Il Roma attacca Tavecchio: "Se resta chiudiamo i battenti!". Poi su Jorginho: "E' stato il migliore in campo"

Rassegna Stampa fonte : di Salvatore Caiazza per Il Roma

L'Apocalisse è servita. L’Italia va fuori dal Mondiale permettendo ad una modesta Svezia di festeggiare. Iersera al Meazza si è consumato un vero e proprio dramma calcistico. Il signor Giampiero Ventura ha le sue grandi responsabilità per questo fallimento. Che sicuramente non riguarda solo alla gara di ritorno dello spareggio per andare in Russia. Il commissario tecnico della Nazionale è stato capace di inventarsi una formazione assurda pur di non dare ragione alla critica che voleva a tutti i costi Insigne in campo dall’inizio. L’unico talento italiano del momento è stato lasciato fuori sia a Solna che a Milano. Ma mentre in trasferta lo aveva buttato nella mischia, stavolta lo ha lasciato marcire in panchina dando spazio ad El Shaarawy e Bernardeschi. Che saranno anche bravi ma di sicuro non all’altezza del Magnifico. Forse non sarebbe cambiato nulla con l’attaccante del Napoli ma chi lo può sapere. Dunque, non si andrà al Mondiale. A giugno gli italiani potranno andare in vacanza tranquillamente poiché non dovranno soffrire per la loro squadra del cuore in Russia. Un grazie va soprattutto al presidente federale Tavecchio. Che come minimo oggi si dovrebbe dimettere per questo fallimento sportivo. Ha dimostrato di non saper scegliere affidando l’Italia nelle mani di un allenatore molto modesto che in carriera non ha mai vinto nulla. E dire che si criticava addirittura Antonio Conte che con una squadra molto più scarsa di questa è arrivato ai quarti di finale dell’Europeo. Il signor Ventura ha modificato le regole del calcio, ha utilizzato uomini e moduli improponibili riuscendo così nell’impresa di non far andare l’Italia al Mondiale. Va detto che gli azzurri ce l’hanno messa tutta per battere la Svezia. Hanno giocato una buona partita e hanno sfiorato più volte il gol che sarebbe valso almeno l’overtime. Il migliore in campo, neanche a farlo a posta, è stato Jorginho. Proprio così quel Jorginho che Ventura aveva sempre ritenuto inutile per il suo calcio. L’italobrasiliano ha dettato i tempi quando il blocco difensivo gli dava il pallone. È successo nel finale di primo tempo e si è andati vicini al vantaggio. Tocchi di classe e qualità eccelsa del pupillo di Sarri che, però, non ha trovato le sponde giuste. Gigi Buffon ha salutato tutti con le lacrime. Il portiere della Juventus avrebbe voluto giocare il suo sesto mondiale ma purtroppo se lo dovrà guardare dalla tv. Ha detto che lascia tanti giovani bravi che sicuramente si rialzeranno. In verità l’Italia ne esce con le ossa rotte da questa eliminazione. Va riformato tutto, dovranno essere tagliati i rami secchi e creata una Federcalcio in grado di far rinascere il pallone tricolore. Se Tavecchio resta possiamo anche chiudere i battenti.

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    35

    13
    11
    2
    0
  • InterCL

    33

    13
    10
    3
    0
  • JuventusCL

    31

    13
    10
    1
    2
  • RomaCL

    30

    12
    10
    0
    2
  • LazioEL

    28

    12
    9
    1
    2
  • SampdoriaEL

    26

    12
    8
    2
    2
  • Milan

    19

    13
    6
    1
    6
  • Torino

    18

    13
    4
    6
    3
  • Fiorentina

    17

    13
    5
    2
    6
  • 10º

    Chievo

    17

    13
    4
    5
    4
  • 11º

    Bologna

    17

    13
    5
    2
    6
  • 12º

    Atalanta

    16

    13
    4
    4
    5
  • 13º

    Cagliari

    15

    13
    5
    0
    8
  • 14º

    Udinese

    12

    12
    4
    0
    8
  • 15º

    Crotone

    12

    13
    3
    3
    7
  • 16º

    Sassuolo

    11

    13
    3
    2
    8
  • 17º

    Spal

    10

    13
    2
    4
    7
  • 18º

    GenoaR

    9

    13
    2
    3
    8
  • 19º

    VeronaR

    6

    13
    1
    3
    9
  • 20º

    BeneventoR

    0

    13
    0
    0
    13
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Sportitalia - Rinnovo Ghoulam, tocca a De Laurentiis ratificare un accordo ormai già raggiunto: clausola oltre i 40mln