Il Roma - All'Olimpico e a Manchester la stessa formazione: Sarri consapevole di un aspetto

Rassegna Stampa fonte : Salvatore Caiazza per il Roma

Chi conosce il calcio sa che le partite si vincono a centrocampo. Certo, sono di solito i bomber a firmare i successi ma se non funziona il reparto principale di una squadra si rischia di perdere, al massimo di pareggiare. Nel Napoli di Sarri ci sono delle certezze da un po’ di tempo a questa parte. I tre ai quali si affida il tecnico toscano sono quasi sempre gli stessi. E quando ci sono si rischia veramente poco. Allan, Jorginho e Hamsik sono una garanzia per il Napoli in testa alla classifica. Due volte non sono stati insieme in questo scorcio di stagione e due volte non è andata molto bene. In Champions contro lo Shakhtar addirittura si è perso mentre con la Spal si è vinto grazie alla prodezza di Ghoulam dopo che si era addirittura passati in svantaggio nel primo tempo. Nelle altre sei sfide di campionato e con il Feyenoord, invece, è andata bene. Certo, qualche perplessità all’inizio ma nel secondo tempo c’è stato un exploit vincente.

ALL’OLIMPICO NON SI CAMBIA. Domani sera il Napoli torna a giocare dopo due settimane di pausa per le qualificazioni ai Mondiali in Russia. C’è la sfida ai giallorossi di Di Francesco, il tecnico arrivato dal Sassuolo che subito ha dato una identità alla Roma. Una Roma che ha un centrocampo di tutto rispetto. C’è tecnica, qualità e potenza. Sarà difficile avere a che fare con Nainggolan, De Rossi e Pellegrini sono dei dirimpettai che fanno paura. Ma se Allan, Jorginho e Hamsik vanno a mille allora lo spettacolo è assicurato. Sarri sa a cosa va incontro e quindi non dovrebbe fare cambi. Almeno per questa partita e quella con il Manchester City in Champions martedì prossimo. C’è voglia di andare avanti e di comandare la classifica. Battere la Roma significherebbe dare un segnale forte alle concorrenti al titolo. Soprattutto alla Juventus che nel pomeriggio di domani ospita a casa sua la Lazio. Da copione non dovrebbe avere scampo la formazione di Simone Inzaghi e quindi i tre punti della Signora sono assicurati. Spetta al Napoli confermarsi. E con quei tre la in mezzo lo può fare tranquillamente. Allan è un “mordicaviglie” che riesce a lavorare anche per Hamsik che è più offensivo. Jorginho è colui il quale imposta il gioco, riesce sempre a trovare il passaggio più semplice per far inserire i compagni che stanno più avanti. È un mix completo che può variare nella ripresa con l’ingresso di Zielinski e Diawara. Ma la base deve essere sempre la stessa. Lo sa bene Sarri, anche in virtù del fattore esperienza. C’è Marekiaro, poi, che è molto arrabbiato. Vuole rifarsi dalle amarezze per non essersi qualificato per i Mondiali e soprattutto vuole agguantare Maradona a quota 115 gol. Il successo e questo record sarebbero la migliore medicina per rivederlo sorridere. È lui il punto di riferimento di questo centrocampo che fa la differenza. Sempre e comunque.

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    42

    17
    13
    3
    1
  • InterCL

    40

    17
    12
    4
    1
  • JuventusCL

    38

    16
    12
    2
    2
  • RomaCL

    38

    16
    12
    2
    2
  • LazioEL

    32

    15
    10
    2
    3
  • SampdoriaEL

    27

    15
    8
    3
    4
  • Milan

    24

    16
    7
    3
    6
  • Torino

    23

    17
    5
    8
    4
  • Atalanta

    23

    16
    6
    5
    5
  • 10º

    Fiorentina

    22

    16
    6
    4
    6
  • 11º

    Udinese

    21

    16
    7
    0
    9
  • 12º

    Bologna

    21

    16
    6
    3
    7
  • 13º

    Chievo

    21

    16
    5
    6
    5
  • 14º

    Cagliari

    17

    17
    5
    2
    10
  • 15º

    Sassuolo

    14

    16
    4
    2
    10
  • 16º

    Genoa

    13

    16
    3
    4
    9
  • 17º

    Crotone

    12

    16
    3
    3
    10
  • 18º

    SpalR

    11

    16
    2
    5
    9
  • 19º

    VeronaR

    10

    16
    2
    4
    10
  • 20º

    BeneventoR

    1

    16
    0
    1
    15
Back To Top

Ti potrebbe interessare

"Non abbiamo paura di voi e vi attacchiamo alti", Mihajlovic spavaldo. Gazzetta lo massacra: "Un suicidio affrontare il Napoli così"