Fedele attacca: "Napoli umiliato! Ancelotti la smetta di fare il buonista, preferisco non dargli voto"

Rassegna Stampa  
Fedele attacca: Napoli umiliato! Ancelotti la smetta di fare il buonista, preferisco non dargli voto

L'ex dirigente sportivo Enrico Fedele ha commentato la partita di ieri come di cuonsueto nel suo editoriale sul Roma di oggi:

"Mi avete accusato di essere stato “cattivo” nel dare i voti agli azzurri dopo il pareggio col Sassuolo? Allora ditemi voi come devo giudicare la prestazione di ieri sera col Salisburgo. Ma avete capito che se non ci fosse stato la papera del portiere austriaco e Meret non avesse fatto una parata miracolosa, ora staremmo a commentare una probabile eliminazione del Napoli dall’Europa League dopo aver realizzato tre gol al San Paolo? Ecco perchè preferisco non dare il voto ad Ancelotti, il “maestro” del calcio internazionale. A mio avviso non ci sono giustificazioni per la deludente prestazione “offerta” nella ripresa: siamo stati umiliati da una squadra dissennata tatticamente ma con tanto orgoglio da mettere in mostra. Non si è mai arresa, nemmeno quando si è trovata subito sotto di un gol.

Il Napoli, invece, faceva un passo indietro a mano a mano che trascorrevano i minuti: a centrocampo hanno sbagliato l’impossibile, Allan in testa, irriconoscibile, mentre Zielinski, dopo una partenza sprint, è letteralmente scomparso dal campo fino a guadagnarsi la sostituzione.

Si è salvato soltanto Fabian Ruiz che ha colpito un palo e ha stretto i denti fino al fischio finale. Gli attaccanti? Milik ha solo il merito di aver scaraventato in rete quel pallone, mentre Mertens ha confermato il suo pessimo stato di forma. Ed è inutile ricorrere all’alibi delle assenze del tandem difensivo Maksimovic-Koulibaly perché Luperto e Chiriches non hanno sfigurato di fronte all’assalto austriaco.

Allora cosa fare ora? Ancelotti deve smettere gli abiti di buonista e indossare quelli di sergente di ferro. I giocatori hanno bisogno di uno scossone altrimenti si rischia di non arrivare nemmeno alle semifinali di Europa League e la prima stagione del buon Carletto sulla panchina azzurra diventa a dir poco deludente, nonostante il probabile secondo posto alle spalle della Juve e la rabbia per quel gol che non ci ha consentiti di giocare gli ottavi di Champions. Insomma gli azzurri devono rendersi conto che certe umiliazioni fanno male soprattutto alla tifoseria partenopea.

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    75

    28
    24
    3
    1
  • logo NapoliNapoliCL

    60

    28
    18
    6
    4
  • logo InterInterCL

    53

    28
    16
    5
    7
  • logo MilanMilanCL

    51

    28
    14
    9
    5
  • logo RomaRomaEL

    47

    28
    13
    8
    7
  • logo AtalantaAtalantaEL

    45

    28
    13
    6
    9
  • logo LazioLazio

    45

    27
    13
    6
    8
  • logo TorinoTorino

    44

    28
    11
    11
    6
  • logo SampdoriaSampdoria

    42

    28
    12
    6
    10
  • 10º

    logo FiorentinaFiorentina

    37

    28
    8
    13
    7
  • 11º

    logo GenoaGenoa

    33

    28
    8
    9
    11
  • 12º

    logo ParmaParma

    33

    28
    9
    6
    13
  • 13º

    logo SassuoloSassuolo

    32

    28
    7
    11
    10
  • 14º

    logo CagliariCagliari

    30

    28
    7
    9
    12
  • 15º

    logo SpalSpal

    26

    28
    6
    8
    14
  • 16º

    logo UdineseUdinese

    25

    27
    6
    7
    14
  • 17º

    logo EmpoliEmpoli

    25

    28
    6
    7
    15
  • 18º

    logo BolognaBolognaR

    24

    28
    5
    9
    14
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    17

    28
    3
    8
    17
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    11

    28
    1
    11
    16
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Stendardo: "Il Napoli non può permettersi cali difensivi se vuole diventare una grande squadra, l'anno scorso si stava giocando lo scudetto"