De Giovanni: "Ed è da un gol così che può partire un sogno: quel vecchio tifoso ha risentito il forte battito"

Rassegna Stampa  
Il pensiero di De GiovanniIl pensiero di De Giovanni

Scrive Maurizio De Giovanni nel suo editoriale per Il Corriere del Mezzogiorno: "È per questo, in nome di questo ricordo, che siamo balzati in piedi, la bocca aperta e gli occhi scintillanti, senza accorgerci di stare urlando ma avendone la successiva consapevolezza nell’urlo degli altri presenti. Perché abbiamo sentito all’improvviso, nel sangue e nel cuore, quella stessa folle incoscienza, quell’audace ribalderia che sentimmo allora, quando eravamo stipati in curva B e capimmo che l’impossibile era solo un piccolo ostacolo da superare. L’avversario curiosamente era lo stesso, ma il campo era il nostro. Non c’era la brutta copertura posticcia, non c’era il limite alla capienza. Non c’erano (ancora) scudetti nel passato, non c’erano automatismi e rodati movimenti corali. Non c’erano certezze, ma non c’erano barriere alla speranza. Il fatturato era un concetto astruso e secondario, e si marcava a uomo, se uomo era quello che potevi marcare perché a volte Qualcuno decideva di essere immarcabile, e non c’era verso. Quello era uno di quei giorni, ricordiamo bene. Da solo aveva smantellato la Lazio di Lorenzo, uno dei tanti nemici argentini ai quali amava mostrare una speciale grandezza: tre gol, uno comparendo all’improvviso a intercettare un retropassaggio, un altro successivo direttamente dalla bandierina, così, come fosse niente. Ma il secondo dei tre, è quello che mercoledì sera ci è ricomparso davanti al cuore a tradimento, fermandoci i pensieri e riportandoci a quando fu squarciato il velo dell’impossibile: perché oggi come allora il calciatore azzurro di piccola statura, mulinando le corte gambe all’indietro, senza guardare porta e posizione del portiere, senza goniometro e computer, senza lunghe riflessioni e senza ipotizzare comodi passaggi al centro a sopraggiungenti compagni, be’, il piccolo calciatore azzurro ha disegnato la Parabola Perfetta, e la palla è morta dove doveva morire, e il portiere non ha detto niente perché niente poteva dire.

E allora la mente del vecchio tifoso ha cominciato a ricordare quello che successe dopo, perché palloni così, traiettorie così segnano un prima e un dopo. Mercoledì abbiamo solo visto un gol, certo. Il mondo dopo quel gol era lo stesso di prima, coi suoi guai e le sue bellezze. Ma siccome il calcio è fatto della stessa materia dei sogni, allora il vecchio tifoso si è goduto quel salto di battito che non sentiva da tanto, tanto tempo. E non fa paragoni, per carità: il protagonista di oggi ha la sua meravigliosa grandezza, ma Lui era Lui e nessuno può ricondurlo sulla normale terra. Tuttavia il gol è “quel” gol. Proprio lui, non un altro, come se il tempo non fosse passato. Ed è da un gol così che può partire un Sogno".

Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    66

    25
    21
    3
    1
  • JuventusCL

    65

    25
    21
    2
    2
  • RomaCL

    50

    25
    15
    5
    5
  • InterCL

    48

    25
    13
    9
    3
  • LazioEL

    46

    24
    14
    4
    6
  • SampdoriaEL

    41

    25
    12
    5
    8
  • Milan

    41

    25
    12
    5
    8
  • Atalanta

    38

    25
    10
    8
    7
  • Torino

    36

    25
    8
    12
    5
  • 10º

    Udinese

    33

    25
    10
    3
    12
  • 11º

    Fiorentina

    32

    25
    8
    8
    9
  • 12º

    Genoa

    30

    25
    8
    6
    11
  • 13º

    Bologna

    30

    25
    9
    3
    13
  • 14º

    Cagliari

    25

    25
    7
    4
    14
  • 15º

    Chievo

    25

    25
    6
    7
    12
  • 16º

    Sassuolo

    23

    25
    6
    5
    14
  • 17º

    Crotone

    21

    25
    5
    6
    14
  • 18º

    SpalR

    17

    25
    3
    8
    14
  • 19º

    VeronaR

    16

    24
    4
    4
    16
  • 20º

    BeneventoR

    10

    25
    3
    1
    21
Dapa Trasporti
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Siparietto durante la conferenza stampa a Lipsia, Sarri al traduttore: "Gli ultimi cinque minuti non li ho detti!" [VIDEO]