Spalletti: "Napoli la squadra che negli ultimi anni sta mettendo più in difficoltà la Juve, Sarri un modello! Gara fondamentale per noi domani, dobbiamo vincere"

Zoom  
Luciano Spalletti in conferenza stampa prima di Inter-NapoliLuciano Spalletti in conferenza stampa prima di Inter-Napoli

APPIANO GENTILE - Alle ore 17.30 di sabato 10 marzo presso il Centro Sportivo Suning si terrà la conferenza stampa di Luciano Spalletti in vista di Inter-Napoli, gara valida per la 28^ giornata della Serie A TIM 2017/18. Segui la diretta testuale dell'evento su CalcioNapoli24.it.

17.16 - La sala stampa è in attesa dell'arrivo di mister Spalletti.

17.33 - Ripartire dopo la morte di Astori? "Sono cose che restano addosso, noi siamo molto più legati di quanto si possa vedere da fuori. Siamo molto in contatto, amici, affezionati l'uno all'altro. Come ho detto ieri, la cosa fondamentale è che lui non era il capitano della Fiorentina ma del calcio, ci lascia in eredità un esempio importante di lealtà. Quando lo incontravi, lo salutavano tutti. Sono cose che lasciano un segno infinito".

17.35 - Cosa dovrà fare l'Inter contro il Napoli? "Loro vengono da un passo falso, noi da una serie. Quindi da questo punto di vista dovremmo essere più arrabbiati. Noi dobbiamo essere quasi perfetti, l'idea di calcio di Sarri può dare spunti a chi deve decidere da quali punti bisogna ripartire. E' un esempio da cui poter prendere molto il Napoli".

17.37 - Non tutti danno il massimo? "Per me è il contrario, lo escludo. Qui si percepisce dove siamo e il nostro dovere di costruirci un futuro. Non c'è spazio per reazioni individuali ed anche ieri questo lo hanno avvertito con la festa di ieri. Si è capito cosa vuol dire far parte dell'Inter come detto anche ieri. La voglia di essere in linea con la storia di questo club è totale".

17.39 - Vecino e Borja Valero sono i più coinvolti dalla morte di Astori: possono giocare? "Ce ne sono molti che avevano un legame particolare con Astori. Se si deve giocare, però, si gioca e può essere anche uno stimolo in più"

17.40 - Gara decisiva? "Si è già detto per le partite precedenti perché la classifica si è accorciata per la quarta posizione. Per noi, però, il modo di ragionare giusto è questo: che è una gara fondamentale per il nostro successo finale. Abbiamo vissuto così anche qualche gara passata, ha un valore ancora più importante. Non si può gestiire più nulla, bisogna vincere anche se non ci riesce di gestire per tutti i 90 minuti la partita"

17.43 - Gol dei centrocampisti? "Me li aspetto da tutti, non è che solo qualcuno può segnare. Il gol è una concessione che facciamo a tutti (ride, ndr)".

17.44 - Borja Valero e Rafinha? "Lo spagnolo ha avuto dei problemi, si sta allenando bene ma bisogna vedere che minutaggio avrà. Rafinha è in continua crescita e sta aumentando in velocità, siamo contenti. Lui stesso vede che migliora, riesce a proporre il suo calcio per un periodo di tempo maggiore di volta in volta. Questo ci fa ben sperare".

17.46 - Sarri come allenatore della Nazionale? "Bisogna stare attenti a quello che si dice visto quanto avvenuto in passato (ride, ndr). No, lo candido come un allenatore che ha fatto vedere con la sua squadra un calcio importante fatto di pressing alto fino al 90', di ricerca di andare a far gol con la stessa costanza e tanti calciatori. E' quello che ha ricevuti più complimenti di tutti come allenatore europeo. Il Napoli ha ricevuto consensi ovunque, questo fa chiarezza sulle intenzioni del discorso fatto prima".

17.47 - Chi toglieresti al Napoli dei tre attaccanti? "Davanti sono fortissimi perché hanno tanta velocità, palleggio, tecnica e di gol. Sono tre calciatori che sentono e vedono la porta, che hanno la personalità di fare scelte importanti. Non me la sento di pensare che qualcuno dei loro sia più forte dei miei. Loro si fanno vedere sempre tra le linee per invitarti ad uscire e ad aprire degli spazi".

17.50 - La sosta? "Non ci mette niente in più, le nostre intenzioni sono sempre state le stesse. Sentendosi sotto schiaffi, forse qualcuno si prenderà più responsabilità. E' una cosa che non dovrebbe succede ma a volte si fa involontariamente. Capita un po' ovunque, ma le intenzioni dei miei calciatori sono sempre molto sane".

