CorSport su Insigne - Pennella fuori dalla tela, ricama nel superfluo. Ha un impatto che non entusiasma

Rassegna Stampa  
Lorenzo Insigne, in azione contro il Chievo VeronaLorenzo Insigne, in azione contro il Chievo Verona

Come riporta l'edizione odierna del Corriere dello Sport, meno tre: e in questo viaggio frenetico in se stesso, per cercare il Napoli e ritrovarlo vero, vivo, autentico, c’è l’orgoglio di chi vuole rinascere dalle proprie ceneri (calcistiche) per tentare di lanciarsi in un sogno da accarezzare. Meno tre e ormai conta l’Arsenal, esclusivamente l’Arsenal, disperatamente l’Arsenal, che a Verona resta lì, un’immagine quasi fisica che si staglia in campo e che Ancelotti cerca di affrontare con quel Napoli che dal turnover esce con tracce d’Europa e una fisionomia vicina, quasi prossima alla sagoma che giovedì sera inseguirà una semifinale che sarà (sarebbe) per la Storia. Chievo-Napoli è il dettaglio dell’esistenza che rinvia ancora la festa scudetto della Juve di fatto, è un pomeriggio meccanicamente consumato a individuare tracce del proprio presente e anche del futuro, uno scheletro di squadra rifatto (stavolta più 4-2-3-1 che 4-4-2) e iniezioni di ottimismo che si scorgono soprattutto nella ripresa: 1-3, in scioltezza, quasi in surplace, ma l’Arsenal richiederà uno sforzo enorme e collettivo e impennate di cui eventualmente - vada come vada - poi esser fieri.  
 
IL K2. La scalata nasce lanciandosi dal K2 e nel messaggio subliminale spedito da un Koulibaly «gigantesco», capace di staccarsi dalla normalità di recente appannatasi come sua abitudine, di trasformarsi in trascinatore e travestendosi persino da bomber, di strappare il Napoli alla tendenza pallida del primo tempo e di infondergli quel senso di ribellione che aiuterà, potrebbe. E finisce 1-3, senza mai esagerare, faticando per un po’ su un campo che non lascia scivolare il pallone come dovrebbe e dunque induce a sospettare che sia pure una questione di gambe, semmai di testa e invece sembra semplicemente, quasi banalmente, erba ostile, poco bagnata. Ma c’è una ricerca della manovra, a tratti e per 45' faticosa, che il «nuovo» Napoli - tutti insieme: Callejon, Insigne, Mertens, Nilik e con loro Zielinski in regìa - modella, svestendosi dalle inibizioni iniziali e offrendosi il coraggio che sarà necessario, indispensabile, per il miracolo. 
 
SCUGNIZZO. Koulibaly la mette in discesa, Insigne se ne va invece in salita, pennellando fuori dalla tela, ricamando nel superfluo, con un impatto che non entusiasma, qualche eccesso e un Chievo che non ha opposizione, né contenuti per «verificare» la consistenza difensiva: ma il Napoli fa un paio di cose, per esempio blinda il secondo posto, poi si dà un tono diverso, nella espressione tattica, nella evoluzione tecnica, nell’atteggiamento che può rappresentare una variabile per stupire l’Arsenal. Ancelotti lo vuole alternativo, che corra in avanti, che smetta di essere frenato, che abbia un obiettivo frontale e per il quale ha ridisegnato la propria Idea, ora proiettata in quell’Europa che pare un miraggio ma rimane lì, a portata di capolavoro.  

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    87

    33
    28
    3
    2
  • logo NapoliNapoliCL

    67

    32
    20
    7
    5
  • logo InterInterCL

    61

    33
    18
    7
    8
  • logo MilanMilanCL

    56

    33
    15
    11
    7
  • logo RomaRomaEL

    55

    33
    15
    10
    8
  • logo AtalantaAtalantaEL

    53

    32
    15
    8
    9
  • logo TorinoTorino

    53

    33
    13
    14
    6
  • logo LazioLazio

    52

    33
    15
    7
    11
  • logo SampdoriaSampdoria

    48

    33
    14
    6
    13
  • 10º

    logo FiorentinaFiorentina

    40

    33
    8
    16
    9
  • 11º

    logo CagliariCagliari

    40

    33
    10
    10
    13
  • 12º

    logo SassuoloSassuolo

    38

    33
    8
    14
    11
  • 13º

    logo SpalSpal

    38

    33
    10
    8
    15
  • 14º

    logo ParmaParma

    36

    33
    9
    9
    15
  • 15º

    logo BolognaBologna

    34

    33
    8
    10
    15
  • 16º

    logo GenoaGenoa

    34

    33
    8
    10
    15
  • 17º

    logo UdineseUdinese

    33

    33
    8
    9
    16
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    29

    33
    7
    8
    18
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    23

    33
    5
    8
    20
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    14

    33
    2
    11
    20
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Il Mattino - Napoli-Atalanta, San Paolo deserto: pochi biglietti venduti