La delusione più grande della storia del Napoli

Editoriale  
Carlo Ancelotti, allenatore del NapoliCarlo Ancelotti, allenatore del Napoli

Carlo Ancelotti, la delusione più grande della storia del Napoli

Affondare sì, ma con gli uomini che hanno ‘deluso’ di più: si possono intendere così le scelte di formazione, per cercare di salvare il salvabile o di ritardare l’inevitabile exitus. Sette partite senza vittorie per Carlo Ancelotti, la più grande delusione della storia del Napoli: nella sua carriera da allenatore, solo una volta ha registrato una serie più lunga senza successi nei Top-5 campionati europei (otto nel 1996/97, sulla panchina del Parma). Un dato indicativo di una situazione paranormale.

Carlo Ancelotti, allenatore del Napoli, durante Udinese-Napoli 1-1

Otto punti dal quarto posto che vale la Champions League - dieci se dovesse vincere il Cagliari. La zona retrocessione - eufemismo - paradossalmente è più vicina. Nemmeno nei nostri peggiori incubi avremmo potuto immaginare di trovarci in questa situazione ad inizio dicembre, eppure il Napoli di Ancelotti è lì. Senza un gioco ben definito da tempo, in confusione e totalmente incapace di trovare la via del gol contro un’Udinese schierata interamente davanti a Musso: schierare Lozano in mezzo a tre lungagnoni è stata una fregatura, inserire Llorente e non bombardare di cross l’area di rigore - e quando è successo, è stato senza risultati - rischia di sembrarlo.

Soprattutto, dopo quindici tiri nel secondo tempo - ma solo tre in porta, tre - è inaccettabile uscire con un punto dalla Dacia Arena e affermare di voler ripartire da lì, di voler aspettare la prossima partita. Qualcosa di già sentito e che sa di stantio. Una squadra ben organizzata e che ha voglia, e di gran lunga superiore all'Udinese, nel secondo tempo troverebbe il modo di entrare in porta con il pallone e non acciufferebbe il pareggio con un'azione estemporanea. Spal, Atalanta, Roma, Genoa, Milan, Bologna, Udinese: nelle corde e nel talento del Napoli potevano esserci non meno di 17-19 punti, ne sono stati conquistati 5. Un macello tremendo.

Carlo Ancelotti e Dries Mertens durante Udinese-Napoli 1-1

Quale può essere il futuro adesso? Ancelotti contro il Genk si gioca la panchina (e non è detto che chi arrivi abbia la bacchetta magica, ma almeno un po’ di chiarezza sì), ma la macchia azzurra sulla sua carriera è ormai indelebile. A prescindere da tutti i discorsi fatti sul suo staff, ci aspettavamo tutt’altro da uno degli allenatori che più ha vinto in carriera. La delusione è enorme. Sia chiaro: anche i calciatori e la società hanno le loro colpe (mercato? mancati rinnovi?) e il solo Ancelotti non ha il 100% delle responsabilità (ma se la squadra non ha enormi idee ed incappa in errori difensivi, la questione è di sua competenza). Più facile cambiarne uno che molti, a meno che il progetto della società - che ha confermato più volte a mezzo stampa, a microfoni accesi e spenti, la fiducia all’allenatore - si racchiuda in un insano e francamente impensabile ed impossibile ribaltone della rosa durante il mercato di gennaio. Aspettiamo martedì e vediamo gli sviluppi. Ma la delusione enorme, quella sì, rimane eccome.

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    48

    19
    15
    3
    1
  • logo InterInterCL

    46

    19
    14
    4
    1
  • logo LazioLazioCL

    42

    18
    13
    3
    2
  • logo AtalantaAtalantaCL

    35

    19
    10
    5
    4
  • logo RomaRomaEL

    35

    19
    10
    5
    4
  • logo CagliariCagliariEL

    29

    19
    8
    5
    6
  • logo ParmaParma

    28

    19
    8
    4
    7
  • logo TorinoTorino

    27

    19
    8
    3
    8
  • logo VeronaVerona

    25

    18
    7
    4
    7
  • 10º

    logo MilanMilan

    25

    19
    7
    4
    8
  • 11º

    logo NapoliNapoli

    24

    19
    6
    6
    7
  • 12º

    logo UdineseUdinese

    24

    19
    7
    3
    9
  • 13º

    logo BolognaBologna

    23

    19
    6
    5
    8
  • 14º

    logo FiorentinaFiorentina

    21

    19
    5
    6
    8
  • 15º

    logo SassuoloSassuolo

    19

    19
    5
    4
    10
  • 16º

    logo SampdoriaSampdoria

    19

    19
    5
    4
    10
  • 17º

    logo LecceLecce

    15

    19
    3
    6
    10
  • 18º

    logo GenoaGenoaR

    14

    19
    3
    5
    11
  • 19º

    logo BresciaBresciaR

    14

    19
    4
    2
    13
  • 20º

    logo SpalSpalR

    12

    19
    3
    3
    13
Antonio Barbato - Consulente del Lavoro
Fantacalcio - Solo il meglio del calcio
M.A.R.A.T. Football management
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

CorSport - Ghoulam non ha intenzione di lasciare il Napoli a gennaio, vuole giocarsi le chance in azzurro!