Pagelle Atalanta-Napoli: Zielinski tra gli ultimi a mollare, Koulibaly in ritardo! Lozano ci prova, Milik poco o nulla

Le Pagelle  
Pagelle Atalanta-Napoli: Zielinski tra gli ultimi a mollare, Koulibaly in ritardo! Lozano ci prova, Milik poco o nulla

Serie A - Pagelle Atalanta Napoli! Su CalcioNapoli24 le pagelle del match tra le due squadre che si giocavano la Champions League

Atalanta-Napoli Serie A. Termina 2-0 il match a favore della squadra di Gasperini. Le pagelle di Atalanta-Napoli su CalcioNapoli24.

Atalanta Napoli

Pagelle Atalanta-Napoli

Ospina 6 - Aiuta i centrali nel primissimo possesso, non si fa sorprendere sul violento sinistro di Gomez e nemmeno sulla punizione che vede, successivamente, Mario Rui travolgerlo e metterlo fuori gioco. Ha una insana e sfortunata tendenza a prendere colpi in testa. (Dal 30’ Meret 6 - Ha poco tempo per riscaldarsi, può fare poco o nulla sull’inserimento di Pasalic. Preciso il diagonale di Gosens)

Di Lorenzo 5,5 - Gosens è uno dei migliori esterni del campionato, ma è intelligente nell’aspettarlo e nel bloccare le sue falcate. Sul gol si trova inizialmente lui a sinistra, poi dopo il rimpallo lascia scoperta la zona. Offensivamente non spinge quanto potrebbe. Sul 2-0 la rotazione era giusta, che dirgli?

Maksimovic 5,5 - Zapata si fa trovare spesso dalle sue parti: quando è lontano dalla porta lo contiene, al 24’ lo stende fallosamente. Tutto sommato, non demerita fin quando Zapata nel finale lo irride con una giocata semplice semplice.

Koulibaly 5 - Duvan Zapata fisicamente lo ha sempre impegnato abbastanza, ma il colombiano gioca su Maksimovic. Impreciso di testa al 15’ e al 76’, ma difensivamente le prende tutte. Di testa, non atleticamente: Toloi viene lasciato libero di battere in area di rigore quello che diventerà il 2-0, e lui è in ritardo.

Mario Rui 5,5 - Gomez gli fa sentire subito i tacchetti, Castagne gli fa sentire il fisico ma lui tiene la testa altissima sebbene l’Atalanta giochi più sul suo lato. Tagliando verso il centro ha tanti spazi, gli rimane un dubbio verso la fine del primo tempo: era meglio crossare per Politano oppure tirare in porta? Regala a Pasalic quei centimetri buoni per farlo insaccare in porta, e da quel momento cala con tanto di ammonizione per frustrazione. Impegna Gollini con un bel sinistro dalla distanza.

Fabian 5 - Inizia sul centro-destra a piede invertito, ma si ritrova anche dall’altro lato. In fase difensiva deve tenere a bada gli inserimenti, in occasione del gol poteva gestire meglio il pallone in fase d’uscita. Poi si divora l’occasione del potenziale 2-1.

Demme 5,5 - Si riappropria di una maglia da titolare e si ritrova Pasalic alle calcagna, come da un po’ di tempo a questa parte. Non si fa notare, non vuol dire che non sia presente: anzi, Toloi gli sfugge via nell’azione che porta al 2-0. (Dal 73’ Lobotka SV - Più rapido di Demme, ma non può fare miracoli)

Zielinski 6 - La sua abilità nel giocare tra le linee è fondamentale per aiutare a saltare il pressing nerazzurro. Supporta l’azione specialmente quando riesce a giocare fronte alla porta, approfittando degli spazi lasciati da Mertens. Stupendo il tacco per liberare Fabian al 69’, è tra gli ultimi a mollare.

