Genoa, pericolo rottura del crociato sventato per Lapadula: "Infortunio non grave" [FOTO]

Social  

"Un infortunio non grave che mi terrà per poco tempo ai box,non sarà sicuramente questo a fermarmi! Ringrazio tutti per l'affetto e i messaggi ricevuti!"  Così su Instagram Gianluca Lapadula, bomber del Genoa, che ieri nella partita contro l'Udinese ha lasciato anzitempo il campo per un fortissimo dolore al ginocchio che ha fatto spaventare tutti i suoi tifosi dal momento che si vociferava di un possibile interessamento del legamento crociato. Dovrebbe trattarsi di uno stiramento al collaterale, stando almeno a quanto evidenziato dai primi esami strumentali, e se dovesse essere confermata la diagnosi per lui dovrebbe esserci all'orizzonte uno stop di 45/50 giorni.

Clicca sulla foto in allegato

FOTO ALLEGATE
Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    35

    13
    11
    2
    0
  • JuventusCL

    31

    12
    10
    1
    1
  • RomaCL

    30

    12
    10
    0
    2
  • InterCL

    30

    12
    9
    3
    0
  • LazioEL

    28

    12
    9
    1
    2
  • SampdoriaEL

    23

    11
    7
    2
    2
  • Milan

    19

    13
    6
    1
    6
  • Torino

    17

    12
    4
    5
    3
  • Fiorentina

    16

    12
    5
    1
    6
  • 10º

    Atalanta

    16

    12
    4
    4
    4
  • 11º

    Chievo

    16

    12
    4
    4
    4
  • 12º

    Bologna

    14

    12
    4
    2
    6
  • 13º

    Udinese

    12

    11
    4
    0
    7
  • 14º

    Cagliari

    12

    12
    4
    0
    8
  • 15º

    Crotone

    12

    12
    3
    3
    6
  • 16º

    Spal

    9

    12
    2
    3
    7
  • 17º

    Sassuolo

    8

    11
    2
    2
    7
  • 18º

    GenoaR

    6

    12
    1
    3
    8
  • 19º

    VeronaR

    6

    12
    1
    3
    8
  • 20º

    BeneventoR

    0

    12
    0
    0
    12
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Zazzaroni svela: "No di Ancelotti alla Nazionale, vuole star fermo fino a giugno. Faccio un appello a Tavecchio..."