L'editoriale di Corbo: "Ancelotti ha almeno tre resposnabilità su questo Napoli: ora intervenga subito De Laurentiis"

Rassegna Stampa  
L'editoriale di Corbo: Ancelotti ha almeno tre resposnabilità su questo Napoli: ora intervenga subito De Laurentiis

L'editoriale di Antonio Corbo sulle pagine di Repubblica dopo Napoli-Atalanta:

"L’allenatore rimane pluridecorato e apprezzabile per il suo sapere ma deve purtroppo assumersi delle responsabilità. Almeno tre. È stato temerario quando puntando sul suo talento nella gestione di grandi squadre ha visto il Napoli si Sarri, gli è piaciuto, si convinto che facendo giocare tutti e meglio potesse elevare il già alto rendimento della squadra, a pieno organico, anche in campo internazionale. Non c’erano campioni, forse gli sono sembrati quando per dinamiche mandate a memoria ripetevano possesso palla e triangoli. A gennaio non ha chiesto di potenziare una squadra che davvero filava ritenendo che fossero invulnerabili i migliori, da Albiol all’atteso Ghoulam. Oltre l’eccellente girone di Champions, il secondo posto attuale deriva da quel Napoli, dalle modifiche di Ancelotti, dalla sua creativa gestione. Si è però fidato delle buone stelle e dello staff di preparatori che ancora non ha spiegato, neanche in qualche intervista social, come mai tanti malanni muscolari si siano registrati quest’anno, al contrario del passato. Anche lo staff sanitario deve giustificare le recidive alla spalla di Chiriches, ieri ennesimo stop, e perché il difensore rumeno non sia stato mai affidato al migliore specialista ortopedico sulla spalla, che da qualche tempo opera proprio nella clinica attigua al villaggio di Castel Volturno. Poteva guarirlo solo affacciandosi alla finestra. Le tensioni interne sono frequenti nei club, qui sono state ben nascoste, ma il crollo fisico di ieri e la resa all’Atalanta sono la stazione finale. Tutti a terra, fine del viaggio, fuori i conti. Il caso Insigne è il primo da chiudere. Che Mertens abbia reso più di lui negli ultimi tempi, che i suoi atteggiamenti siano sopra le righe, che i suoi progetti con l’agente Raiola siano nebulosi, è nei fatti. Ma che Insigne sia un talento da non sprecare, è almeno augurabile. Tocca al presidente intervenire. Programmare un altro ciclo. Non bastano soldi e acquisti, l’ossessione dei tifosi. Ma rifare del Napoli un vero club. Idee chiare nelle cessioni prima che negli arrivi, valutazione dei collaboratori, aldilà di parentele, amicizie, alleanze"

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    90

    37
    28
    6
    3
  • logo NapoliNapoliCL

    79

    37
    24
    7
    6
  • logo AtalantaAtalantaCL

    66

    37
    19
    9
    9
  • logo InterInterCL

    66

    37
    19
    9
    9
  • logo MilanMilanEL

    65

    37
    18
    11
    8
  • logo RomaRomaEL

    63

    37
    17
    12
    8
  • logo TorinoTorino

    60

    37
    15
    15
    7
  • logo LazioLazio

    59

    37
    17
    8
    12
  • logo SampdoriaSampdoria

    50

    37
    14
    8
    15
  • 10º

    logo SassuoloSassuolo

    43

    37
    9
    16
    12
  • 11º

    logo SpalSpal

    42

    37
    11
    9
    17
  • 12º

    logo CagliariCagliari

    41

    37
    10
    11
    16
  • 13º

    logo ParmaParma

    41

    37
    10
    11
    16
  • 14º

    logo FiorentinaFiorentina

    40

    37
    8
    16
    13
  • 15º

    logo BolognaBologna

    41

    37
    10
    11
    16
  • 16º

    logo UdineseUdinese

    40

    37
    10
    10
    17
  • 17º

    logo EmpoliEmpoli

    38

    37
    10
    8
    19
  • 18º

    logo GenoaGenoaR

    37

    37
    8
    13
    16
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    24

    37
    5
    9
    23
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    16

    37
    2
    13
    22
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Sportitalia - Ilicic-Napoli, dipende anche dal futuro di Gasperini