Nocerino: "Non è il Napoli che darebbe la 10 ad Ibra, ma sarebbe lui a prendersela. Se De Laurentiis consente...lo porto in braccio"

Rassegna Stampa  
Nocerino: Non è il Napoli che darebbe la 10 ad Ibra, ma sarebbe lui a prendersela. Se De Laurentiis consente...lo porto in braccio

«Non è il Napoli che darebbe la 10 ad Ibra, è Ibra che si prenderebbe la dieci del Napoli». Antonio Nocerino ha giocato con Zlatan Ibrahimovic, ha vissuto una stagione al Milan, forse la migliore della sua carriera, con 48 presenze ed 11 gol, molti di questi ispirati proprio da Zlatan. Ecco uno stralcio della sua intervista a Il Mattino:

Un napoletano che vuol dare la maglia di Maradona ad un altro calciatore? «Lui è l’unico che può portarla. Ibra, quella maglia, ha le qualità per indossarla, ma non è solo questo il punto: Ibra ha la personalità per portarla, a chiunque altro verrebbe quello che a Napoli chiamiamo ‘o scartiello per un peso del genere sulle spalle. Il 10 a Napoli non un numero, è il numero per eccellenza: per come conosco Ibra, allora, potrebbe essere lui stesso a chiedere quella maglia, a voler dimostrare di esser degno di portare questo numero». 

Quindi consiglierebbe a De Laurentiis anche di spendere cifre importanti pur di averlo? «Lo prendo in braccio e lo porto a Napoli se il Presidenteme lo consente.Magari venisse: lui è un campione che porta benefici a tutti: dall’ambiente ai calciatori, tutti migliorano seguendo un uomo ed un atleta del suo spessore. Anche i ragazzi che sono ora in squadra potrebbero crescere con lui. Il Napoli non ha campioni del calibro di Ibra o di CR7: ha dei buonissimi calciatori,ma nessuno di questo livello. Con la mentalità di Ibra potrebbero diventare campioni: mentalmente è una bestia».

E come si diventa una bestia? «Pretendendo, prima di tutto da se stessi. Lui pretende di dare sempre il massimo, non il 100%, ma il 300%: non si accontenta mai, è incredibile. Chi è abituato a vincere, non è mai sazio di vincere. Chi si accontenta del poco, vincerà sempremeno. Ibra si allena sempre al top, ambisce ancora oggi a migliorarsi e soprattutto vuole vincere. Per questo lui è un campionissimo: a 38 anni lo vogliono tutti per questo motivo, già solo per il suo modo di allenarsi. Questo fa la differenza. Altrimenti a 38 anni non potrebbe giocare così»

Ultimissime Notizie
Guarda la diretta su YouTube
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo InterInterCL

    38

    15
    12
    2
    1
  • logo JuventusJuventusCL

    36

    15
    11
    3
    1
  • logo LazioLazioCL

    33

    15
    10
    3
    2
  • logo CagliariCagliariCL

    29

    15
    8
    5
    2
  • logo RomaRomaEL

    29

    15
    8
    5
    2
  • logo AtalantaAtalantaEL

    28

    15
    8
    4
    3
  • logo ParmaParma

    21

    15
    6
    3
    6
  • logo NapoliNapoli

    21

    15
    5
    6
    4
  • logo TorinoTorino

    20

    15
    6
    2
    7
  • 10º

    logo MilanMilan

    20

    15
    6
    2
    7
  • 11º

    logo VeronaVerona

    18

    15
    5
    3
    7
  • 12º

    logo BolognaBologna

    16

    15
    4
    4
    7
  • 13º

    logo FiorentinaFiorentina

    16

    15
    4
    4
    7
  • 14º

    logo SassuoloSassuolo

    15

    14
    4
    3
    7
  • 15º

    logo LecceLecce

    15

    16
    3
    6
    7
  • 16º

    logo UdineseUdinese

    15

    15
    4
    3
    8
  • 17º

    logo BresciaBrescia

    13

    15
    4
    1
    10
  • 18º

    logo SampdoriaSampdoriaR

    12

    15
    3
    3
    9
  • 19º

    logo GenoaGenoaR

    11

    15
    2
    5
    8
  • 20º

    logo SpalSpalR

    9

    15
    2
    3
    10
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Rivoluzione Gattuso, Repubblica: Insigne rischia l'esclusione col Sassuolo! In bilico anche Callejon e Fabian