Diritti tv, irrompe la Cina: MediaPro è stata venduta, si attendono sviluppi ma il problema resta il web

Rassegna Stampa  

Intermediario sempre meno spagnolo e sempre più cinese. Secondo le notizie in arrivo dalla penisola iberica, Mediapro, da dieci giorni titolare dei diritti tv della Serie A 2018-21, sarebbe già di proprietà cinese. Il quotidiano economico online El Confidencial ha dato per concluso la vendita del 54.5% di Imagina, holding di controllo dell’agenzia con sede a Barcellona, per 900 milioni di euro al fondo Orient Hontai Capital. «Fonti ufficiali danno per fatto l’affare», scrivono in Spagna. Manca ancora un annuncio da parte dei diretti interessati, ma per questo ulteriore passaggio bisogna attendere il via libera del governo di Pechino, che vigila con attenzione su questi affari. La notizia arriva quando deve entrare nel vivo la trattativa per i diritti tv della A, oggi controllati da Mediapro dopo l'offerta da 1.05 miliardi a stagione, approvata all’unanimità dai club il 5 febbraio. Le carte resteranno coperte fino alla pronuncia di Agcom e Antitrust sulla conformità del bando da “intermediario indipendente” alla Legge Melandri. Decisione che deve arrivare entro 45 giorni dall’inizio dell’assegnazione di dieci giorni fa. Influisce anche il quadro internazionale a partire dalle notizie in arrivo sulla prima retromarcia del valore dei diritti tv della Premier dopo anni. Questa valutazione sembra dare ragione alle pay tv italiane che hanno ritenuto di non dover svenarsi per l’acquisto dei diritti della A. Anche se siamo di fronte a cifre differenti, visto che la Premier viaggia intorno a 5 miliardi di euro. Come riporta Tuttosport:

"Riflessi sui diritti italiani anche dall’assenza delle multinazionali della new economy nell’asta, come Amazon o Facebook. Un indizio sulla difficoltà di trovare operatori interessati alla trasmissione delle partite via internet del nostro campionato. Mediapro potrebbe fare leva sul rapporto privilegiato con BeIn Sports che in Spagna, oltre a trasmettere otto partite a giornata della Liga in tv, cura anche il pacchetto internet. Mediaset è alla finestra e non farà offerte consistenti perché non considera prioritario in questa fase investire sul comparto “pay” visto la centralità del “chiaro”, a differenza di Sky che ha il suo core business nella tv a pagamento. Ieri è andata deserta l’assemblea di Serie A che, nei piani di Lotito e altri sette club (Milan, Napoli, Torino, Verona, Atalanta, Genoa e Udinese), avrebbe dovuto portare all’elezione di presidente e ad della Lega. Nemmeno queste società si sono presentate in Via Rosellini. Fallito il blitz, si tornerà a parlare di questi temi al ritorno di Malagò dalla Corea del Sud. Quando sarà sempre più calda la questione diritti tv".

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    66

    25
    21
    3
    1
  • JuventusCL

    65

    25
    21
    2
    2
  • RomaCL

    50

    25
    15
    5
    5
  • LazioCL

    49

    25
    15
    4
    6
  • InterEL

    48

    25
    13
    9
    3
  • SampdoriaEL

    41

    25
    12
    5
    8
  • Milan

    41

    25
    12
    5
    8
  • Atalanta

    38

    25
    10
    8
    7
  • Torino

    36

    25
    8
    12
    5
  • 10º

    Udinese

    33

    25
    10
    3
    12
  • 11º

    Fiorentina

    32

    25
    8
    8
    9
  • 12º

    Genoa

    30

    25
    8
    6
    11
  • 13º

    Bologna

    30

    25
    9
    3
    13
  • 14º

    Cagliari

    25

    25
    7
    4
    14
  • 15º

    Chievo

    25

    25
    6
    7
    12
  • 16º

    Sassuolo

    23

    25
    6
    5
    14
  • 17º

    Crotone

    21

    25
    5
    6
    14
  • 18º

    SpalR

    17

    25
    3
    8
    14
  • 19º

    VeronaR

    16

    25
    4
    4
    17
  • 20º

    BeneventoR

    10

    25
    3
    1
    21
Dapa Trasporti
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Primavera, Juventus-Napoli 2-3 (22' Senese, 50' Zerbin, 68' Palmieri, 73' Senese aut., 91' Kameraj): gli azzurri espugnano Torino, battuti i bianconeri. Impresa dei ragazzi di Beoni