Leader Reina, la gioia e l'urlo negli spogliatoi a fine gara: "Mo' non ci dobbiamo più fermare"

Primo Piano  

E' stato tra i protagonisti assoluti del match contro il Bologna ed è ritornato il leader dello spogliatoio dopo le tentazioni PSG. L'edizione odierna de Il Mattino racconta di un Pepe Reina su di giri negli spogliatoi a fine gara: "Pareva che non dovevano rivedersi più, Pepe Reina e gli altri azzurri. Dopo la gara con l’Atalanta quel pianto nel giro di campo sembrava un addio. Anzi per molti era un addio. Macché, ha asciugato alla svelta quelle lacrime e si è subito messo a capo di quella squadra pazzesca che si è messa in testa di voler vincere il campionato. «Mo’ non ci dobbiamo più fermare», ha urlato nello spogliatoio del Dall’Ara. Una carica particolare, di chi sa bene che questa vittoria è figlia della sofferenza".

VIDEO ALLEGATI

Altre Notizie

I più letti

Classifica

  • #

    Squadra

    PT
    G
    V
    N
    P
  • NapoliCL

    15

    5
    5
    0
    0
  • JuventusCL

    15

    5
    5
    0
    0
  • InterCL

    13

    5
    4
    1
    0
  • MilanCL

    12

    5
    4
    0
    1
  • TorinoEL

    11

    5
    3
    2
    0
  • LazioEL

    10

    5
    3
    1
    1
  • Roma

    9

    4
    3
    0
    1
  • Sampdoria

    8

    4
    2
    2
    0
  • Atalanta

    7

    5
    2
    1
    2
  • 10º

    Fiorentina

    6

    5
    2
    0
    3
  • 11º

    Cagliari

    6

    5
    2
    0
    3
  • 12º

    Chievo

    5

    5
    1
    2
    2
  • 13º

    Bologna

    5

    5
    1
    2
    2
  • 14º

    Sassuolo

    4

    5
    1
    1
    3
  • 15º

    Spal

    4

    5
    1
    1
    3
  • 16º

    Udinese

    3

    5
    1
    0
    4
  • 17º

    Genoa

    2

    5
    0
    2
    3
  • 18º

    VeronaR

    2

    5
    0
    2
    3
  • 19º

    CrotoneR

    1

    5
    0
    1
    4
  • 20º

    BeneventoR

    0

    5
    0
    0
    5
Back To Top

Ti potrebbe interessare

Strinic attacca Sarri: "E' un uomo freddo! Mica ero al Napoli per fare panchina e guardare il conto in banca..."