AS: "Barça lascia vivo il Napoli, blaugrana ancora incapaci di chiudere la gara. Si deciderà al Montjuic"

Champions League  
AS: Barça lascia vivo il Napoli, blaugrana ancora incapaci di chiudere la gara. Si deciderà al Montjuic

Il prestigioso quotidiano iberico, diario AS, commenta tramite il proprio sito ufficiale la gara Napoli-Barcellona terminata 1-1.

I blaugrana avevano la possibilità di accedere ai quarti dopo un ottimo primo tempo. Quando Lewandowski ha portato il Barça in vantaggio, i blaugrana hanno concesso di pareggiare.

Montjuïc deciderà il destino del Barcellona in Champions League dopo che i blaugrana hanno perso l'occasione a Napoli di rimettere in carreggiata il posto ai quarti di finale. Il Barça avrebbe potuto vincere, soprattutto in un buon primo tempo, ma non è andato oltre il pareggio contro un Napoli che avrebbe potuto lasciare ferito a morte, ma ha saputo recuperare in tempo e pareggiare contro una squadra che agli italiani sa di gloria e per Xavi, molto poco. Il Barcellona torna dopo tre anni a disputare una sfida di Champions League, proprio nel punto in cui si era interrotto con Setién prima dell'attacco in gara unica nei famigerati quarti di finale di Lisbona, fermando il Bayern a porte chiuse..

Da un lato, la messa in scena del Barça è stata irreprensibile. Aiutata dalla confusione degli avversari, che erano scesi in campo avendo cambiato il giorno prima il nuovo allenatore, la squadra di Xavi ha preso il controllo della partita. Ma forse è mancata una certa malizia, veleno o zanna per abbattere un avversario che nei primi 20 minuti di gioco dava l'impressione di non sapere dove si trovasse. Nel calcio, e ancor di più in Champions League, se non mordi quando ne hai la possibilità, corri il grosso rischio che l'ipotetica vittima crolli e finisca per riprendersi. Il Barça ha avuto diverse occasioni per mettere al tappeto il rivale nei primi 20-25 minuti di gioco . Lamine ne ha avuti due, ma forse il desiderio di battere il record di Ansu Fati come più giovane marcatore della competizione lo ha portato a correre e tirare quando la cosa più consigliabile sarebbe stata passarla a Lewandowski. Anche il polacco ne ha avuti due netti, soprattutto uno vicino alla porta dopo un'azione del portiere che il portiere Meret ha realizzato con una bella parata di riflesso. E Gündogan, che è stato il grande motore dei migliori minuti del Barcellona, ??ha costretto anche il portiere a brillare con un tiro dalla distanza. Da quella dimostrazione di controllo senza malizia, il Barcellona si è un po’ depresso. Continua a prendere in mano le redini del gioco, ma la porta del Napoli non sembrava più sotto assedio.  A 15 secondi dall'inizio del secondo tempo, il Napoli aveva già fatto il primo tiro in porta della partita e la gara cominciava ad andare in discesa per la squadra di Xavi. Il Barcellona ha avuto la pazienza di riorganizzarsi in quel momento critico intorno al pallone e al 60' Pedri ha visto Lewandowski deselezionare per filtrare un passaggio che il polacco, questa volta, ha piazzato in fondo alla rete. Il Barça ha superato il primo momento difficile.

Il Napoli ha subito il colpo e anche lui non è riuscito a trovare i suoi attaccanti . Tanto che per far reagire la sua squadra, Calzona toglie dal campo Kvaraskheliaal 70'. L'allenatore italiano aveva già deciso di togliere dal campo l'altra stella, Osimhen, ma poco prima che entrasse il suo sostituto, l'attaccante che tornava a giocare con il Napoli dopo aver trascorso due mesi in Coppa d'Africa ha trovato le spalle di Íñigo Martínez, fino a quel momento una difesa sicura, si è girata e ha battuto Ter Stegen per segnare il pareggio con un lungo quarto d'ora rimasto

Ancora una volta il Barcellona ha vissuto la differenza tra avere una partita controllata o chiuderla. La squadra catalana è specializzata nell'aprire porte ad avversari che sembrano perduti, mentre per aprire quelle stesse porte deve continuare a bussare ancora e ancora. A volte qualcuno trova una chiave, ma quello che è certo è che non c'è nessuno che venga a ricevere gli amici così velocemente come i culés. Dopo il pareggio, con lo Stadio Maradona già in piena festa e che cantava dopo essere stato stranamente silenzioso, la squadra blaugrana ha rivissuto ancora una volta quei finali da cardiopalma a cui i suoi tifosi sono abituati.

CalcioNapoli24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News
Ultimissime Notizie
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    83

    32
    26
    5
    1
  • logo MilanMilanCL

    69

    32
    21
    6
    5
  • logo JuventusJuventusCL

    63

    32
    18
    9
    5
  • logo BolognaBolognaCL

    59

    32
    16
    11
    5
  • logo RomaRomaEL

    55

    31
    16
    7
    8
  • logo AtalantaAtalantaECL

    51

    31
    15
    6
    10
  • logo LazioLazio

    49

    32
    15
    4
    13
  • logo NapoliNapoli

    49

    32
    13
    10
    9
  • logo TorinoTorino

    45

    32
    11
    12
    9
  • 10º

    logo FiorentinaFiorentina

    44

    31
    12
    8
    11
  • 11º

    logo MonzaMonza

    43

    32
    11
    10
    11
  • 12º

    logo GenoaGenoa

    39

    32
    9
    12
    11
  • 13º

    logo LecceLecce

    32

    32
    7
    11
    14
  • 14º

    logo CagliariCagliari

    31

    32
    7
    10
    15
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    28

    31
    4
    16
    11
  • 16º

    logo EmpoliEmpoli

    28

    32
    7
    7
    18
  • 17º

    logo VeronaVerona

    28

    32
    6
    10
    16
  • 18º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    27

    32
    6
    9
    17
  • 19º

    logo SassuoloSassuoloR

    26

    32
    6
    8
    18
  • 20º

    logo SalernitanaSalernitanaR

    15

    32
    2
    9
    21
Back To Top