Pagelle Napoli-Bologna: Mertens cosa ti sei divorato! Fabian scompare, Manolas e Koulibaly infilati! Prestazione orrenda

Le Pagelle  
Pagelle Napoli-Bologna: Mertens cosa ti sei divorato! Fabian scompare, Manolas e Koulibaly infilati! Prestazione orrenda

Napoli-Bologna pagelle, i voti di CN24 alla prestazione degli azzurri dopo un rocambolesco 1-2 intwerno

Napoli-Bologna pagelle, i voti di CN24 alla prestazione degli azzurri dopo un rocambolesco 1-2 intwerno

Ospina 5,5 - Quinta presenza stagionale, ci arriva con tre gol subiti sul groppone e ci aggiunge una uscita a vuoto in occasione del pareggio di Skov Olsen. Molto meglio al 66’, quando riesce a bloccare un pallone deviato anche da Manolas.

Maksimovic 5,5 - Ordinato come ad Anfield, non gli si può chiedere di mettere dentro anche cross precisi (al 32’ è basso ma più forte del dovuto, migliora col tempo). Al 53’ si lancia in avanti senza ritegno, lasciando un buco che il Bologna prova a sfruttare; un quarto d’ora dopo è lo stesso, Sansone arriva al tiro in due occasioni. Alla terza avvia l’azione del vantaggio felsineo.

Manolas 5,5 - Mantiene bene Palacio dalle sue parti, el Trenza combina poco o nulla per gran parte del match. Ci mette il tacco al 63’, ringrazia il tempismo sbagliato nel passaggio di Skov Olsen; poco dopo devia un’altra conclusione che Ospina salva in ogni modo. Si fa infilare, assieme a Koulibaly, da Sansone sull’1-2.

Koulibaly 5,5 - Fa sorridere il modo in cui argina Dzemaili al 6’, perchè resta fermo in attesa che il pallone gli finisca sul piede. Ferma Palacio con le cattive, giallo giusto. Bel dribbling in affondo al 43’, quasi sfiora l’assist. Sfortunato nel pareggio, la rinvia sul piede di Skov Olsen. Nell’azione dell’1-2 lascia a Dzemaili lo spazio giusto per servire Sansone.

Di Lorenzo 5,5 - Ancelotti lo butta un po’ dove gli pare, tanto il rendimento è assicurato: da terzino sinistro si slancia con regolarità, come i suoi epigoni Ghoulam e Mario Rui. Buon affiatamento con Insigne nello stretto, salva un pallone pericoloso al 53’ in area di rigore. Lì dove lascia spazio a Skov Olsen sull’1-1.

Fabian 5 - Lancia con i tempi giusti Lozano dopo dieci minuti, bello il velo per il messicano - in offside, peccato. Liscio incredibile che favorisce Dzemaili nel primo tempo. In fase di costruzione si vede poco, meglio nel recupero palla: nella ripresa scompare.

Elmas 5,5 - I pochi minuti contro il Liverpool avevano fatto intravedere qualcosa: in attacco fa la mezz’ala sinistra, quando taglia verso destra Lozano si dimentica e non lo serve davanti a Skorupski. (Dal 65’ Mertens 5 - Si muove tanto, si abbassa pur di entrare nell’azione offensiva e sfruttare gli spazi aperti da Llorente. Si divora una grande chance al 78’, non prende la porta da posizione ghiottissima)

Zielinski 5,5 - Agisce da mediano basso, davanti alla difesa, in fase di possesso. Medel pur di trattenerlo gli straccia la maglia, Ancelotti gli chiede di smistare il possesso dove può essere più utile: nel finale inizia a tentare la conclusione da lontano, senza fortuna. Almeno dà dei timidi segnali, lui.

Insigne 5,5 - Spreca una buona occasione, servito da Lozano: impegna Skorupski su punizione, ne trae un corner. Entra nell’azione del vantaggio, con una percussione che spacca il campo in diagonale ed un tiro che viene respinto su Llorente. Si fa ottanta metri di corsa nella ripresa senza passarla, ma guadagna comunque un calcio d’angolo tirando da lontano. Molto più attivo degli ultimi tempi, anche se è fumoso quanto gli altri nella ripresa.

Lozano 5,5 - Cerca in avvio anche la conclusione da fuori area, serve bene Insigne in profondità. Peccato fosse in fuorigioco, la sassata sotto la traversa meritava di più. Migliora giorno dopo giorno l’intesa con i compagni e nei movimenti: lascia spazio ad Insigne nell’azione del vantaggio, pur non accompagnandolo a dovere. Sbaglia al 44’, Elmas era da solo. Difensivamente, quando va a fare l’esterno di centrocampo, rientra poco e fa soffrire un po’ troppo Maksimovic dal lato suo. (Dall’82’ Younes SV - Entra dopo l’1-2, nel marasma generale può fare pochissimo)

Llorente 5,5 - Ritrova il posto da titolare dopo più di due mesi - l’ultima col Brescia: certo non può fare i cento metri in dieci secondi, ma ogni pallone sopra il metro e mezzo d’altezza è suo, e lo smista dove capita. Si fa trovare nel posto giusto al momento giusto, apre e chiude l’azione dell’1-0. Quasi serve un assist involontario ad Insigne, ma davanti a Skorupski la palla finisce fuori. Con l’ingresso di Mertens apre spazi ancora più larghi, ma sul cross di Maksimovic al 78’ la palla gli passa tra le gambe e non la impatta. Prende per i capelli il pareggio in extremis, ma è in offside di spalla.

Ancelotti 4,5 - Quattordicesima formazione diversa in campionato, dettata anche dagli infortuni per carità: ritenta la carta dei tre centrali in difesa, in fase offensiva l’allargamento di Lozano ed Insigne lascia davvero tanti spazi per gli inserimenti dei Fabian e degli Elmas. Attenzione in fase difensiva - il Bologna crea poco - e intuizioni offensive che meriterebbero il gol già nella prima mezz’ora. Ma troppi errori, troppi. Questione di minuti, serve l’episodio giusto per sbloccare mentalmente la squadra. Servirebbe maggiore continuità o quantomeno più cattiveria per cercare il secondo gol, in realtà arriva il pari e la cosa fa vacillare le sicurezze - non troppo concrete - della difesa azzurra, portando nella testa dei calciatori qualche paura di troppo. Prova a vincerla alzando la pericolosità offensiva con Mertens, ma al tempo stesso la squadra si sgonfia e viene meno: il non-utilizzo di Callejon lascia più di un sopracciglio alzato, l’episodio giusto potrebbe essere quello di Mertens al 78’ ma il belga spreca tutto. E poco dopo Sansone imperversa in una difesa fatta di burro. Inaccettabile giocare un secondo tempo davvero orrendo, composto da errori tecnici semplici e da una tremenda capacità di scomparire dal campo: l’allenatore avrà sicuramente le sue colpe (possibile che non riesca a mantenere alta la concentrazione, lui che ha allenato fior di campioni?), ma sembra che i calciatori abbiano un blocco mentale che prescinderebbe da una eventuale sostituzione in panchina. Un calvario che sarebbe rimasto tale anche in caso di pareggio nel finale, frutto di un episodio estemporaneo.

Ultimissime Notizie
Guarda la diretta su YouTube
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    63

    26
    20
    3
    3
  • logo LazioLazioCL

    62

    26
    19
    5
    2
  • logo InterInterCL

    54

    25
    16
    6
    3
  • logo AtalantaAtalantaCL

    48

    25
    14
    6
    5
  • logo RomaRomaEL

    45

    26
    13
    6
    7
  • logo NapoliNapoliEL

    39

    26
    11
    6
    9
  • logo MilanMilan

    36

    26
    10
    6
    10
  • logo VeronaVerona

    35

    25
    9
    8
    8
  • logo ParmaParma

    35

    25
    10
    5
    10
  • 10º

    logo BolognaBologna

    34

    26
    9
    7
    10
  • 11º

    logo SassuoloSassuolo

    32

    25
    9
    5
    11
  • 12º

    logo CagliariCagliari

    32

    25
    8
    8
    9
  • 13º

    logo FiorentinaFiorentina

    30

    26
    7
    9
    10
  • 14º

    logo UdineseUdinese

    28

    26
    7
    7
    12
  • 15º

    logo TorinoTorino

    27

    25
    8
    3
    14
  • 16º

    logo SampdoriaSampdoria

    26

    25
    7
    5
    13
  • 17º

    logo GenoaGenoa

    25

    26
    6
    7
    13
  • 18º

    logo LecceLecceR

    25

    26
    6
    7
    13
  • 19º

    logo SpalSpalR

    18

    26
    5
    3
    18
  • 20º

    logo BresciaBresciaR

    16

    26
    4
    4
    18
Dapa Trasporti
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top