascia destra ma pronto a tagliare verso il centro: i movimenti sono interessanti, sotto porta non ha tante chance. Al 49’ slalomeggia e poi inforca nelle gambe di un avversario, bell’inserimento successivamente al 54’ ma manca di forza nel tiro. In campionato, quando è partito dall’inizio, non ha mai concluso la partita. Sarebbe voluto rimanere in campo, è evidente. (Dal 61’ Callejon 5,5 - Ancelotti lo usa per avere concretezza, ma ci mette qualche minuto in più ad entrare in partita)

Allan 6 - Si ritrova Barella nella stessa zona di campo, in più di un frangente, per battagliare: non rientra moltissimo nel gioco, Ancelotti gli preferisce più brio. (Dal 61’ Fabián 6 - Apporta maggiore qualità, ma non si fa vedere fino in fondo: più occupo rispetto a Zielinski, ma riesce a farsi notare)

Zielinski 6,5 - A Frosinone, da regista, non è andata male. Oggi ritrova una linea a tre davanti a lui, ed il numero di possessi che gestisce cala di molto (35 al 45’, chiude con 77 passaggi e l'87% di precisione). Però si avverte il fatto che abbia maggiori responsabilità, eccome. Divide a metà con Albiol le responsabilità sul gol preso, chiama Cragno al ‘miracolo’ su un assist che diventa tiro.

Younes 5,5 - Si gira benissimo al 16’, in un fazzoletto: peccato che il diagonale non centri la porta e non venga nemmeno raggiunto da Koulibaly. Molto fumo, a dir la verità. (Dal 65’ Milik 5,5 - All’andata la risolse con una punizione stupenda, stavolta entra e dopo tre minuti si divora il pareggio; uguale scena al 74’)

Insigne 6,5 - Dopo il grande freddo post-cambio con l’Arsenal, Ancelotti lo rilancia dal 1’: grande percussione centrale al 14’, strappa applausi. Convinto anche al 20’, quando Ceppitelli lo deve chiudere in area di rigore. Al 28’ peccato il controllo non sia efficiente. Con l’ingresso di Milik si sposta a fare l’esterno sinistro, dove non riesce ad incidere totalmente fino al momento del rigore: si riprende il San Paolo

Mertens 7 - 278 partite in azzurro, come Paolo Cannavaro (9° all-time): bandiera belga-napoletana, diciamo così. Prova ad attirare fuori Romagna e Ceppitelli con i suoi movimenti, tenta da lontano al 23’ ma è buona solo per i fotografi…che immortalano il tuffo di Cragno. Non trova la porta al 52’, il portiere gli nega il gol al 58’: quando insacca, è in offside. Cragno nel finale vola a togliergli il pareggio su un suo colpo di testa (!!), ma si rifà subito dopo con una impetuosa testata.

Ancelotti 6 - Sprazzi di 4-2-3-1 in fase offensiva, anche se non con molta continuità: preferisce non dare tanti punti di riferimento, andando a creare spazi centrali grazie agli inserimenti di Verdi e Younes nei corridoi lasciati aperti da Mertens. Offensivamente le polveri sono bagnate (zero tiri in porta al 45’, roba che non si notava da inizio stagione), nonostante i movimenti siano interessanti e potenzialmente da studiare meglio. Vuole vincerla, da qui il doppio cambio dopo un’ora…e la squadra prende gol sugli sviluppi di un errore difensivo evitabile. La squadra tutto sommato reagisce, pur non scomponendosi, ma la fortuna non aiuta (26 legni colpiti in stagione) fino a cinque minuti dalla fine: uno si aspetta Milik a centro area, ma svetta Mertens. Il VAR premia quantomeno la volontà degli azzurri, che certificano il secondo posto in Serie A. La sua prima stagione in azzurro si chiude portando il Napoli al secondo posto in classifica, per l’ottava volta in 73 campionati di Serie A a girone unico.

Ultimissime Notizie
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    90

    38
    28
    6
    4
  • logo NapoliNapoliCL

    79

    38
    24
    7
    7
  • logo AtalantaAtalantaCL

    69

    38
    20
    9
    9
  • logo InterInterCL

    69

    38
    20
    9
    9
  • logo MilanMilanEL

    68

    38
    19
    11
    8
  • logo RomaRomaEL

    66

    38
    18
    12
    8
  • logo TorinoTorino

    63

    38
    16
    15
    7
  • logo LazioLazio

    59

    38
    17
    8
    13
  • logo SampdoriaSampdoria

    53

    38
    15
    8
    15
  • 10º

    logo BolognaBologna

    44

    38
    11
    11
    16
  • 11º

    logo SassuoloSassuolo

    43

    38
    9
    16
    13
  • 12º

    logo UdineseUdinese

    43

    38
    11
    10
    17
  • 13º

    logo SpalSpal

    42

    38
    11
    9
    18
  • 14º

    logo ParmaParma

    41

    38
    10
    11
    17
  • 15º

    logo CagliariCagliari

    41

    38
    10
    11
    17
  • 16º

    logo FiorentinaFiorentina

    41

    38
    8
    17
    13
  • 17º

    logo GenoaGenoa

    38

    38
    8
    14
    16
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    38

    38
    10
    8
    20
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    25

    38
    5
    10
    23
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    17

    38
    2
    14
    22
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare