Pagelle Milan-Napoli: Lozano cinico, Mertens poco lucido! Koulibaly sulla buona strada, Allan come lotta! Callejon sprecone

Le Pagelle  
Pagelle Milan-Napoli: Lozano cinico, Mertens poco lucido! Koulibaly sulla buona strada, Allan come lotta! Callejon sprecone

Pagelle Milan-Napoli 1-1. Serie A, si chiude la tredicesima giornata per le squadre di Pioli e Ancelotti. Gara che si è giocata allo stadio San Siro. Questi i voti di CN24

Serie A - Milan-Napoli, le pagelle. Questi i voti di CN24 alla prestazione degli azzurri.

Milan - Napoli, le pagelle di CalcioNapoli24.it

Meret 6,5 - Esce in volo per deviare un cross pericoloso, blocca sicuro la testata di Romagnoli, sul siluro di Bonaventura può far poco - meglio sulla conclusione al 46’.

Di Lorenzo 5,5 - Bonaventura e Theo lo mettono subito alla prova, ma risponde presente ed è uno dei pochi a lottare - non sempre uscendo vincitore. Nell’azione del pari indietreggia, nella ripresa non ha grosse chance per mettersi in mostra: anzi, Theo spinge ancora di più.

Maksimovic 6 - In campo al posto di un acciaccato Manolas, fa parte di un reparto che appare insicuro. Toglie dai piedi di Piatek un buon pallone al 50’, migliora col tempo.

Koulibaly 6,5 - La marcatura su Romagnoli in occasione di un corner è rivedibile, ma non tutte le responsabilità sono sue. Esce alla disperata su Bonaventura, ma se altri non lo tengono può farci poco. Sfiora il gollonzo su rovesciata in avvio di ripresa, mura il possibile 2-1 di Piatek. Migliora esponenzialmente e fa intravedere sprazzi del Kalidou che è stato fino a qualche tempo fa.

Hysaj 5,5 - Elseid a sinistra fa ciò che può, non è mancino e non è il suo ruolo principale: arriva a pochi centimetri dall’autogol più incredibile degli ultimi mesi. La palla di Krunic lo supera di pochi centimetri, Rebic lo grazia. Nel marasma generale, incolore.

Callejon 5 - Theo spinge molto dal suo lato, quando ne ha la possibilità arriva al tiro e spreca malamente. Ancelotti lo sposta più avanti nel 4-3-3, servito sulla fascia al 57’ mette dentro un cross che sprizza gioia da tutti i pori. (Dal 59’ Mertens 5 - Si piazza al centro del tridente, bravo a tenere la ripartenza con Lozano ed Elmas ma il suggerimento per il turco: unica cosa efficiente di una mezz’oretta risibile e poco lucida)

Allan 6,5 - Elegante nel recupero palla su Bonaventura dopo pochi minuti, si abbassa molto tatticamente all’inizio poi giostra in mezzo al campo senza il classico ardore: sull’1-1 non tiene Bonaventura. Porge ad Insigne la chance dell’1-2, sprecata. Nel quarto d’ora finale bell’aggressività su Piatek, chiama Donnarumma alla parata da fuori)

Zielinski 5,5 - Dovrebbe creare ed impostare il gioco, lascia spazio a Bonaventura per calciare il gol del pari e poco dopo quasi regala il pallone del 2-1 con un retropassaggio sciagurato. Sembra quasi impaurito, ma gioca meglio da mezz’ala che da centrale.

Elmas 5,5 - Qualche buona invenzione d’astuzia, Insigne allargandosi sulla sinistra gli lascia spazi dove affondare in diagonale verso il centro. Si fa ammonire per simulazione, sperava nel contatto netto con Donnarumma. Mertens non lo vede nel finale, si sarebbe trovato davanti alla porta)

Insigne 5,5 - Ha segnato sei gol contro il Milan in Serie A, contro nessuna squadra ha fatto meglio: in compenso nei primi venticinque minuti non la prende mai fino al tiro che diventa assist per Lozano. Al 34’ bella serpentina, nessuno lo segue. Nel finale del primo tempo si divora l’1-2 da solo, nella ripresa spreca malamente. (Dal 65’ Younes 5,5 - Fumoso, come se volesse fare cento cose e gliene riuscissero cinque o sei in tutto)

Lozano 6,5 - Ancelotti continua a dargli fiducia in un ruolo non totalmente suo, è cinico nel farsi trovare al posto giusto nel momento giusto. Quando ha spazio davanti a sé, spinge con costanza e convince col passare dei minuti. (Dall’84’ Llorente SV)

Ancelotti 6 - La sosta aveva lasciato le macerie nell’ambiente Napoli, in attesa di una reazione e di un approccio che nei primi quindici minuti non si vede mai, nonostante la squadra si disponga discretamente in campo. Serviva un’azione estemporanea? La scivolata di Insigne al momento del tiro, la palla che si impenna, Lozano col timing preciso: il tutto alla prima azione offensiva vera. Il problema è la disattenzione difensiva che porta al pari, Bonaventura è libero. Tatticamente gli azzurri si sfilacciano un po’ troppo, il ritmo non è alto e le giocate non sono corali e continuative bensì sporadiche. Che la squadra sia con la testa da un’altra parte lo si vede sul gol di Lozano: Hysaj ed Elmas festeggiano, gli altri quasi se ne fregano. Nella ripresa il 4-3-3 rende più scorrevole il tutto, il Milan si schiaccia e lascia spazi: quasi quasi i suoi meritavano di vincerla, resta un pareggio che serve a poco. La squadra qualcosina ha mostrato, ora sta a loro decidere se continuare sulla strada della positività - a prescindere da Liverpool - oppure no.

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    51

    20
    16
    3
    1
  • logo InterInterCL

    47

    20
    14
    5
    1
  • logo LazioLazioCL

    45

    19
    14
    3
    2
  • logo RomaRomaCL

    38

    20
    11
    5
    4
  • logo AtalantaAtalantaEL

    35

    20
    10
    5
    5
  • logo CagliariCagliariEL

    30

    20
    8
    6
    6
  • logo ParmaParma

    28

    20
    8
    4
    8
  • logo MilanMilan

    28

    20
    8
    4
    8
  • logo TorinoTorino

    27

    20
    8
    3
    9
  • 10º

    logo VeronaVerona

    26

    19
    7
    5
    7
  • 11º

    logo NapoliNapoli

    24

    20
    6
    6
    8
  • 12º

    logo BolognaBologna

    24

    20
    6
    6
    8
  • 13º

    logo FiorentinaFiorentina

    24

    20
    6
    6
    8
  • 14º

    logo UdineseUdinese

    24

    20
    7
    3
    10
  • 15º

    logo SassuoloSassuolo

    22

    20
    6
    4
    10
  • 16º

    logo SampdoriaSampdoria

    19

    20
    5
    4
    11
  • 17º

    logo LecceLecce

    16

    20
    3
    7
    10
  • 18º

    logo SpalSpalR

    15

    19
    3
    3
    13
  • 19º

    logo BresciaBresciaR

    15

    20
    4
    3
    13
  • 20º

    logo GenoaGenoaR

    14

    20
    3
    5
    12
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Allan diventa papà e vola in Brasile, Repubblica conferma: ha male al fianco, salterà la Juve