Il giorno dopo...Napoli-Genoa: il tiro in Curva di Ounas, il doppio stop di petto di Milik per Radu e la prestazione di Karnezis che la dice lunga

Rubriche fonte : di Stefano Napolitano
Il giorno dopo...Napoli-Genoa: il tiro in Curva di Ounas, il doppio stop di petto di Milik per Radu e la prestazione di Karnezis che la dice lunga

Il giorno dopo Napoli – Genoa. Prove generali per Londra. Ancelotti schiera almeno nove undicesimi di quelli che proveranno ad uscire indenni dall’Emirates. La prova generale è in un certo senso “rovinata” da Sturaro giustamente espulso per un’entrata killer su Allan. Napoli “ costretto “ giocare con l’uomo in più. Non se ne accorgerà nessuno.

Il giorno dopo Napoli – Genoa. Gli azzurri si ritrovano in vantaggio giusto per la magia numero 104 di Ciro Mertens che piazza il pallone in buca con un colpo da biliardo dai diciotto metri. L’altra magia del belga, non viene capitalizzata da Callejon e sul ribaltamento di fronte il Genoa trova il pari con Lazovic magistralmente servito da Pandev.

Il giorno dopo Napoli – Genoa. Ad inizio ripresa due passaggi di Milik all’estremo difensore ligure. Uno di testa su perfetto invito di Callejon e l’altro su punizione. Poi lo stesso Radu di piede stile calcio a 5 su Koulibaly. Poi, poco e niente. Giro palla eterno e pochissime conclusioni. Si finisce come al solito con tutti gli attaccanti in campo. Pochi minuti anche per Ounas che troverà il tempo per un tiro in curva B.

Il giorno dopo Napoli – Genoa. Zielinski e Fabian Ruiz hanno talento da vendere ma giocano raramente il pallone di prima. Allan, ha altre caratteristiche ed è portato a toccare più volte il pallone. Il risultato è che la manovra è lenta e improduttiva. Ieri sera hanno ben figurato Mertens, la ritrovata condizione del belga è l’unica cosa positiva di questo ultimo periodo; e Karnezis e questo la dice lunga sulla prestazione del Napoli.

Il giorno dopo Napoli – Genoa. Preoccupa lo stato di salute di questo Napoli. Gli azzurri arrivano alla gara più importante della stagione zoppicando non poco. Un solo punto tra Empoli e Genoa e quello di ieri sera contro una squadra in dieci per più di un’ora. Pochissime idea. Zero trame. E in tanti che sembrano non averne più malgrado il massiccio turn over effettuato durante la stagione. Davvero un momento non positivo per gli uomini di Ancelotti. Giovedì occorrerà una metamorfosi kafkiana per venirne a capo.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
Guarda la diretta su YouTube
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    90

    37
    28
    6
    3
  • logo NapoliNapoliCL

    79

    37
    24
    7
    6
  • logo AtalantaAtalantaCL

    66

    37
    19
    9
    9
  • logo InterInterCL

    66

    37
    19
    9
    9
  • logo MilanMilanEL

    65

    37
    18
    11
    8
  • logo RomaRomaEL

    63

    37
    17
    12
    8
  • logo TorinoTorino

    60

    37
    15
    15
    7
  • logo LazioLazio

    58

    36
    17
    7
    12
  • logo SampdoriaSampdoria

    50

    37
    14
    8
    15
  • 10º

    logo SassuoloSassuolo

    43

    37
    9
    16
    12
  • 11º

    logo SpalSpal

    42

    37
    11
    9
    17
  • 12º

    logo CagliariCagliari

    41

    37
    10
    11
    16
  • 13º

    logo ParmaParma

    41

    37
    10
    11
    16
  • 14º

    logo FiorentinaFiorentina

    40

    37
    8
    16
    13
  • 15º

    logo BolognaBologna

    40

    36
    10
    10
    16
  • 16º

    logo UdineseUdinese

    40

    37
    10
    10
    17
  • 17º

    logo EmpoliEmpoli

    38

    37
    10
    8
    19
  • 18º

    logo GenoaGenoaR

    37

    37
    8
    13
    16
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    24

    37
    5
    9
    23
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    16

    37
    2
    13
    22
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

De Laurentiis a Sky: "Nessuna delusione, siamo in Europa da 10 anni. Icardi? Lo contattai tre anni fa. Ma Milik è fortissimo"