Gattuso torni operaio ed applichi il metodo Lozano a chi non rende

Editoriale  
Gattuso torni operaio ed applichi il <i>metodo Lozano</i> a chi non rende

Gattuso piaceva di più quando faceva un calcio pragmatico ed essenziale

Ultime notizie Napoli - Cinque sconfitte sono troppe per una squadra che ha un monte ingaggi lordo da oltre 100 milioni. A Napoli, quando purtroppo arrivano le sconfitte, si cerca sempre il capro espiatorio da mettere in piazza: una volta la colpa è di Tizio, un'altra di Caio e così via. Gli infortuni pesano come un macigno sulla manovra offensiva. I forfait in contemporanea di Mertens e Osimhen hanno mandato in tilt una formazione studiata in estate proprio sull'apporto di questa coppa di attaccanti. Gli alibi sono la forza dei perdenti, ma proviamo un attimo a togliere le coppie gol delle squadre che precedono il Napoli in classifica per lo stesso periodo delle assenze forzate di Dries e Victor. Siamo sicuri che anche loro non ne risentirebbero in termini di vittorie e punti?

Gattuso non può essere immune da responsabilità. Da quando ha voluto per forza, magari anche per dimostrare che il suo calcio non è solo corsa e botte come quando era calciatore, cambiare modalità di gioco puntando sulla raffinatezza della manovra al cospetto della praticità, il Napoli ha iniziato a balbettare. La sensazione è che Rino voglia dimostrare a tutti i costi di sapersi inventare qualcosa. L'idea Lozano falso nueve può anche essere accettata, con il senno del poi sono tutti bravi a criticare, ma insistere su determinati calciatori in questo momento non è il massimo della vita. Maksimovic è il lontano parente di quello ammirato la scorsa stagione, forse le vicende contrattuali non lo lasciano tranquillo. Ieri abbiamo giocato contro lo Spezia, ci chiediamo: è possibile che Rrahmani non possa essere schierato nemmeno contro una neopromossa?

Il mistero più grande, che fa piangere davvero il cuore, è sicuramente Fabian Ruiz. L'allenatore le ha provate davvero tutte per rilanciarlo ma le risposte sono state a dir poco deludenti. Gattuso deve fungere anche da psicologo verso un ragazzo che magari soffre psicologicamente questa situazione. Chissà, se Rino adottasse il metodo Lozano anche per lo spagnolo qualcosa non cambierebbe. Il messicano fu messo fuori per dargli una scossa di orgoglio che poi c'è stata. A Fabian servirebbe una decisione simile per il suo bene. Vanno bene le carezze, la comprensione ma bisogna anche poi guardare il bene comune. La nota di merito è Petagna che da terza punta sta facendo il suo in maniera egregia. Anche ieri si è battuto andando a segno ed aprendo spazi. Non sarà Haaland ma è uno che ha caratteristiche precise e va giudicato per quello. A distanza di un anno dal ribaltone che ha portato Gattuso in panchina sembra essere cambiato poco o nulla: siamo sicuri che il problema fosse soltanto l'ammutinamento o il modulo di gioco ancelottiano?

RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimissime Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo MilanMilanCL

    43

    18
    13
    4
    1
  • logo InterInterCL

    40

    18
    12
    4
    2
  • logo RomaRomaCL

    37

    19
    11
    4
    4
  • logo NapoliNapoliCL

    34

    17
    11
    1
    5
  • logo JuventusJuventusEL

    33

    17
    9
    6
    2
  • logo AtalantaAtalantaEL

    33

    18
    9
    6
    3
  • logo LazioLazio

    31

    18
    9
    4
    5
  • logo SassuoloSassuolo

    30

    18
    8
    6
    4
  • logo VeronaVerona

    27

    18
    7
    6
    5
  • 10º

    logo SampdoriaSampdoria

    23

    18
    7
    2
    9
  • 11º

    logo BeneventoBenevento

    22

    19
    6
    4
    9
  • 12º

    logo BolognaBologna

    20

    18
    5
    5
    8
  • 13º

    logo FiorentinaFiorentina

    18

    18
    4
    6
    8
  • 14º

    logo SpeziaSpezia

    18

    19
    4
    6
    9
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    17

    18
    4
    5
    9
  • 16º

    logo GenoaGenoa

    15

    18
    3
    6
    9
  • 17º

    logo CagliariCagliari

    14

    18
    3
    5
    10
  • 18º

    logo TorinoTorinoR

    14

    19
    2
    8
    9
  • 19º

    logo ParmaParmaR

    13

    18
    2
    7
    9
  • 20º

    logo CrotoneCrotoneR

    12

    18
    3
    3
    12
Back To Top