Sabato 18 Aprile 2015, 15:11

Rassegna Stampa | pubblicato da il

DIKTAT De Laurentiis: "I tenori me li tengo". Tentazione Parigi per Pocho e Yanina..

Aurelio De Laurentiis non parla mai a caso. Così, alla radio francese Rmc, il presidente del Napoli ha voluto ribadire un concetto

stampa l'articolo riduci la dimensione del testo ingrandisci la dimensione del testo
Aurelio De Laurentiis non parla mai a caso. Così, alla radio francese Rmc, il presidente del Napoli ha voluto ribadire un concetto

Aurelio De Laurentiis non parla mai a caso. Così, alla radio francese Rmc, il presidente del Napoli ha voluto ribadire un concetto: «Non posso dare via Cavani, Hamsik e Lavezzi». Una frase che suona come un messaggio per il Paris Saint-Germain, la società che forse più di ogni altra nel prossimo mercato estivo potrebbe corteggiare i tre tenori della squadra azzurra.

Ancelotti e i gioielli In particolare, Carlo Ancelotti non ha mai negato la sua stima nei confronti di Edinson Cavani, ma sia lui che il d.s. Leonardo sanno perfettamente che in questo momento sarebbe più facile portarsi a casa Ezequiel Lavezzi. Il Pocho, infatti, è titolare di una clausola rescissoria di 31 milioni di euro, una cifra che certamente non può spaventare lo sceicco Al Thani, deciso a fare del club parigino una nuova super potenza del calcio europeo: «Al Paris Saint Germain c’è un allenatore italiano che insegue i nostri talenti e questo è bellissimo—ammette Aurelio De Laurentiis —, ma sono i giornali e le tv che parlano di offerte per i miei gioielli.

Io non ne ho mai ricevute, tranne quella di Moratti per Hasmik quattro anni fa». Per soffiargli Lavezzi, però, non ci sarebbe bisogno di nessuna trattativa, basterebbe versare i soldi necessari al pagamento dell’indennizzo nelle casse del Napoli. Per questo l’attaccante argentino è nel mirino anche di Inter, Manchester City e Tottenham.

Paris je t’aime Lavezzi e la sua fidanzata Yanina hanno però un debole per Parigi. Non a caso, nell’ottobre scorso i due approfittarono di un weekend libero per fare una gita da quelle parti con tanto di foto ricordo su Twitter con alle spalle l’Arco di Trionfo. Di sicuro, il Pocho in Francia potrebbe vivere conmenopressioni rispetto a Napoli e, soprattutto, guadagnare almeno il doppio. «Chissà, se Lavezzi andasse al Psg potrebbe poi aver bisogno di un periodo di ambientamento. Non è detto che giochi subito come nel Napoli», ha spiegato De Laurentiis quasi a voler allontanare lo spettro di un eventuale addio. Anzi, per provare ad instaurare rapporti di buon vicinato con i francesi, il presidente del Napoli ha lanciato una proposta: «Mi piacerebbe invitare il Paris Saint German al San Paolo per una amichevole, oppure potremmoandare noi a giocare al Parco dei Principi».

La Juve e Vargas Intanto, domani c’è il Catania: «Un avversario tosto, tostissimo. Noi, però, vogliamo tornare in Champions. La Coppa Italia? Contro la Juve è sempre una sfida elettrizzante. Mi piacerebbe da morire andare a giocare la Supercoppa a Pechino». La prossima stagione sarà quella di Vargas: «In Sudamerica ha fatto tantissimi gol, ma serve almeno un anno per ambientarsi in Italia e poi spessomanca il coraggio di lanciare i giovani. Li si manda a giocare prima in B e poi in provincia, allora—conclude De Laurentiis — mi chiedo quando mai saranno pronti per un grande club». Insigne ascolti e si prepari a tornare a Napoli, De Laurentiis non parla mai a caso.

Fonte : Gazzetta dello Sport

Diventa subito fan di CalcioNapoli24 e seguici su Facebook!

 » Classifiche
  • Juventus

    70

  • Lazio

    58

  • Roma

    57

  • Napoli

    50

  • Fiorentina

    49

  • Sampdoria

    49

  • Genoa

    44

  • Torino

    43

  • Milan

    42

  • Inter

    41

  • Palermo

    38

  • Sassuolo

    35

  • Chievo

    35

  • Udinese

    34

  • Empoli

    33

  • H.Verona

    33

  • Atalanta

    29

  • Cesena

    22

  • Cagliari

    21

  • Parma

    16

  • Carlos Tévez

    17

  • Jérémy Menez

    16

  • Mauro Icardi

    15

  • Luca Toni

    15

  • Gonzalo Higuaín

    13

  • Paulo Dybala

    13

  • Fabio Quagliarella

    11

  • Antonio Di Natale

    10

  • Manolo Gabbiadini

    10

  • José Callejón

    9

  • Cyril Théréau

    9

  • Miroslav Klose

    9

  • Éder

    9

  • Domenico Berardi

    9

  • Felipe Anderson

    9

  • Adem Ljajic

    8

  • Stefano Mauri

    8

  • Simone Zaza

    8

  • Filip Djordjevic

    7

  • Franco Vazquez

    7