Giampaolo: "Mi sarebbe piaciuto se Sarri con il Napoli avesse vinto, era la perfezione del calcio. Alla Juve farebbe bene"

Le Interviste  
Giampaolo: Mi sarebbe piaciuto se Sarri con il Napoli avesse vinto, era la perfezione del calcio. Alla Juve farebbe bene

Marco Giampaolo, allenatore della Sampdoria, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni del Corriere dello Sport. Eccone alcuni estratti: 

La Juventus per il dopo Allegri sta pensando a Sarri. Le piace come idea? 

«Sarebbe il riconoscimento del valore del lavoro. Con Sarri in panchina la Juventus sottoscriverebbe una sorta di discontinuità con il passato: finora ha vinto con una squadra organizzata individualmente, mentre con Sarri proverebbe a farlo con un’organizzazione collettiva e con i dogmi di Maurizio. Lui scompone le situazioni di gioco, sia la fase di possesso sia quella di non possesso; è simmetrico nel modo di pensare e ha un’idea di calcio che per essere portata a compimento ha bisogno di una didattica che deve essere recepita da tutti, altrimenti la proposta di lavoro non va come dovrebbe. E’ uno dei migliori d’Europa». 

 

Sarri a Torino avrebbe successo secondo lei? 

«Nel calcio si può vincere in più modi. Un club deve scegliere in base al momento che attraversa, ai calciatori che ha, a come vuole utilizzarli, ma anche in base alla sua cultura e alla sua storia. Alla Juve Sarri farebbe bene anche perché le partite non le vincono gli allenatori, ma i giocatori forti. Un tecnico mette un’idea di gioco, però in campo vanno i suoi uomini. La Juve ha vinto per manifesta superiorità grazie alla capacità di Allegri di gestire il gruppo, alla sua ironia e alla sua intelligenza. Non tutti sarebbero stati in grado di farlo». 

 

Tiferà per Sarri nella finale tra Chelsea e Arsenal? 

«A Torreira voglio bene perché è un ragazzo straordinario, umile e mi manda sempre messaggi di ringraziamento, ma sarebbe bello che l’Europa League la vincesse Sarri perché conosco il suo percorso professionale, le qualità del suo lavoro e mi sarebbe piaciuto se avesse vinto qualcosa già con il Napoli, che era quasi la perfezione delle sue idee calcistiche. Il Chelsea non è ancora quello che deve essere, ma vedergli alzare la Coppa sarebbe il premio per un tecnico partito da lontano, che si è costruito sacrificio dopo sacrificio, bastonata dopo bastonata». 

 

Ultimissime Notizie
Guarda la diretta su YouTube
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    9

    3
    3
    0
    0
  • logo BolognaBolognaCL

    7

    3
    2
    1
    0
  • logo JuventusJuventusCL

    7

    3
    2
    1
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo TorinoTorinoEL

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo AtalantaAtalantaEL

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo MilanMilan

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo RomaRoma

    5

    3
    1
    2
    0
  • logo LazioLazio

    4

    3
    1
    1
    1
  • 10º

    logo VeronaVerona

    4

    3
    1
    1
    1
  • 11º

    logo GenoaGenoa

    4

    3
    1
    1
    1
  • 12º

    logo SassuoloSassuolo

    3

    3
    1
    0
    2
  • 13º

    logo CagliariCagliari

    3

    3
    1
    0
    2
  • 14º

    logo BresciaBrescia

    3

    3
    1
    0
    2
  • 15º

    logo ParmaParma

    3

    3
    1
    0
    2
  • 16º

    logo SpalSpal

    3

    3
    1
    0
    2
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    3

    3
    1
    0
    2
  • 18º

    logo LecceLecceR

    3

    3
    1
    0
    2
  • 19º

    logo FiorentinaFiorentinaR

    1

    3
    0
    1
    2
  • 20º

    logo SampdoriaSampdoriaR

    0

    3
    0
    0
    3
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Italia, Mancini annuncia: "Di Lorenzo verrà in Nazionale! Meret ha qualità e maturità. Insigne? Difenda meno e non sprechi energie"