A Verona le prove anti-Arsenal: Ancelotti studia la difesa a 3 e mezzo e qualche pezzo grosso rischia di sedere in panchina

Editoriale  
Carlo Ancelotti in Chievo Verona-NapoliCarlo Ancelotti in Chievo Verona-Napoli

Ultime notizie Napoli - Ancelotti rivoluziona il modulo in vista della gara di ritorno contro l'Arsenal al San Paolo, qualche pezzo grosso rischia la panchina

La difficile lettura di Chievo-Napoli passa per la sfida con l’Arsenal di giovedì. Ancelotti non ha nemmeno esultato al primo gol perché ha preteso una reazione dai suoi al Bentegodi. Niente più strafalcioni come quelli di Londra. 

Si è visto un Napoli diverso sul piano tattico con tre punte. Ma un rapporto tra centrocampo e difesa completamente diverso. Presentato come 4-3-3, ma in fase offensiva vestito da un vero e proprio 3-4-3. La squadra ha lavorato a quattro in difesa nelle situazioni senza palla, mentre, quando attaccava, Ghoulam saliva sulla linea di centrocampo e Callejon si allargava. Con Hysaj che stringeva formando una linea di difesa a tre. L’essere camaleontico continua a rappresentare un’arma che Ancelotti vuole sfruttare, probabilmente anche contro l’Arsenal. 

E' stata anche l’opportunità di provare. Il Fabian visto stasera è apparso ancora sbiadito. Il tridente quasi mai utilizzato, se non a gara in corso, con Milik, Insigne e Mertens può anche rappresentare un'opzione. Il “nuovo” compito di Zielinski. Il polacco ha meno propensione ad affacciarsi verso i difensori per prendere palla e avviare l’azione, ma maggior capacità di inserirsi senza palla. Anche al Bentegodi, infatti, nonostante giocasse centralmente, è arrivato alla conclusione dal limite dell’area a sostegno del cross dal fondo. E’ l’idea di Ancelotti, quella di portare anche i centrocampisti solitamente non coinvolti negli ultimi 16 metri. 

C’è la possibilità di rivedere la difesa a 3 più 1. Quella utilizzata con Liverpool e PSG. Il terzino destro bloccato ed il sinistro con licenza di offendere. Non è esclusa a questo punto nemmeno una possibile panchina per Fabian Ruiz, per condizione e modulo. 

Chievo-Napoli doveva essere la partita della retrocessione in Serie B per i gialloblu e la pseudo-rifinitura per l’Arsenal. Confermate entrambe: Ancelotti ha meno dubbi e qualche pezzo grosso rischia la panchina, considerando che l'Arsenal non è il Chievo

Twitter: @LeonardoVivard

©Riproduzione riservata

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    87

    33
    28
    3
    2
  • logo NapoliNapoliCL

    67

    32
    20
    7
    5
  • logo InterInterCL

    61

    33
    18
    7
    8
  • logo MilanMilanCL

    56

    33
    15
    11
    7
  • logo RomaRomaEL

    55

    33
    15
    10
    8
  • logo AtalantaAtalantaEL

    53

    32
    15
    8
    9
  • logo TorinoTorino

    53

    33
    13
    14
    6
  • logo LazioLazio

    52

    33
    15
    7
    11
  • logo SampdoriaSampdoria

    48

    33
    14
    6
    13
  • 10º

    logo FiorentinaFiorentina

    40

    33
    8
    16
    9
  • 11º

    logo CagliariCagliari

    40

    33
    10
    10
    13
  • 12º

    logo SassuoloSassuolo

    38

    33
    8
    14
    11
  • 13º

    logo SpalSpal

    38

    33
    10
    8
    15
  • 14º

    logo ParmaParma

    36

    33
    9
    9
    15
  • 15º

    logo BolognaBologna

    34

    33
    8
    10
    15
  • 16º

    logo GenoaGenoa

    34

    33
    8
    10
    15
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    33

    33
    8
    9
    16
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    29

    33
    7
    8
    18
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    23

    33
    5
    8
    20
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    14

    33
    2
    11
    20
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Higuain: "Mai pentito di aver lasciato Napoli. Sono passati anni, ognuno pensa quello che vuole. Ma ho fatto bene"