Politano 5 - Partendo da destra, poteva rientrare e trovare gli inserimenti dei compagni: un tocco di troppo all’8’ quando fa 30 metri in orizzontale sull’area di rigore, così come al 34’. Non era nella posizione migliore quando colpisce di testa nel finale di primo tempo. Lo capiamo quando viene aggirato da Gomez e lo stende, riassume una prestazione difficile. (Dal 73’ Callejon SV - Ci prova a dare qualità, non viene seguito)

Mertens 5,5 - Dries aveva preso parte a quattro delle ultime otto reti contro l’Atalanta, stavolta per trovare il pallone arretra sempre qualche metro per favorire i movimenti dei compagni - e servirli, come il lancio per Insigne al 42’. Un po’ poco. (Dal 57’ Milik 5 - Non entra nel momento migliore, ok, però da una parte non viene mai servito e dall’altra non riesce mai a farsi trovare. Lo si vede per una sponda al 75’, per l’offside nel tap-in e per una scivolata in area. Non sarà facile giocare quando il tuo club incontra un tuo potenziale sostituto, ma se vorrà trovare un altro club dovrà fare di meglio)

Insigne 5,5 - Debole l’idea dopo un minuto, non lesina sforzi difensivi per aiutare i compagni: un esempio da seguire. Si muove continuamente per non dare punti di riferimento, ma quando riparte non è sempre accompagnato. Arriva al tiro, sì, ma dalla distanza. (Dal 57’ Lozano 6 - Entra con la voglia giusta, fa tutto bene poi Gollini lo mura. Nell’incolore generale del terzetto offensivo, spicca la sua vivacità)

Gattuso 6 - Punta sulla migliore squadra possibile, pur cambiandone cinque dopo la Spal, aspettandosi sin da subito il pressing avversario e provando a trovare lo spazio giusto con una manovra che, quando può, gira da un lato all’altro come se fosse una squadra di rugby - restando compatta in pochi metri senza perdere unità. Difensivamente concede pochissimo, offensivamente il primo tiro vero arriva al 37’ ma col passare dei minuti la manovra diventa più fluida. Peccato che il gol subito arrivi al primo vero errore di rotazioni difensive, perchè a quel punto la squadra si assenta mentalmente e al secondo errore è anche sfortunata a prendere il raddoppio. Cambia tutto il terzetto offensivo, l’occasione più nitida della ripresa gliela porta un centrocampista. È un peccato aver vanificato l’inerzia del momento stagionale nel giro di otto minuti, perchè la squadra comunque continua a macinare e creare occasioni, ma i dati possono confortare e far ben sperare per il futuro.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo GenoaGenoaCL

    3

    1
    1
    0
    0
  • logo VeronaVeronaCL

    3

    1
    1
    0
    0
  • logo JuventusJuventusCL

    3

    1
    1
    0
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    3

    1
    1
    0
    0
  • logo MilanMilanEL

    3

    1
    1
    0
    0
  • logo FiorentinaFiorentinaEL

    3

    1
    1
    0
    0
  • logo CagliariCagliari

    1

    1
    0
    1
    0
  • logo SassuoloSassuolo

    1

    1
    0
    1
    0
  • logo AtalantaAtalanta

    0

    0
    0
    0
    0
  • 10º

    logo BeneventoBenevento

    0

    0
    0
    0
    0
  • 11º

    logo InterInter

    0

    0
    0
    0
    0
  • 12º

    logo LazioLazio

    0

    0
    0
    0
    0
  • 13º

    logo SpeziaSpezia

    0

    0
    0
    0
    0
  • 14º

    logo UdineseUdinese

    0

    0
    0
    0
    0
  • 15º

    logo TorinoTorino

    0

    1
    0
    0
    1
  • 16º

    logo BolognaBologna

    0

    1
    0
    0
    1
  • 17º

    logo ParmaParma

    0

    1
    0
    0
    1
  • 18º

    logo CrotoneCrotoneR

    0

    1
    0
    0
    1
  • 19º

    logo RomaRomaR

    0

    1
    0
    0
    1
  • 20º

    logo SampdoriaSampdoriaR

    0

    1
    0
    0
    1
Back To Top