17.51 - Sono andate scemando quelle cose viste nella gara d'andata? "No, parliamo spesso di noi ed abbiamo combattuto dal primo momento l'io. Non ci sono strategie individuali ma solo collettive, comuni. Nella partita d'andata abbiamo palleggiato bene prendendoci qualche rischio anche di troppo, abbiamo costruito bene iniziando da dietro, ma ci è mancato l'ultimo passaggio. Spesso tornavamo indietro perché ci eravamo abituati a girare palla da dietro. Si vede che percepiscono l'importanza della partita di domani, verrà fuori la voglia di stare dentro la squadra. In questo periodo in cui non abbiamo fatto risultati non si è salvato nessuno. Tutti sono calati allo stesso modo. Poi c'è qualcuno che va a cena con i calciatori e dà sempre 6 a qualcuno..."

17.55 - Le parole di Matthaus? "Se qualcuno parla di collettivo condivido sempre, ci sono calciatori che danno più spunti ma se la squadra non riesce ad appropriarsi di quelle tempistiche che permettono a quel calciatore di sviluppare la proprie qualità diventa dura. E' sempre un discorso generale. Lothar sapeva far tutto quindi per lui era facile perché sapeva far tutto".

17.57 - Cosa servirà in più domani? "Il Napoli è bravo ad attaccarti dietro, ma se devo scegliere dove andare a cambiare qualcosa preferisco farlo sulla fase offensiva".

17.58 - Candreva? "Il discorso che non ha ancora segnata rientra nella logica di prima, se corri, contrasti etc poi il gol lo fa un altro, sono i risultati in generale che poi fanno la differenza. Nessun problema con lui".

17.59 - Domani firmerebbe per un pari? "Rispetto alla gara d'andata è un momento diverso. Non firmerei per nulla, potrebbe essere una strategia anche quella di far venire fuori un pari provando a vincerla dal primo all'ultimo minuto. Nella prima partita non mi era piaciuto il fatto che non avevavamo avuto il coraggio di affondare e tornavamo indietro con il giropalla. Ora adesso abbiamo bisogno di una vittoria per la classifica, dobbiamo giocare per vincerla facendo giocate importanti che possano determinare".

18.01 - A cosa bisogna fare attenzione? "Non dovremo allungarci perché se lo facciamo loro ti giocano dentro perché sanno quando venirti a puntare. Sono dei giocolieri per come fanno girare la palla. Fanno la foto nel reparto successivo per trarne vantaggi. Sono una squadra che gioca insieme da diversi anni proponendo un calcio importante, piacevole e di sostanza. Contendono il primato ancora alla Juventus nonostante la Juve sia una squadra fortissima. A volte contro i bianconeri sembra possibile batterli, ma alla fine vieni sempre sconfitto perché loro sono i più forti di tutti. Onore al Napoli per essere stata la squadra che ha creato loro più problemi".

Altre Notizie
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    12

    4
    4
    0
    0
  • logo SpalSpalCL

    9

    4
    3
    0
    1
  • logo NapoliNapoliCL

    9

    4
    3
    0
    1
  • logo SassuoloSassuoloCL

    7

    4
    2
    1
    1
  • logo SampdoriaSampdoriaEL

    7

    4
    2
    1
    1
  • logo FiorentinaFiorentinaEL

    7

    4
    2
    1
    1
  • logo GenoaGenoa

    6

    3
    2
    0
    1
  • logo LazioLazio

    6

    4
    2
    0
    2
  • logo RomaRoma

    5

    4
    1
    2
    1
  • 10º

    logo TorinoTorino

    5

    4
    1
    2
    1
  • 11º

    logo UdineseUdinese

    5

    4
    1
    2
    1
  • 12º

    logo CagliariCagliari

    5

    4
    1
    2
    1
  • 13º

    logo AtalantaAtalanta

    4

    4
    1
    1
    2
  • 14º

    logo InterInter

    4

    4
    1
    1
    2
  • 15º

    logo MilanMilan

    4

    3
    1
    1
    1
  • 16º

    logo EmpoliEmpoli

    4

    4
    1
    1
    2
  • 17º

    logo ParmaParma

    4

    4
    1
    1
    2
  • 18º

    logo BolognaBolognaR

    1

    4
    0
    1
    3
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    1

    4
    0
    1
    3
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    -1

    4
    0
    2
    2
Dapa Trasporti
Giuseppe Annone
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Repubblica - Consulto segreto in Spagna: si allungano i tempi di recupero per Meret!