SquagliaNapoli

Primo Piano  
Carlo Ancelotti, allenatore del NapoliCarlo Ancelotti, allenatore del Napoli

Il Napoli si avvia verso un finale di stagione che lascia l'amaro in bocca a (quasi) tutti i tifosi. Nessuno è esente da critiche: calciatori, Ancelotti e società

La stagione del Napoli è ampiamente finita. Lo dicono i numeri: contro il Frosinone può arrivare la matematica qualificazione in Champions, per far contenta la società che centrerebbe l’obiettivo stagionale. Ma certe figuracce, come quella di ieri contro l’Atalanta, fanno male un po’ a tutti. In primis ad Ancelotti: il suo lignaggio non si discute, ma ciò non esclude che possano essere mosse delle critiche. Anzi. A partire da alcune dichiarazioni in conferenza stampa che, giornalisticamente parlando, fanno zero a zero. Un po’ troppi.

  • I limiti del Napoli

Ancora una volta il Napoli è crollato mentalmente, e questo è uno dei più grossi limiti degli azzurri. Il problema è che ne stiamo parlando ad aprile, ne consegue che il difetto è atavico e chissà quanto risolvibile.

La stagione azzurra è buona dal punto di vista societario, deludente dal punto di vista del tifoso, sicuramente deficitaria per i risultati: buonissima la Champions, mai in lotta in campionato, una Coppa Italia buttata al vento, un’Europa League che ha visto gli azzurri squagliarsi di fronte al primo avversario temibile.

Con limiti strutturali evidenti a centrocampo, dove l’infortunio di Diawara ha violentemente fatto uscire fuori la pochezza di tre uomini - un solo interditore, zero registi - per due maglie (dopo l’addio di Hamsik per Allan 14 match da titolare su 15, per Fabián 12 su 13, per Zielinski 13 su 13: comprensibile un appannamento)

  • I limiti di Ancelotti

Nel divario tangibile che c’è tra la società e l’ambiente Napoli (il disamore rischia di sfociare nel disinteresse per queste ultime partite: è il più grande insuccesso di De Laurentiis, mai troppo prodigo di complimenti nei confronti di chi viene allo stadio), Carlo Ancelotti finisce in mezzo e non è esente da colpe.

Giustissimo che voglia imporre le sue idee, a prescindere da chi lo accusa di aver distrutto l’ideologia di Sarri (l’annata scorsa sarebbe stata irripetibile anche per quest'ultimo, e la scelta di Ancelotti era indirizzata anche ad un cambio radicale): il fatto è che le suddette idee, finora, non hanno portato enormi risultati - ma l’anno prossimo sarà quello della verità, perciò ancora fiducia. Il Napoli è secondo perchè le sue avversarie hanno ancora maggiori limiti tecnici, e vivacchia senza problemi grazie al vantaggio accumulato nel girone d’andata.

I più blasfemi, e sempliciotti, adesso direbbero: se Ronaldo alla Juventus è stato inutile in ottica Champions, perchè lo scudetto l’avrebbero vinto lo stesso, allora anche Ancelotti lo è stato altrettanto, in ottica europea, perchè il Napoli sarebbe arrivato comunque secondo in Italia. Pur essendo un ragionamento qualunquista (con i se e con i ma non si raggiunge nulla), non sembra essere del tutto sbagliato.

  • I limiti dei calciatori

L’attaccante del Napoli del futuro si chiama Arkadiusz Milik. E se lo dice Ancelotti, le cose stanno così…che piacciano o meno. D’altronde lo abbiamo scritto: è l'attaccante ideale per il Napoli che punta a confermare il secondo posto in classifica e ad andare quanto più avanti possibile in Europa League. Però è praticamente mezza squadra ad apparire in condizioni vaghe: psicologicamente incapace di mantenere per novanta minuti, fisicamente non al top proprio per i limiti mentali.

L’unico top player del Napoli è Koulibaly, il resto - per dirla alla Mertens - sono giocatori ‘normali’. Dunque, viene da pensare, sovradimensionati da un sistema come quello della passata gestione. Una marea di occasioni sprecate sotto porta, partite non vinte pur creando valanghe di chance: a notarle tutte, si perde la speranza e ci si concede alla desolazione. Senza una guida forte negli spogliatoio, non si va avanti. E la situazione di Insigne, fascia al braccio ma in questo momento capitano solo del suo futuro, non aiuta.

Nel frattempo la squadra annoia una tifoseria che, Pasquetta a parte, è comprensibile che abbandoni il San Paolo. Alla società, del resto, dei tifosi ‘può fregare e può non fregare’. Ad Ancelotti, nel caso dell’addio di Hamsik senza battere ciglio, è andata esattamente così: Marek non faceva parte del suo ideale progetto da tempo. Ma in questo finale di stagione il rischio di essere travolto dalle critiche riguarda anche lui.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    90

    37
    28
    6
    3
  • logo NapoliNapoliCL

    79

    37
    24
    7
    6
  • logo AtalantaAtalantaCL

    66

    37
    19
    9
    9
  • logo InterInterCL

    66

    37
    19
    9
    9
  • logo MilanMilanEL

    65

    37
    18
    11
    8
  • logo RomaRomaEL

    63

    37
    17
    12
    8
  • logo TorinoTorino

    60

    37
    15
    15
    7
  • logo LazioLazio

    59

    37
    17
    8
    12
  • logo SampdoriaSampdoria

    50

    37
    14
    8
    15
  • 10º

    logo SassuoloSassuolo

    43

    37
    9
    16
    12
  • 11º

    logo SpalSpal

    42

    37
    11
    9
    17
  • 12º

    logo CagliariCagliari

    41

    37
    10
    11
    16
  • 13º

    logo ParmaParma

    41

    37
    10
    11
    16
  • 14º

    logo FiorentinaFiorentina

    40

    37
    8
    16
    13
  • 15º

    logo BolognaBologna

    41

    37
    10
    11
    16
  • 16º

    logo UdineseUdinese

    40

    37
    10
    10
    17
  • 17º

    logo EmpoliEmpoli

    38

    37
    10
    8
    19
  • 18º

    logo GenoaGenoaR

    37

    37
    8
    13
    16
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    24

    37
    5
    9
    23
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    16

    37
    2
    13
    22
Dapa Trasporti
Futura Soccer
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Real Casarea
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Sportitalia - Ilicic-Napoli, dipende anche dal futuro di Gasperini