Palermo, il neo-presidente Mirri: "Dopo Juve, Napoli e milanesi e romane ci siamo noi! A dieci anni piansi a Napoli contro la Juve"

Le Interviste  
Palermo, il neo-presidente Mirri: Dopo Juve, Napoli e milanesi e romane ci siamo noi! A dieci anni piansi a Napoli contro la Juve

Dario Mirri, il nuovo presidente del Palermo, si è raccontato, ha spiegato le sue idee e i programmi futuri per il club rosanero, sulle colonne dell'edizione odierna del Corriere dello Sport. Ecco alcuni estratti:

Le riporto una sua frase: “Lotterò con le mie convinzioni, nella vita ce l'ho sempre fatta”. Non le sembra troppo facile? 
«Porterò nel calcio le mie certezze morali. Sicuro che, quando le grandi società ci scopriranno, finiranno per capire. Il mio sogno è quello che si adeguino al nostro modello partecipativo, d'identità e di sostenibilità. Vendono a trenta o quaranta milioni giocatori che non hanno quel valore e mi viene il dubbio che nei bilanci delle società ci possa essere quello che c'era nel Palermo. Il calcio non deve più lasciare lasciare dubbi e problemi». 
Facciamo un passo indietro. Il mito di Mirri bambino? 
«Mio zio, Renzo Barbera appunto, che era al di sopra di ogni sospetto, una persona che dava e riceveva affetto: i suoi modi m'incantavano». 
Le prime immagini di una partita? 
«A quattro anni, Palermo-Brindisi, con incidenti, rimasi sconvolto, ma frenai mio padre che voleva portarmi via. A dieci, la finale di Coppa Italia, a Napoli, contro la Juventus. Per il Palermo ho pianto due volte, quella fu la prima. Poi, contro la Triestina per la promozione in A. Ma erano lacrime di gioia dopo tante sofferenze e umiliazioni come la radiazione».
La sua “rivoluzione” in cinque punti. 
«Prima cosa, la società appartiene a tutti. Più che il proprietario del Palermo, sono il temporaneo gestore di un bene collettivo. Questo ritiro, questa prima amichevole, le nostre iniziative lo confermano. Porto addosso una responsabilità gravosa. So bene che ogni selfie, ogni pacca è un debito. La seconda, il fatto che la gente debba partecipare». 
Andiamo avanti. Terzo comandamento? 
«Spiegare chiaramente che sono un imprenditore e gestirò la società in attesa di un ritorno economico. Sono convinto che dopo Juve, Milan, Inter, Napoli, e le due romane ci sia il Palermo». 

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    9

    3
    3
    0
    0
  • logo BolognaBolognaCL

    7

    3
    2
    1
    0
  • logo JuventusJuventusCL

    7

    3
    2
    1
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo TorinoTorinoEL

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo AtalantaAtalantaEL

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo MilanMilan

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo RomaRoma

    5

    3
    1
    2
    0
  • logo LazioLazio

    4

    3
    1
    1
    1
  • 10º

    logo VeronaVerona

    4

    3
    1
    1
    1
  • 11º

    logo GenoaGenoa

    4

    3
    1
    1
    1
  • 12º

    logo SassuoloSassuolo

    3

    3
    1
    0
    2
  • 13º

    logo CagliariCagliari

    3

    3
    1
    0
    2
  • 14º

    logo BresciaBrescia

    3

    3
    1
    0
    2
  • 15º

    logo ParmaParma

    3

    3
    1
    0
    2
  • 16º

    logo SpalSpal

    3

    3
    1
    0
    2
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    3

    3
    1
    0
    2
  • 18º

    logo LecceLecceR

    3

    3
    1
    0
    2
  • 19º

    logo FiorentinaFiorentinaR

    1

    3
    0
    1
    2
  • 20º

    logo SampdoriaSampdoriaR

    0

    3
    0
    0
    3
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Un tifoso del Liverpool racconta: "Non tornerò mai più a Napoli! Ci hanno attaccato con le cinture, stavamo bevendo solo una birra"