Il Mattino - Insigne-Nazionale, un azzurro troppo sfocato: fatica da prima punta, pochi sussulti

Rassegna Stampa  
Il Mattino - Insigne-Nazionale, un azzurro troppo sfocato: fatica da prima punta, pochi sussulti

Punta centrale del tridente d'attacco, Insigne cambia ancora ruolo nell'Italia di Mancini rispetto al Napoli. E l'esperimento non funziona. Gli automatismi della squadra di Ancelotti sono cosa ben diversa rispetto a quelli della Nazionale. E infatti Lorenzo nell'Italia non riesce a essere protagonista come nel suo Napoli, non riesce a incidere e a risultare determinante. Due tiri in porta nel primo tempo, il primo fuori non di molto, il secondo sventato dal portiere ucraino. S'infrange sulla barriera la sua punizione di inizio ripresa. L'Italia non è il Napoli e Lorenzo non riesce a brillare in Nazionale come invece è riuscito a fare in questo straordinario inizio di stagione con la squadra di Ancelotti risultando determinante sia in campionato che in Champions League con la rete decisiva contro il Liverpool.

INSIGNE NON BRILLA CON LA NAZIONALE

Come riporta Il Mattino:

"Da prima punta fa fatica ad adattarsi perché entra poco nel gioco e non può disegnare le classiche giocate del repertorio, gli assist per i compagni e il tiro. L'esperimento non dà i frutti sperati dal ct azzurro: Insigne nel Napoli fa la differenza perché gioca più vicino alla porta ma ruotando intorno alla punta centrale. Cosa ben diversa invece giocare da centravanti, in mezzo ai colossi ucraini in difesa. Resta chiuso, non ha spazi l'attaccante del Napoli e non gli arrivano i palloni in verticale per fare la differenza. Nel 4-4-2 del Napoli infatti balla tra le linee e può lanciare la punta centrale, diverso invece il 4-3-3 di Mancini con il suo ruolo da punta centrale
 

SPOSTATO ESTERNO

Con l'ingresso di Immobile torna nel suo vecchio ruolo di esterno sinistro del tridente di attacco ma la situazione non migliora anche perché dopo la rete di Bernardeschi, l'Italia subisce subito dopo il pareggio. Pochi sussulti anche da esterno, una partita con pochi guizzi, qualche tocco ma nessuna intuizione geniale. Difficoltosa l'intesa con gli altri compagni d'attacco, i centrocampisti non riescono mai a trovarlo in profondità con i tempi giusti. Esce a 12 minuti dalla fine lasciando il posto a Berardi".

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • logo JuventusJuventusCL

    25

    9
    8
    1
    0
  • logo NapoliNapoliCL

    21

    9
    7
    0
    2
  • logo InterInterCL

    16

    8
    5
    1
    2
  • logo LazioLazioCL

    15

    8
    5
    0
    3
  • logo SampdoriaSampdoriaEL

    14

    8
    4
    2
    2
  • logo RomaRomaEL

    14

    9
    4
    2
    3
  • logo FiorentinaFiorentina

    13

    8
    4
    1
    3
  • logo SassuoloSassuolo

    13

    8
    4
    1
    3
  • logo ParmaParma

    13

    8
    4
    1
    3
  • 10º

    logo GenoaGenoa

    13

    8
    4
    1
    3
  • 11º

    logo MilanMilan

    12

    7
    3
    3
    1
  • 12º

    logo TorinoTorino

    12

    8
    3
    3
    2
  • 13º

    logo SpalSpal

    12

    9
    4
    0
    5
  • 14º

    logo CagliariCagliari

    9

    8
    2
    3
    3
  • 15º

    logo UdineseUdinese

    8

    9
    2
    2
    5
  • 16º

    logo BolognaBologna

    7

    8
    2
    1
    5
  • 17º

    logo AtalantaAtalanta

    6

    8
    1
    3
    4
  • 18º

    logo EmpoliEmpoliR

    5

    8
    1
    2
    5
  • 19º

    logo FrosinoneFrosinoneR

    1

    8
    0
    1
    7
  • 20º

    logo ChievoChievoR

    -1

    8
    0
    2
    6
Dapa Trasporti
Giuseppe Annone
Back To Top
close icon

Ti potrebbe interessare

Da Udine protestano: "Cori da censura ieri sera, ne ha fatto scalpore uno intonato dai tifosi del Napoli!"