"Vai ragazzo", quando Mazzarri fece esordire Insigne in Serie A: oggi i due si rincontreranno a Torino

Rassegna Stampa  
Mazzarri e InsigneMazzarri e Insigne

Secondo l'edizione di oggi del Corriere dello Sport, l'unico nemico fu il laccio d’una scarpa: «Vai, ragazzo». E allo scugnizzo s’annebbiò la vista, perché intanto comparvero dinnanzi agli occhi le pietre delle stradine di Frattamaggiore, i libri accatastati come se fossero i pali delle porte, le notti insonni a sognare un centimetro, cosa volete che sia un centimetro? E tutto quello che può entrare dentro a un sogno.

Livorno-Napoli (24 gennaio 2010) è il crocevia di quell’esistenza brulla e disadorna ma sempre assai dignitosa, è l’attimo in cui all’orizzonte si spalanca l’idea di potersi ritrovare tra le stelle, guardandole fisse nel talento: «Vai, ragazzo». E con la valigia pronta per quel lungo viaggio, Lorenzo Insigne sorrise a Mazzarri, si sistemò la maglia che gli stava larghissima e s’intrufolò in una favola da assaporare attraverso parabole e veroniche, dribbling e diavolerie d’un calcio dal quale era rimasto posseduto dalla culla.  
 
UN BATTITO. Fu un battito (animale), pochi giri di lancette, con la testa presa a sassate da un’emozione umanamente devastante: però stava cominciando un’epoca, la sua, senza che se ne potesse aver percezione, non quel giorno, perché ne sono evaporati di genietti e di geniacci, in questo calcio talvolta fuorviante. Tre minuti, un brivido che affonda nella carne e lascia un retrogusto dolcissimo e arrivederci a presto, perché il tempo - si sa - è un galantuomo. 

RIECCOLO. Il tour con la fantasia scatena un vortice mediatico e due anni e mezzo dopo, avendo in sé la gavetta tra Cavese, Foggia e Pescara, in quella Dimaro vociante, Insigne rientra in punta di piedi, felice e pensieroso, consapevole d’essere costretto a inventarsi altro, perché l’ora del tridente è scaduta e le perplessità di Mazzarri sono spifferi trasformati in inchiostro per giornali. E’ un’estate (pure quella) rovente, con l’ombra del pocho che scivola via, verso Parigi, e la diffidenza che si sparge ovunque - ieri come oggi - intorno a un Napoli che De Laurentiis vuol ricostruire secondo parametri personali e visioni indiscutibilmente coraggiose che lo spingono a credere in Insigne, il piccolo principe d’un Pescara che ha incantato in B e va riportato a casa.  

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    25

    9
    8
    1
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    21

    9
    7
    0
    2
  • logo InterInterCL

    16

    8
    5
    1
    2
  • logo LazioLazioCL

    15

    8
    5
    0
    3
  • logo SampdoriaSampdoriaEL

    14

    8
    4
    2
    2
  • logo RomaRomaEL

    14

    9
    4
    2
    3
  • logo FiorentinaFiorentina

    13

    8
    4
    1
    3
  • logo SassuoloSassuolo

    13

    8
    4
    1
    3
  • logo ParmaParma

    13

    8
    4
    1
    3
  • 10º

    logo GenoaGenoa

    13

    8
    4
    1
    3
  • 11º

    logo MilanMilan

    12

    7
    3
    3
    1
  • 12º

    logo TorinoTorino

    12

    8
    3
    3
    2
  • 13º

    logo SpalSpal

    12

    9
    4
    0
    5
  • 14º

    logo CagliariCagliari

    9

    8
    2
    3
    3
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    8

    9
    2
    2
    5
  • 16º

    logo BolognaBologna

    7

    8
    2
    1
    5
  • 17º

    logo AtalantaAtalanta

    6

    8
    1
    3
    4
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    5

    8
    1
    2
    5
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    1

    8
    0
    1
    7
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    -1

    8
    0
    2
    6
Dapa Trasporti
Giuseppe Annone
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Udinese-Napoli dalla A alla Z: Barak e burattini, la battuta di Ancelotti a Fabiàn e l'incubo Di Maio...