Il Tempo - Keita-Lazio, adesso si parla di rinnovo ma c'è un ostacolo principale da superare

Rassegna Stampa  

In casa Lazio è arrivato il momento di pianificare il futuro a partire dai rinnovi. Ad esempio quello dell'attaccante Balde Keita, come racconta l'edizione odierna de Il Tempo: il calciatore sarebbe disposto ad ascoltare la proposta della Lazio, perchè il suo desiderio ora è quello di restare a Roma a meno che non arrivi un'offerta irrinunciabile. Per il momento i biancocelesti hanno stabilito un ingaggio da 1,8 milioni all'anno ma "l'ostacolo principale è rappresentato dal procuratore Calenda, da luglio scorso ai ferri corti con la Lazio. Tra le due parti non esiste rapporto, non c'è mai stato un colloquio, l'unico che potrebbe risolvere la situazione è Simone Inzaghi". Il calciatore è stato accostato di recente al Napoli.

€‹

Altre Notizie

I più letti

Classifica

  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • JuventusCL

    3

    1
    1
    0
    0
  • NapoliCL

    0

    1
    1
    0
    0
  • AtalantaCL

    0

    0
    0
    0
    0
  • BeneventoEL

    0

    0
    0
    0
    0
  • BolognaEL

    0

    0
    0
    0
    0
  • Chievo

    0

    0
    0
    0
    0
  • Crotone

    0

    0
    0
    0
    0
  • Fiorentina

    0

    0
    0
    0
    0
  • Genoa

    0

    0
    0
    0
    0
  • 10º

    Inter

    0

    0
    0
    0
    0
  • 11º

    Lazio

    0

    0
    0
    0
    0
  • 12º

    Milan

    0

    0
    0
    0
    0
  • 13º

    Roma

    0

    0
    0
    0
    0
  • 14º

    Sampdoria

    0

    0
    0
    0
    0
  • 15º

    Sassuolo

    0

    0
    0
    0
    0
  • 16º

    Spal

    0

    0
    0
    0
    0
  • 17º

    Torino

    0

    0
    0
    0
    0
  • 18º

    UdineseR

    0

    0
    0
    0
    0
  • 19º

    VeronaR

    0

    1
    0
    0
    1
  • 20º

    CagliariR

    0

    1
    0
    0
    1
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Sportitalia - Karnezis aspetta ancora l'azzurro, ha rifiutato già due squadre. Possibile che ci sia il Napoli dietro questa decisione