Stadio San Paolo, ass. Borriello: "Addio terzo anello, nuovi sediolini, zero maxi schermi e capienza ridotta: il progetto, la convenzione e le false cifre di ADL" [VIDEO CN24]

Primo Piano  
Ciro Borriello, assessore allo sport Comune di Napoli, ai microfoni di CalcioNapoli24Ciro Borriello, assessore allo sport Comune di Napoli, ai microfoni di CalcioNapoli24

di LeonardoVivard - Twitter: @LeonardoVivard

PALAZZO SAN GIACOMO - Situazione San Paolo in evoluzione, dopo le dichiarazioni di Aurelio De Laurentiis (che non vanno tanto per il sottile), arrivano anche gli aggiornamenti da parte del Comune di Napoli sull'impianto di Fuorigrotta. 

Demolizione, maxi schermi, sediolini, tribune a scomparsa, settore ospiti e convenzione: questi gli argomenti toccati dall'assessore allo sport, Ciro Borriello, in un'intervista ai nostri microfoni (clicca sul video in allegato per l'integrale)


Il Credito Sportivo ha concesso un finanziamento di 25 milioni di euro: fino ad ora quanto è stato speso?

Siamo intorno ai 2 milioni e qualcosa, con i bagni a 3 milioni e oltre. C'è un altro lotto dei lavori che riguarderà la messa in sicurezza con il controllo di 500mila bulloni che mantengono i piloni della copertura. 

I tempi per questa parte di lavori?

Entro fine stagione calcistica inizieremo con la sostituzione dei sediolini. Periodo di maggio. I lavori che riguarderanno i bagni comprenderanno anche una parte dei sediolini del settore ospiti: questo dovrebbe essere il primo da cui iniziare. Da maggio, poi, il San Paolo sarà un cantiere a cielo aperto. S'interverrà sull'illuminazione, sul sistema idrico e le palestre. Sarà questa la fase di lavori che i tifosi potranno constatare con i proprio occhi. 

Ci saranno sediolini diversi a seconda del settore?

Assolutamente sì. E' prevista un monoscocca per i settori popolari quali le curve. Una doppia seduta per i Distinti. E un'ulteriore differenziazione anche per le tribune. 

Cosa ne sarà del terzo anello, attualmente inutilizzato?

Lo smonteremo completamente. Sarà reso invisibile, con opere di schermatura. 

Di quanto sarà la riduzione dei posti a sedere?

Difficile dirlo prima di entrare nel vivo dei lavori. Oggi siamo a 62mila, arriveremo a 53-54mila spettatori. Dipende anche dal posizionamento dei sediolini, questo ci farà capire esattamente di quanto sarà la riduzione in termini di spettatori. Saranno rimosse le prime file in basso del primo anello, perchè non rispettano i criteri di visibilità. 

C'è la possibilità di vedere tribune a scomparsa sulla pista d'atletica?

Sì. E' stata una richiesta del presidente De Laurentiis a cui non abbiamo detto no. Sarebbero dei box aggiuntivi. Si dovrebbe ovviamente pagare una differenza aggiuntiva sul canone di fitto. 

Vedremo maxi schermi in curva?

No, da progetto non sono previsti per il momento. Speriamo che il Napoli possa contribuire in tal senso per il futuro. 

C'è possibilità di bonificare l'area circostante allo stadio?

E' una delle cose che vorremmo fare in sinergia con il Calcio Napoli, ma alle attuali condizioni economiche questa cosa non è fattibile. 

La SSC Napoli aveva un contratto di fitto per la struttura con l'amministrazione Iervolino di 500mila euro all'anno. La firma sulla convenzione tarda ad arrivare per problemi di natura economica?

Sì, il tutto è dato da una serie di compensazioni. Era giusto che il presidente De Laurentiis pagasse questa cifra, anche per il periodo storico-economico della società. Oggi non può essere così: il Calcio Napoli è un'azienda seria, con introiti importanti. 

C'è ancora un gap tra richiesta del Comune e offerta di De Laurentiis?

Sì, stiamo lavorando per livellare questa distanza. Le cifra, però, non sono quelle dette ieri dal numero uno del club (7mln di euro ndr). Quest'importo non tiene conto dei fitti arretrati che la società ci deve: alcuni lavori sono stati fatti da parte loro, ma la cifra in questione è nettamente più bassa. Devono essere riconosciute delle annualità non ancora corrisposte. 

De Laurentiis ci offrì uno studio di fattibilità con un progetto di 13 milioni, e non 20 come ha ribadito poi lui, per l'utilizzo dello stadio in esclusiva per 99 anni: tradotto avremmo dovuto regalare il San Paolo. Ovviamente lo bocciammo. Nessun tribunale della Corte dei Conti ce lo avrebbe permesso. 

"Ho chiesto al Comune di buttare giù il San Paolo" virgolettato di De Laurentiis ieri: è vero?

Non ufficialmente. Ma nelle varie riunioni sì, lui ci ha ribadito questa idea futuristica. Ma attualmente demolire il San Paolo è impossibile: è un bene vincolato, ha superato i 50 anni di età e risponde perfettamente all'attuale normativa antismica. 

RIPRODUZIONE RISERVATA

VIDEO ALLEGATI
Altre Notizie
I più letti
Classifica
  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    35

    13
    11
    2
    0
  • InterCL

    33

    13
    10
    3
    0
  • JuventusCL

    31

    13
    10
    1
    2
  • RomaCL

    30

    12
    10
    0
    2
  • LazioEL

    28

    12
    9
    1
    2
  • SampdoriaEL

    26

    12
    8
    2
    2
  • Milan

    19

    13
    6
    1
    6
  • Torino

    18

    13
    4
    6
    3
  • Fiorentina

    17

    13
    5
    2
    6
  • 10º

    Chievo

    17

    13
    4
    5
    4
  • 11º

    Bologna

    17

    13
    5
    2
    6
  • 12º

    Atalanta

    16

    13
    4
    4
    5
  • 13º

    Cagliari

    15

    13
    5
    0
    8
  • 14º

    Udinese

    12

    12
    4
    0
    8
  • 15º

    Crotone

    12

    13
    3
    3
    7
  • 16º

    Sassuolo

    11

    13
    3
    2
    8
  • 17º

    Spal

    10

    13
    2
    4
    7
  • 18º

    GenoaR

    9

    13
    2
    3
    8
  • 19º

    VeronaR

    6

    13
    1
    3
    9
  • 20º

    BeneventoR

    0

    13
    0
    0
    13
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Pedullà: "De Laurentiis valuta se prendere Inglese a gennaio, possibile anche un'altra opzione"