Fedele: "Con Insigne a sinistra si è rivista la fluidità di Sarri. Meritano tutti 10 in pagella!"

Rassegna Stampa  
Fedele: Con Insigne a sinistra si è rivista la fluidità di Sarri. Meritano tutti 10 in pagella!

Enrico Fedele, ex dirigente, ha commentato Chievo-Napoli nel suo consueto editoriale post partita. Ecco quanto scrive sulle colonne del Roma di oggi:

Ma come 10 a tutti? Sì, 10 a tutti, pensando alla sfida di giovedì sera con l’Arsenal. Dobbiamo restare tutti uniti ed essere poco critici e molto tifosi. Siamo alla vigilia di una partita che ci dirà quale sarà il futuro del Napoli: potrebbe segnare la coronazione di un lungo ciclo che ha fatto diventare campioni tanti “piccoli” giocatori o la fine di una fase che farebbe registrare la partenza di diversi giocatori e l’inizio di un’era targata Ancelotti, se è proprio vero che De Laurentiis gli ha assicurato vita lunga sulla panchina azzurra. Intanto in molti si sono chiesti che significato ha l’undici base schierato dal tecnico ieri contro il Chievo.

A noi è parsa una formazione squilibrata tatticamente, eccessivamente offensiva ma anche facilmente perforabile a centrocampo. Nel primo tempo, per esempio, ho visto il trio Insigne-Milik-Mertens che si sovrapponeva dandosi fastidio nel puntare a rete, mentre quando Lorenzo si è spostato sulla fascia sinistra, scambiando la palla con Ghoulam come a bei tempi di Sarri, allora si è visto qualcosa di più fluido in fase d’attacco.

Ma tutto sommato abbiamo assistito a una discreta sgambatura con una vittoria ampiamente meritata contro una squadra molto limitata e già rassegnata a registrare la retrocessione anticipata nella serie cadetta. E veniamo ai consigli utili per il pur bravo Ancelotti per la sfida che vale il futuro del Napoli: giovedì sera occorrerà soprattutto non scoprirsi eccessivamente nella voglia matta di fare gol, altrimenti il rischio di essere infilati in contropiede sarà elevatissimo.

Quindi controllo della partita per sfruttare alla meglio gli assalti alla porta dell’Arsenal. Quindi il mio consiglio è quello di ricorrere al gioco che ha reso grande il Napoli negli ultimi anni: solito pacchetto difensivo, quello schierato all’andata, centrocampo con Allan-Fabian Ruiz- Zielinski e trio d’attacco con Callejon-Milik-Insigne o Mertens. Provare per credere!

 

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    87

    33
    28
    3
    2
  • logo NapoliNapoliCL

    67

    32
    20
    7
    5
  • logo InterInterCL

    61

    33
    18
    7
    8
  • logo MilanMilanCL

    56

    33
    15
    11
    7
  • logo RomaRomaEL

    55

    33
    15
    10
    8
  • logo AtalantaAtalantaEL

    53

    32
    15
    8
    9
  • logo TorinoTorino

    53

    33
    13
    14
    6
  • logo LazioLazio

    52

    33
    15
    7
    11
  • logo SampdoriaSampdoria

    48

    33
    14
    6
    13
  • 10º

    logo FiorentinaFiorentina

    40

    33
    8
    16
    9
  • 11º

    logo CagliariCagliari

    40

    33
    10
    10
    13
  • 12º

    logo SassuoloSassuolo

    38

    33
    8
    14
    11
  • 13º

    logo SpalSpal

    38

    33
    10
    8
    15
  • 14º

    logo ParmaParma

    36

    33
    9
    9
    15
  • 15º

    logo BolognaBologna

    34

    33
    8
    10
    15
  • 16º

    logo GenoaGenoa

    34

    33
    8
    10
    15
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    33

    33
    8
    9
    16
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    29

    33
    7
    8
    18
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    23

    33
    5
    8
    20
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    14

    33
    2
    11
    20
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Higuain: "Mai pentito di aver lasciato Napoli. Sono passati anni, ognuno pensa quello che vuole. Ma ho fatto bene"